D&D 5: A novembre esce la Xanathar’s Guide, ricca di opzioni per PG e DM

Xanathar


È di ieri l’annuncio ufficiale su Twitch: il 21 novembre vedrà la luce la Xanathar’s Guide to Everything, un nuovo manuale per D&D 5 che promette, con le sue circa duecento pagine, di essere il più ricco fino ad ora di nuove opzioni per giocatori e Dungeon Masters.

Crawford su Twitter parla di nuove sottoclassi, incantesimi, regole per oggetti magici e per il downtime, trappole e altro ancora.

Più nello specifico, ogni classe avrà almeno due nuove sotto-classi, tranne il mago per cui ce ne sarà soltanto una nuova, per un totale di più di venticinque.

Crawford specifica che queste aggiunte vengono dagli Unearthed Arcana, le pubblicazioni periodiche online, della Wizard of the Coast ma non utilizzabili in contesti ufficiali come la Adventurers’ League perché si tratta di proposte e idee che possono venire playtestate dai tanti giocatori sparsi in tutto il mondo.

Dai feedback ricevuti, sono state “scremate” le opzioni più interessanti e bilanciate, e saranno quelle che vedremo nella Guida di Xanathar, e che dunque diventeranno anche legali nella League.

Per questo, su Reddit ci sono già ipotesi su quali sottoclassi sarà più probabile vedere, in quanto tra le più testate e apprezzate degli Unearthed Arcana. Si parla del percorso del “Guardiano Ancestrale” per il Barbaro, del Collegio bardico delle Spade, della possibilità per i guerrieri di essere Arcieri Arcani, della Via del Kensei per gli orientaleggianti monaci, e dell’Anima Prescelta per lo Stregone.

A giudicare dalle immagini, così come già fatto per la Volo’s Guide to Monsters, la Xanathar’s Guide sarà disponibile anche in edizione limitata con una copertina diversa.

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alex Grisafi

Classe '93, siciliano di origini, bresciano di nascita, a Milano per studi e lavoro.

Ho iniziato con i giochi di ruolo in seconda media con D&D 3.5, arrivando a giocarne una settantina (a novembre 2019), dai più noti agli indie. Ho approfondito parecchio questioni di game design dei GDR e di come i sistemi permettono di raccontare alcune storie e non altre - e intersecando il tema con un altro che mi sta a cuore, ossia della rappresentazione e inclusività di categorie marginalizzate.

Stando ad un impiegato Mad Catz era nei guai da anni

Vampiri: la Masquerade. L’irrequietezza del Sabbat in quel di Las Vegas