Diario del dott. Flammini 13 Novembre 1957 – Parte III

Diario del dott. Flammini 13 Novembre 1957 - Parte III


Diario del dott. Flammini 13 Novembre 1957 – Parte III

Non sono più nel pieno delle mie facoltà.
Devo guadagnarmi la stima del Gran Maestro in tutti i modi e… le campane? Le campane che suonano, come ai vecchi tempi, come quando qualcuno muore. Qualcuno è venuto meno ed io ho fallito, fallito nuovamente.

Sento un forte clamore fuori dalla porta. TA-TLACK! Sono stato chiuso dentro. Si, deve essere stato l’uomo posto di guardia posto fuori dalla mia cella.

Ora vi è solo silenzio, innaturale silenzio, proprio come quella volta.

[…]

MIO DIO, MIO DIO. OH MIO DIOOOO!!
HA, ha cercato di prendermi. Ha sfondato la porta con quella sua… arma.
Era orribile. I suoi occhi! Non riesco a concentrarmi: non riesco a scrivere, la mia mano trema ancora.

[…]

Quello è l’inferno: orribile. I suoi occhi cercavano, voleva la mia carne. Voleva nutrirsi della mia anima. Non capisco. Non mi capacito.

Quell’odore di benzina, quel misto, si, quel puzzo di benzina e sangue mescolato insieme non si lava via più dalla mia pelle. Rimarrà con me, lo sento.
Lo hanno aperto, davanti al mio viso. Io lo conoscevo, era vivo, era cosciente ne sono certo e volevo salvarlo ma loro lo hanno… mi hanno salvato. Io volevo salvare lui, Loro hanno salvato me. che ingenuo che sono.

Voleva solo la mia carne e di lui ricorderò ora solamente la sua testa che si apre in due, dilaniata da un enorme blocco di acciaio che la passa da parte a parte quale fosse burro. Ingranaggi e catene dalla foggia sacra ignominiosamente chiamate EXPIATOR!

Amos ora è andato via ha intimato che riposassi sostenendo la durezza della giornata ma ormai non riesco più a dormire. Devo scrivere. Che di me rimanga qualcosa quando diventerò come LORO. Non posso permettermi il lusso di riposare, non ho tempo.

Quale vigliacco sono, solo menzogne quest’ultime. La verità è che se mi addormento lui verrà a perseguitarmi nei miei sogni, tramutandoli in incubi.

Non posso dormire, non posso addormentarmi!

Non posso dormire…

…armi!

<-Capitolo XXXIII Capitolo XXXV->

________________________________________________________________________

[amazon_link asins=’8899579105,8895313127,8899579059′ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’f8d43686-efdc-11e7-863b-93dfe72b7799′]

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Andrea De Bellis

Appassionato da sempre di gioco di ruolo, intervallo per anni la mia vita tra questi, lo studio e il lavoro. Dopo un periodo da giornalista professionista decido di laurearmi in storia, mia altra grande passione. Da qui il passo alla scrittura è breve.

Comprendendo come l'intrattenimento non possa essere in alcun modo scisso dal provare emozioni, mi propongo quale recensore emozionale per Player.it, ideando e curando nel frattempo le rubriche "Italy&Videogames", "Interviste Impossibili", "LARP: A Night With..." e "Autori di Ruolo: D12 domande a...", scrivendo il romanzo "Il diario del dott. Flammini" e ideando e lanciando le rubriche "Venerdì Oldies" e "Recensioni Emozionali", sostenendo sempre quanto sia più interessante parlare di "cosa suscita un titolo quando lo si gioca" piuttosto che l'evergreen "cosa è e come come funziona questo gioco".

Il gioco è intrattenimento, l'intrattenimento è emozione, l'emozione è vita.

Final Fantasy Trading Card Game: vendite da record

Vediamo gli eventi invernali nei giochi di Perfect World Europe