Governo finlandese riconosce i gamer come atleti

gamer come atleti


Gamer come atleti. Ne abbiamo parlato su Player.it riportando ieri la notizia sulla possibilità di vedere gli eSports alle Olimpiadi 2024 a Parigi. Le opinioni sono contrastanti, tra gli stessi gamer, per giunta. Arriva oggi però un’altra notizia che chiarisce ancor di più la situazione che si sta venendo a formare. Il governo finlandese, infatti, ha deciso di considerare i giocatori professionisti come atleti.


Gli eSports ottengono così un riconoscimento ufficiale da parte del governo finlandese poiché i giocatori pro sono ora considerati a tutti gli effetti come atleti di qualsiasi altra disciplina agonistica. La diatriba non è di facile risoluzione, anche se i riconoscimenti che nel tempo gli eSports stanno ottenendo non fanno altro che confermare lo status di disciplina sportiva da parte dei videogiochi competitivi. D’altronde è sì importante il pensiero dell’individuo comune, ma è ancor più fondamentale sentire ciò che hanno da dire le istituzioni e le personalità che alla fine le decisioni le prendono. In Finlandia hanno le idee chiare.

Gamer come atleti: la Finlandia dice sì

Secondo un articolo sul Nordic Business Insider, il Consiglio Fiscale finlandese ha recentemente annunciato di aver preso la decisione di considerare i giocatori di eSports come atleti a fini fiscali. La dichiarazione giustifica la mossa descrivendo lo sport in questo modo: “sport può anche significare gioco mentale di abilità, dove il successo è principalmente basato su qualcosa di diverso dalla prestazione fisica”.

La notizia arriva appena una settimana dopo il riconoscimento ufficiale che è stato dato agli eSports nelle Filippine. Il paese asiatico ha fatto sapere che darà tutto il suo supporto al settore.

Questa decisione significa ora che i salari e le vincite ottenute nei tornei saranno catalogati ora come “profitti per attività sportive professionali”. Di conseguenza, una parte di tale reddito può essere collocata in un fondo di investimento che dà diritto a un’esenzione dal pagamento della tassa. Lo scopo del fondo è quello di aiutare gli atleti a passare la transizione quando le loro carriere sportive si concluderanno – una mossa azzeccatissima visto che spesso le carriere di giocatori professionisti si concludono abbastanza presto, verso i trent’anni.

All’inizio di quest’anno un’indagine ha scoperto che la Finlandia è diventata ormai un gigante nell’industria dei videogames, infatti, oltre un miliardo di persone in tutto il mondo gioca con videogiochi che hanno origine sul suolo finlandese. Basti pensare che i creatori di titoli come Max Payne, Alan Wake (Remedy) e Angry Birds (Rovio) sono proprio finlandesi. Inoltre, quello scandinavo è uno degli stati che prevede nei propri atenei corsi di laurea sui videogiochi.

fonte: esportsinsider

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Super Meat Boy arriverà su Switch in formato digitale

Overwatch World Cup 2017

Le nuove squadre di Londra e Los Angeles si aggregano all’Overwatch League