Recensione di Loot Island

Recensione di Loot Island
Oggi vi parleremo di antichi tesori e di una misteriosa isola maledetta, non temete non vi proporremo l'ennesima sceneggiatura dei Pirati dei Caraibi, ma un gioco da tavolo che unisce perfettamente la collaborazione e la competizione, vi presentiamo Loot Island.

Oggi vi parleremo di antichi e inestimabili tesori e di una misteriosa isola maledetta…

Una terribile maledizione colpì questa bellissima isola. Così, tanto per fare.

Che un tempo era il covo perfetto per gli spietati e avidi pirati e le loro immense ricchezze…

Pirati opportunisti e ingegnosi capirono presto che l’isola era il nascondiglio perfetto per i propri tesori che, lì sepolti, sarebbero stati impossibile da rubare ( di nuovo ).

Non temete non vi stiamo per proporre l’ennesima sceneggiatura dei Pirati dei Caraibi, ma un gioco da tavolo che unisce perfettamente la collaborazione e la competizione, vi presentiamo Loot Island. Un simpaticissimo strategico da 2 a 5 giocatori creato dalla casa tedesca What’s Your Games e distribuito qui in Italia dalla nostra cara Red Glove, che ringraziamo vivamente per averci fatto provare questo fantastico gioco.

Contenuto della scatola

Loot Island
Ecco a voi Loot Island (pistole, Rum e nave pirata non compresi).

La confezione colpisce subito per il suo splendido disegno e inoltre non essendo di grandi dimensioni è molto facile da trasportare nel caso si debba andare a casa di amici per una serata dedicata ai giochi da tavolo. Nonostante le dimensioni contenute della scatola l’interno è sorprendente, perché è strapieno di materiale di gioco.

  • 1 Tabellone Isola
  • 7 Tessere Isolotto
  • 1 Tessera Primo Giocatore
  • 1 Nave
  • 15 Dischi Bussola
  • 5 Carte Personaggio
  • 80 Cubi Maledizione
  • 18 Carte Evento
  • 74 Carte Tesoro
  • 88 Carte Mappa (di 5 colori diversi)
  • 14 Carte Guaritrice
  • 5 Carte Riferimento
  • 1 Blocco Punteggio

Ma per prevenire il disordine, che si creerà inevitabilmente con così tanti oggetti a disposizione, sono comprese anche ben 8 bustine di plastica, con cui potremo gestire al meglio gli spazi ed evitare che il tutto si mischi a casaccio rendendo molto lenta la partenza del gioco.

La X segna il tesoro!

In Loot Island i giocatori impersoneranno degli esploratori degli inizi del 1900, precisamente del 1902 d.c., che, con la loro Nave, dovranno riuscire a trovare i preziosi tesori un tempo nascosti dai pirati, e potranno farlo utilizzando della vecchie mappe.

Infatti per trovare le inestimabili ricchezze i giocatori avranno a disposizione delle carte Mappa che potranno giocare negli approdi di una delle quattro coste dell’isola, in base a dove si trova al momento la Nave, rappresentata da un segnalino di legno.

Loot Island
Una semplice scala, che però non è abbastanza grande per trovare il bottino.

Nel punto scelto si potranno posizionare una o più carte, ma queste dovranno essere tutte dello stesso colore e il numero presente dovrà essere pari o superiore di quello della carta precedente, insomma si devono creare delle scale. Gli altri giocatori durante il loro turno potranno aggiungere carte alle pile già esistenti o crearne di nuove, se possibile.

Quando i giocatori non avranno più la possibilità di effettuare alcuna azione, si dovrà guardare quali degli approdi abbiano almeno 6 carte Mappa (5 carte se si gioca in 4 e 4 carte se si è in 2 o 3) e quelli che rispetteranno questa condizione riveleranno un bottino che sarà dedicato a chi avrà giocato almeno una carta in quell’approdo.

Molti dei tesori così ottenuti, che potremo anche decidere di non prendere, spesso ci daranno delle Maledizioni, che ci segneremo con dei piccoli cubetti di legno neri sulla nostra carta personaggio.

Gli Isolotti

Fortunatamente aggiungere carte Mappa non è l’unica azione che i cercatori di tesori possono fare, infatti è anche possibile utilizzare uno dei sette Isolotti disponibili, i quali offrono effetti particolari come spostare la Nave su un altro approdo, pescare subito un tesoro, rimuovere segnalini Maledizione e molti altri.

Loot Island
Gli Isolotti permettono di creare, o rovinare, ottime strategie.

Durante la partita sfruttare bene l’effetto di un Isolotto al momento giusto può essere cruciale per la vittoria e inoltre può essere molto utile anche per mettere i bastoni tra le ruote ai propri avversari nelle maniere più disparate.

Chiamate una Guaritrice!

Una volta che la partita è conclusa ogni giocatore inizia a contare i punti che ogni tesoro gli ha fornito, considerando anche che alcuni oggetti possono dare punti bonus se si rispettano determinate condizioni.

Loot Island
A volte le Guaritrici posso essere così costose da farvi andare in banca rotta. Scegliete la più economica mi raccomando!

Ma la parte cruciale arriva ora, perché gli esploratori maledetti dovranno scegliere la propria Guaritrice, un personaggio che ci rimuoverà tutte le brutte Maledizioni di Loot Island, ma purtroppo niente è gratis. Infatti ogni Guaritrice avrà un onorario diverso e ogni giocatore dovrà scegliere quella più conveniente, ovviamente il fortunato che sceglierà per primo sarà avvantaggiato, ma se i giocatori non riusciranno a rimuovere tutte le Maledizioni perderanno subito.

Ma purtroppo per gli sfortunati esploratori che avranno 13 o più maledizioni non ci sarà più niente da fare…

Conclusioni

Loot Island si rivela essere un gioco da tavolo strategico molto divertente e davvero ben fatto, anche se nella prima partita le meccaniche possono sembrarvi complesse in realtà sono molto semplici, quindi non fatevi frenare nel rigiocarci e vedrete che la seconda volta sarà molto più fluida, veloce e avvincente.

Loot Island
Una marea di tesori, il sogno di ogni esploratore.

Inoltre il manuale è scritto davvero bene, si nota subito la cura che è stata messa in questo lavoro di traduzione, di cui si è occupato Fabio Lupetti della Red Glove, la casa editrice che ha permesso a noi italiani di viaggiare comodamente fino a Loot Island.

[amazon_link asins=’B077X1K7ZL’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’81a858d6-ff8b-11e7-8487-bb60a367ee6d’]

Se vi interessano i prodotti targati Red Glove date anche un’occhiata anche a Warstones, il gioco da tavolo che unisce i wargame al Subbuteo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Federico Peres

Nato nel 1994 è giocatore assiduo di videogames di ogni genere e un amante di giochi da tavolo di tutti i tipi, con i dadi, le carte, le miniature e chi più ne ha più ne metta.

Minute Realms

Minute Realms – recensione

RPG battle grid griglia di battaglia

La Griglia di Battaglia nel gioco di ruolo: pro e contro