Borderlands 3 | Guida | Come aprire le casse di Eridium

guida per aprire le casse di eridium in borderlands 3


Già presente in Borderlands 2, anche nel terzo capitolo della serie è possibile collezionare pezzi di Eridium. In questa guida, vi daremo una mano a trovare le fonti di Eridium e a capire come distruggere le casse che contengono il prezioso materiale.

Ci sono principalmente due modi per ottenere Eridium, è molto più semplice di quanto si pensi, ma una volta trovata una cassa e constatato che risulta praticamente infrangibile, i più potrebbero scoraggiarsi. Vediamo, dunque, come aprire le casse di Eridium e farne man bassa.

dove trovare l'eridium in borderlands 3
L’Eridium è un materiale prezioso di Borderlands 3. In questa guida vediamo come ottenerlo dalle due fonti principali: le casse e le pile di eridium.

Borderlands 3 | Eridium: cos’è e dove si trova

In Borderlands 3 , l’Eridium viene utilizzato per vari scopi: è possibile acquistare oggetti cosmetici dal negozio Sanctuary III, oppure utilizzare una slot machine Eridium per tentare la fortuna e trovare armi e oggetti molto interessanti. Se si è abbastanza fortunati, da una di queste slot può avvenire il drop di un’arma leggendaria. L’eridium può anche essere usato come munizioni per una pistola particolare, quindi è bene averne sempre con sé un bel po’.

Dove si trova questo materiale? Principalmente ci sono due fonti: le casse e delle pile di eridium che possono essere distrutte per raccoglierne i frammenti. Le casse sono facilmente riconoscibili: si tratta di forzieri che presentano dei cristalli viola su tutta la superficie. Ben presto, scoprirete che queste casse sono infrangibili, proprio come le pile di eridium. Dunque, com’è possibile ottenere eridium? Trovando un oggetto che descriveremo nel prossimo paragrafo.

Nota: Stranamente, i cadaveri infetti da Eridium possono essere facilmente distrutti, quindi sarete in grado di raccogliere parte di questa preziosa risorsa proprio dai corpi, senza bisogno di alcun oggetto. La quantità di materiale raccolta da questa fonte secondaria, però, è risibile.

eridium borderlands 3
Le casse di Eridium sono circondate da cristalli viola. Trovate il sonar per aprirle e agguantarne il contenuto.

Come aprire le casse e distruggere le pile di Eridium

Ci vorrà un po’ prima che possiate iniziare a collezionare questa preziosa risorsa perché casse e cumuli di eridio possono essere distrutti solo una volta che avrete scoperto un artefatto speciale, una sorta di sonar che con il proprio suono riesce a distruggere i cristalli. Trovare il dispositivo è semplice: Basta andare avanti nella storia principale. Succede tutto naturalmente, quindi non potete perderlo.

Per essere più specifici (non leggete se non volete spoiler) il dispositivo per l’Eridium si trova a metà partita, una volta raggiunto il Great Vault su Promethea. Nella camera sotterranea della Basilica Dimenticata, incontrerai un mostro furioso dopo aver sbloccato l’ingresso della volta.

Come ricompensa, riceverete uno speciale dispositivo simile a un sonar che vi permetterà di distruggere i cluster di Eridium e aprire le casse. Per aprire un forziere, basta distruggere l’Eridium attorno ad esso, quindi sarete liberi di aprirlo.

Il dispositivo è un oggetto permanente e non è necessario equipaggiarlo o cose del genere. Non rientra nel vostro inventario, quindi sarete in grado di distruggere Eridium in modo del tutto automatico, una volta ottenuto lo strumento.

L’eridium è molto, molto utile. Il consiglio è di tornare nelle aree che avete già visitato e distruggere i cristalli, visto che per metà del gioco, tutte le casse che incontrerete non saranno apribili a causa della mancanza del dispositivo che vi permette di farlo. Una volta fatto, aprite le casse nelle nuove zone che sbloccherete. Ben presto avrete un’ottima scorta.

Non è finita qui!

Scopri altre guide, soluzioni, walkthrough o trucchi per completare il gioco al 100%!

Hai suggerimenti o domande?
Segnalacelo nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

I grandi successi videoludici made in Svezia fanno numeri da capogiro

Project Resistance e il rapporto di Resident Evil con il multiplayer