Ogni anno, le settimane prima del The International sono sempre molto calme e tranquille.

Verso fine Giugno e inizio Luglio si concludono gli ultimi tornei importanti (a eccezione della Dream League, conclusasi 9 giorni fa con la seconda vittoria consecutiva del Team Liquid): dopodiché tutti i team si richiudono nelle rispettive gaming house e iniziano un regime di allenamenti serratissimi per poter arrivare a Seattle al meglio della forma.

Ora la calma prima della tempesta sta per terminare: quindi bando alle ciance e ricapitoliamo tutto quello che c’è da sapere sull’edizione 2017 del torneo più bello del mondo!

the international 2017

Le date e il formato del torneo

the international 2017
La suddivisione delle date.

Il torneo sarà a eliminazione singola/doppia e diviso in due fasi: i gironi e l’evento principale.
I due gironi saranno formati da nove squadre l’uno: ogni team affronterà tutti gli altri in partite alla meglio delle due e i primi quattro di ogni gruppo passeranno all’Upper Bracket, mentre coloro dal quinto all’ottavo posto passeranno al Lower Bracket; infine, i noni, ovvero gli ultimi del girone, verranno direttamente eliminati.

Questa fase a gironi inizierà il 2 agosto e terminerà Sabato 5. I gironi sono sempre un momento cruciale della competizione, perchè si possono già iniziare ad intravvedere i possibili favoriti.

La Key Arena in tutto il suo splendore.

Da Lunedì 7 in poi partirà il momento migliore, l’evento principale, che si terrà alla KeyArena di Seattle. In queste sei giornate si giocheranno tutte le partite di entrambi i bracket, fino alla finalissima che si terrà il 12.
Che dire, qua è dove si scrive la storia di Dota 2 perchè è durante questi match che vengono consacrati i grandi team, dove avvengono le rimonte più fortunate e le giocate più fenomenali.

Anche quest’anno ne vedremo sicuramente delle belle!

 

I gironi 

the international 2017 dota 2 gironi
I gironi del TI 7.

Annunciati pochissimi giorni fa, i gironi è dove i team si studiano, dove cercano di mettere a frutto tutti gli allenamenti e, in generale, è dove si delinea il metagame del TI 7.
Tutti siamo bene o male a conoscenza degli eroi che sono in voga al momento e di quale sia il modo migliore per approcciarsi a Dota in questa data patch, però è in questo momento che le cosiddette cheese strat vengono fuori: trucchetti, strane sinergie e tattiche segrete che i team si sono preparati nel periodo di allenamento

La combo Void + Skywrath Mage, Mirana + Bane oppure il creare illusioni di ogni carry con lo Shadow Demon e schiantarle a ripetizione contro la torre: tutti esempi di strategie facili da eseguire e che possono sorprendere il nemico, regalandoti vittorie inaspettate.

Giudicare quale sia il girone più agguerrito è sempre un’impresa: nel girone A troviamo squadre come Team Liquid, Team Secret, Evil Geniuses e LGD, alcune delle quali favorite a vincere l’interno torneo; mentre nel B abbiamo nomi del calibro di OG, Virtus.Pro, LFY e Newbee … Che dire, vinca il migliore!

 

Il compendio e il prizepool

dota 2 the international 2017 battle pass

Ormai il destino di ogni TI è legato all’andamento del compendio e delle attività ad esso legate: il voto per l’arcana, l’all-star match, le scommesse e, soprattutto, il prize pool finale.

Quest’anno il Battle Pass è stato uno dei più ricchi di sempre, fornendo ricompense anche fino ai livelli più alti: Valve infatti ha da poco annunciato una statua di un Baby Roshan per chi raggiungerà il livello 2000, assieme alla replica dell’Egida. Premi a parte, tra missioni, scommesse, International Ranked e campagne cooperative c’è veramente tantissima carne al fuoco: motivo per cui la data di scadenza delle attività legati al compendio è una data importante per moltissimi giocatori.

dota 2 the international 2017 battle pass
(immagine di Wykrhm Reddy)

Per fortuna che il nostro Wykrhm ha condensato tutte le date di scadenza in quest’immagine: con la fine del The International  finirà anche la possibilità di comperare il compendio, mentre tutti coloro che hanno raggiunto il livello 1000 o 2000 dovranno registrarsi entro il 25 agosto per ricevere le repliche di Egida e Baby Roshan.

Infine, tutti gli altri potranno continuare le attività legate al compendio fino al 18 Settembre, una data davvero molto generosa da parte di Valve!

Parliamo adesso del prize pool: anche quest’anno la community di Dota 2 ha saputo superare sè stessa, superando la soglia dei 23 milioni di dollari e diventando ancora una volta il torneo di esport col montepremi più alto della storia!

 

Le personalità invitate

Non sono solo le squadre a fare notizia: ormai anche i commentatori e le cosiddette “personalità” sono parte integrante del panorama competitivo di Dota 2; e tra fan favourite e volti nuovi, ecco chi ci accompagnerà in queste giornate dedicate a Dota.

Partiamo dalla sedia più importante, ovvero l’host: gli anni scorsi abbiamo avuto Alex “Machine” Richardson e Paul “Redeye” Chaloner, ed entrambi hanno fatto un ottimo lavoro nel dirigere la scena, ma quest’anno il posto se lo è aggiudicato Sean “Day9” Plott, veterano della scena competitiva di Starcraft 2 e figura di riferimento del mondo dell’esport. Da poco è passato a Dota 2 e ha attirato molte attenzioni e consensi con una serie di video realizzati assieme a Purge.

Anche quest’ultimo sarà presente al TI, col ritorno del Newbee Stream, tanto rimpianto da Reddit: se da una parte avremo lo streaming classico, nel newbee stream ci sarà più attenzione nello spiegare le meccaniche del gioco per tutti coloro che non sono così abituati a masticare Dota 2.

(immagine da: joindota.com)

Oltre a loro vedremo il ritorno di Kaci Aitchinson, i classici David “GoDz” Parker, Ben “Merlini” Wu, Owen “ODPixel” Davies, Ioannis “Fogged Loucas”, Jorien “Sheever” van der Heijden e niente meno che Jacob “SirActionSlacks” Kanner.

(immagine da: joindota.com)

E ancora molti altri: anche Capitalist, Draskyl, Tobiwan, syndereN e LD faranno parte della schiera di casters!

Ci sono stati però dei problemi per quanto riguarda l’ex campione del mondo Henrik “Admiral Bulldog” Ahnberg: sembra che ci siano state delle complicazioni alla dogana americana e gli sia stato negato l’ingresso in America.
Stando al suo post su Twitter, gli avrebbero fatto delle storie perchè la Valve non gli ha conferito un visto lavorativo, necessario dato che lui sta effettivamente entrando per lavorare al TI: ha rischiato di essere bannato dall’entrare in America per 5 anni, ma gli ufficiali hanno voluto lodargli l’onestà e lo hanno semplicemente rimandato a casa.

 

Le squadre favorite

Concludo questo articolo con due righe su chi potrebbe uscirne vincitore.

Ultimamente la scena competitiva di Dota 2 ha raggiunto dei livelli di abilità e professionalità che anche solo 3 anni fa sarebbe stati difficili da immaginare: anche i team Tier 2 oggi possono essere tranquillamente in grado di battere i Tier 1 , mentre questi ultimi hanno rifinito il loro playstyle in una maniera che rasenta la perfezione. Detto questo, diamo un’occhiata alle squadre più blasonate.

Un occhio di riguardo deve andare per forza agli OG, vincitori di 4 Major negli ultimi due anni: loro sono esattamente quel tipo di squadra che quando il gioco si fa duro non si tira indietro, ma soprattutto danno il meglio di loro in questi tornei di alto livello, dove viene richiesta una costanza impeccabile e una mente calma.

Subito dopo gli americani EG e Team Liquid sono coloro che vengono subito in mente: mentre i primi sono addirittura degli ex-campioni del mondo 2015 (quasi tutti … wink wink), i secondi possono vantare alcuni dei giocatori più skillati del mondo, senza dimenticarci posizionamenti di rilievo in tutti gli ultimi tornei e primi all’EPICENTER e Dream League.

Proseguendo abbiamo sia Team Secret sia Virtus.Pro, entrambi con roster di tutto rilievo e una stagione competitiva da invidia: infine, la storia ci ha insegnato che non bisogna mai sottovalutare la minaccia cinese, e quest’anno più che mai.

Squadre come iG, Newbee, LGD e LFY hanno dimostrato di poter mettere in difficoltà tutti quanti: soprattutto, sappiamo quanto i cinesi lavorino duro prima di questo genere di tornei e quanto possano rifinire il loro gameplay prima dell’evento principale.

Infine, diamo uno sguardo agli underdogs: Infamous, il team peruviano che ha sbaragliato le qualifiche Sud Americane, e Digital Chaos (l’incubo di Arteezy in ranked) riusciranno a realizzare il sogno?

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
(immagine di: wykrhm reddy)

Oggi lo scopriremo: vi lasciamo con la lista delle partite di oggi, buona visione!

 

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!