Tre giocatori di CS:GO bannati durante le qualificazioni all’ELEAGUE per CHEATING

eleague ban cheating counter strike
Tre giocatori di Counter Strike sono stati bannati durante l'ELEAGUE per cheating


In questi giorni si stanno disputando le qualificazioni europee per l’ELEAGUE, l’evento di Counter Strike: Global Offensive che si terrà a Boston. È accaduto un fatto increscioso: tre giocatori di tre team diversi sono stati bannati per aver fatto uso di cheat.


Si tratta di KerZe di Team Optimistic, Ciocardau di Invictus Aquilas e SodaH di PlanetenOG, i quali sarebbero stati colti con le mani nella marmellata da CEVO, il client-server. Durante le loro partite di qualificazione online avrebbero barato utilizzando dei cheat e sono stati scoperti. Il ban di Ciocardau è stato rilasciato dall’anti-cheat del client-server, mentre il ban di KerZe è stato dato manualmente da CEVO dopo un controllo del suo account. A quanto pare, l’anti-cheat di questo server ha avuto un ruolo determinante per scoprire la truffa in atto.

Ovviamente, i giocatori hanno creato un danno anche alle rispettive squadre, Team Optimistic, Invictus Aquilas e PlanetenOG sono state tutte squalificate dalle qualificazioni europee proprio perché avevano nel roster giocatori bannati. Nel caso di PlanetenOG, che stava andando molto bene, CEVO ha praticamente ribaltato tutti i risultati che, secondo il suo anti-cheat, erano illegittimi e frutto di cheating.

I team, però, non ci stanno. Invictus Aquilas, ad esempio, ha difeso l’integrità di Ciocardau su Twitlonger (applicazione che consente di scrivere testi molto più lunghi) dopo la partita, dicendo che il suo ban era “una grande violazione della fiducia da parte del CEVO”. Successivamente hanno twittato alcuni link che dimostrerebbero l’innocenza del proprio giocatore, accusato ingiustamente. Cliccando qui potete leggere il lungo post fatto in difesa di Ciocardau.

Abbiamo il sospetto che la faccenda non finirà qui. I team sono convinti dell’innocenza dei propri giocatori ed è anche vero che alcuni di essi non sarebbero nuovi a casi del genere. Ad esempio, SodaH di PlanetenOG fu bannato altre volte proprio dal CEVO. Inoltre, il team in questione ha avuto problemi con un altro giocatore, EKLN, il quale ha avviato una chat sospetta che potete leggere nel tweet in basso:

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Wolfenstein 2 artbook

Wolfenstein II: The New Colossus, una gallery dedicata ai personaggi femminili

Monster Energy Supercross: Milestone annuncia il gioco ufficiale