Niente più supporto al single player di Mass Effect: Andromeda

niente più supporto per il single player di mass effect: andromeda

Che Mass Effect: Andromeda fosse nato sotto una cattiva stella è stato chiaro sin da subito. Dopo essere stato per mesi nell’occhio del ciclone per la querelle scatenata dalle animazioni del gioco, Bioware sta tentando in tutti i modi di rilanciare il suo titolo. Come molti avranno potuto constatare, nonostante non siano passati neanche cinque mesi dalla sua release, il videogame può essere acquistato facilmente ad un prezzo quasi dimezzato rispetto a quello di lancio. Nonostante il team di sviluppo sia stato messo “in ghiacciaia”, nonostante le 10 ore di gioco gratuite concesse ai giocatori indecisi sull’acquisto, le cattive notizie per l’ultimo capitolo di Mass Effect sembrano non essere finite.

È di poco fa, infatti, la notizia della cessazione del supporto al single player del gioco da parte di Bioware.

Niente DLC per la trama di Mass Effect: Andromeda

niente più supporto per il single player di mass effect: andromeda

Ad annunciare il fatto è il team di sviluppo di Mass Effect: Andromeda, attraverso un post sul sito del franchise. Stando a quanto si legge, la porzione single player del gioco non sarà più supportata. Tutto ciò non solo significa niente di più patch, ma anche niente più DLC che possano espandere la trama del gioco. La patch 1.10 sarà quindi l’ultimo aggiornamento per lo story mode, che poneva dei fix a tutta una serie di bug riscontrati dalla community, tra cui le tanto vituperate ed imperfette animazioni.

Di seguito, riportiamo integralmente il comunicato.

“Sin dal rilascio ufficiale di Mass Effect: Andromeda, abbiamo lavorato duro per rispondere ai feedback rilasciati dalla community. Dal miglioramento delle animazioni fino all’espansione delle opzioni di personalizzazione, abbiamo sempre cercato di rispondere alle vostre preoccupazioni, e di realizzare ciò che voi amavate.

Con ogni singolo aggiornamento rilasciato, ci avete fatto capire che stavamo andando nelle direzione giusta, e siamo grati a tutti coloro che si sono uniti a noi in questa avventura. Siamo fieri di ciò che abbiamo creato, e spero che anche voi abbiate goduto appieno del gioco.

Sin dalle prime fasi dello sviluppo, abbiamo deciso di concentrare la storia di Mass Effect: Andromeda sul Pathfinder, l’esplorazione della Galassia di Andromeda, e sul conflitto con Archon. Il gioco è stato concepito per espandere l’avventura del Pathfinder in questa nuova galassia attraverso le missioni mutiplayer APEX, tutte basate sulla trama principale. Continueremo ad approfondire la storia con una serie di fumetti e romanzi di prossima uscita, senza dimenticarci del Quarian Ark.

L’update 1.10 sarà l’ultimo per Mass Effect: Andromeda. Non sono previste patch future per il single player o contenuti in-game per la trama principale.

Nelle prossime settimane, il nostro team pubblicherà i dettagli circa i prossimi contenuti a supporto dell’esperienza multiplayer. Tutto questo includerà nuove missioni, nuoi character kit e nuovi oggetti sullo store per il N7 Day.

Apprezziamo i milioni di utenti che ci hanno seguito nella Galassia di Andromeda. Speriamo di vedervi ancora nell’universo di Mass Effect.

Il Team di Mass Effect: Andromeda

Se volete sapere cosa ne pensiamo di Mass Effect: Andromeda, leggete la nostra recensione. Se invece avete da poco comprato il gioco e non volete partire impreparati nell’esplorazione di Andromeda, cliccate qui e seguite i nostri consigli.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Mass Effect Andromeda: stop agli aggiornamenti per il single player

Malkavian crop

Vampiri: la Masquerade. La Rete della solitudine Malkavian