Recensione: Warstones


Dopo una lunga attesa ed una serie di infinite peripezie logistiche, Warstones di Red Glove è finalmente qui e noi di Player.it abbiamo subito “apparecchiato” la nostra tavola per provare la versione finale di questo wargame tutto italiano.

Lo scorso luglio abbiamo avuto modo di giocare col suo prototipo presso il Volver Cafè di Napoli e in quell’occasione abbiamo deciso di sostenere questo progetto tramite Game Booster, la campagna “preorder” ideata da Red Glove. Ma bando alle ciance e scopriamo insieme cosa ha da offrirci questo gioco.

[amazon_link asins=’B077C1K48W’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a950cd4a-ce06-11e7-9ab2-493360643c5d’]

Contenuto della scatola

  • 1 Campo di battaglia in tessuto fine.
  • 3 Torri in plastica.
  • 15 Fiche Impero della Fenice.
  • 15 Fiche Lares.
  • 7 Carte Impero della Fenice.
  • 7 Carte Lares.
  • 1 Tessera primo giocatore.
  • 2 Tessere conta azioni.
  • 36 Tessere miglioria.
  • 12 Tessere torre.
  • 11 Segnalini punto.

Guerrieri! Giochiamo a fare la guerra!

Warstones è il gioco che imperversa nelle locande del mondo Red Glove, dove a scontrarsi a colpi di schicchere o flick sono due fazioni: l‘Esercito della Fenice e i Lares.

warstones
L’Esercito della Fenice.

Il primo è formato dalle classiche unità fantasy medievali con paladini, maghi, crociati e arcieri.

warstones
I Lares.

Il secondo è caratterizzato da non morti risalenti all’età dell’antica Roma con centurioni, patrizi e vestali. Ogni esercito ha le sue peculiari unità ed abilità che potranno essere usate durante la battaglia. Ad esempio l’Impero ha molte unità che si potenziano fra loro mentre alcune truppe dei Lares posso sfuggire alla morte rinascendo come zombie.

Una volta stabilito i punti esercito con cui formare la nostra riserva e il tipo di scenario da giocare siamo pronti per cominciare.

Lo scopo del gioco è quello di conquistare le torri presenti sulla mappa e portare a casa il maggior numero di punti. La partita è fatta di round nella quale ogni giocatore ha 5 punti azione da spendere nel susseguirsi dei turni. In ogni turno può essere compiuta una sola azione che avrà un costo variabile a seconda della nostra scelta:

  • Reclutare (Costo variabile a seconda dell’unità).
  • Schierare (1 punto azione).
  • Attaccare (1 punto azione).
  • Assediare una torre (1 punto azione).
  • Attivare abilità (variabile).
  • Movimento (3 punti).
  • Passare il turno.

Quando tutti i giocatori avranno finito i punti azione il round si conclude, si resettano i punti e si passa la tessera primo giocatore all’avversario, questo procedimento verrà ripetuto per tutta la partita.

La miglior strategia è il flick!

Come detto prima Warstones è un gioco che metterà alla prova la nostra abilità di far viaggiare le fiche grazie a poderose schicchere, con questo gesto sarà possibile non solo muovere le nostre truppe sul campo di battaglia ma anche sbaragliare le formazioni avversarie buttandole fuori dal tabellone qualora i nostri valori d’attacco non superino quelle del nemico.

Naturalmente un flick sbagliato può totalmente capovolgere le sorti della partita quindi è possibile fare affidamento anche ai poteri e alle abilità dei nostri alleati per prendere il controllo di un settore della mappa. E’ possibile anche apportare delle migliorie, poteri da usare una tantum che aggiungono effetti in più al combattimento o al movimento.

Il campo di battaglia

La mappa sulla quale si svolgeranno le nostre battaglie presenta su due lati tre mezze lune che costituiscono le nostre basi e 9 grossi quadrati chiamati settori, all’interno della quale potranno essere usate le nostre abilità nei combattimenti.

Se si utilizzano le regole avanzate è possibile sfruttare anche i fattori ambientali presenti sulla mappa come fiumi, montagne e foreste. Ad esempio se un’unità si troverà in un fiume verrà considerata impantanata ed avrà -1 in forza.

Considerazioni finali

Warstones non delude le aspettative e si conferma un ottimo titolo per chi cerca qualcosa di più sostanzioso per passare le proprie serate tra amici. Come è tradizione Red Glove viene mantenuto un buon rapporto qualità – prezzo con materiali e cura per i dettagli uniti ad un prezzo contenuto. La mappa in tessuto sottile può far storcere un il naso ma vedere le fiche volare su di esso sana ogni dubbio, unica accortenza è quella di mettere una tovaglia sotto la mappa per evitare che scivoli via dal tavolo. Il gioco presenta diverse chiavi di lettura grazie ad un regolamento flessibile che rende Warstones adatto sia ai più piccoli che ai giocatori più navigati, che vogliono passare una spensierata serata tra amici o un vero e proprio torneo a colpi di flick!

Ringrazio infine Red Glove e Volver Cafè per avermi dato modo di provare questo divertentissimo gioco.

[amazon_link asins=’B077C1K48W’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’a950cd4a-ce06-11e7-9ab2-493360643c5d’]

 

samsung fair play

Samsung si prepara per i Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang 2018

The Ballad Singer | Intervista esclusiva