Anteprima Zombie Army 4: Dead War

anteprima di zombie army 4 dead war

Zombie Army 4: Dead War è l’ultimo spin off della serie Sniper Elite sviluppato da Rebellion, in uscita il 4 febbraio 2020 su PS4, Xbox One e PC in esclusiva Epic Games Store.

Lo abbiamo provato in anteprima per voi durante il Videogames Party Home di Milano, in cui abbiamo potuto testare per un paio d’ore le meccaniche di gioco dello sparatutto a tema zombie. Il gioco è ambientato negli anni Quaranta in Europa e ci vedrà impegnati in battaglie senza sosta contro orde di nemici non morti in vari paesi europei, tra cui l’Italia. Una missione, ad esempio, si svolgerà in Sardegna, mentre un’altra ancora in una regione del Sud Italia su cui svetta un vulcano, ma voglia dare a voi la gioia di scoprire quale sia.

uno screen di zombie army 4 dead war

Le modalità che abbiamo provato sono la campagna che può essere giocata in single player o in coop online e la modalità orda che ci ha messo di fronte a una moltitudine di nemici che arrivavano in numero sempre maggiore. Il multiplayer di Zombie Army è concepito per 4 giocatori a team, ma non sembra esserci la possibilità di affrontare le modalità in coop locale offline.

I personaggi che potevamo selezionare erano solo 4 – Karl, Shola, Jun e Boris – ma ce n’erano altri da sbloccare. I personaggi saranno personalizzabili sia dal punto di vista estetico sia per quanto riguarda eventuali provocazioni che potremo effettuare in gioco contro gli avversari e gli ormai immancabili balletti da eseguire in segno di vittoria.

Una delle prime cose che ci preme dire è come Rebellion sia riuscita a rendere tutto molto fluido, con un frame rate stabile in qualsiasi situazione, anche quella più caotica e con più zombie nazisti su schermo. Dal punto di vista tecnico, il videogioco è piacevole da vedere con effetti delle armi ben resi e una cura dei modelli poligonali di buonissima fattura, pur non presentando mai picchi altissimi. Nel complesso, Zombie Army 4 Dead War si lascia giocare con grande divertimento.

l'anteprima di zombie army 4 dead war di rebellion

Da dove proviene questo divertimento? Da alcune novità che in questo capitolo sono state implementate per rendere le missioni più interessanti e varie (anche se, in linea generale, il leitmotiv degli obiettivi rimarrà quasi sempre lo stesso, cioè fare un massacro di nazisti putrescenti. Una prima novità risiede in alcune tipologie di zombie più potenti e diversificate: ad esempio, avremo a che fare con il Necromante, una creatura in grado di resuscitare i nemici già uccisi, uno zombie con il lanciafiamme e un bestione armato di sega circolare.

La novità più succosa che rende il gameplay davvero diverso dagli altri spin off della serie Sniper Elite risiede nelle abilità speciali delle armi. L’arsenale che useremo per fare man bassa di kill è molto ampio, ma la peculiarità sta nella possibilità di attivare una sorta di abilità specifica per ogni singola arma dopo averla usata per uccidere un tot numero di nemici. A dimostrazione, siamo riusciti a caricare il fucile da cecchino con dei colpi perforanti dalle capacità distruttive incredibili. Ovviamente, ciò che rimane in vita dopo un paio di raffiche potrà essere ucciso con attacchi in mischia e calpestando crani. Le armi sono potenziabili e strumenti di distruzione possono essere creati presso i banchi di lavoro.

Torna sui nostri schermi, invece, la killcam, quella particolare scelta registica di inquadrare in modo certosino e ai raggi X la parte del corpo colpita con il proiettile, feature veterana della serie che dona al contesto una connotazione più cinematografica e brutale.

uno dei temibili nemici di zombie army 4 dead war

Siamo rimasti soddisfatti dalla demo provata al VGP di Milano perché abbiamo riscontrato che i punti di forza del gioco sono rimasti intatti e a questi sono state aggiunte alcune meccaniche che lo hanno reso ancora più divertente. In linea di massima, va detto che le novità non sono poi così tante, tuttavia è probabile che Rebellion non abbia voluto snaturare troppo la serie e rischiare il tonfo. La varietà delle missioni e dei momenti clou di gioco non è altissima, proponendo situazioni “standard” che sta poi a noi diversificare provando le varie combinazioni possibili di armi e abilità sbloccabili con le kill.

Vi ricordiamo che Zombie Army 4 Dead War sarà disponibile il 4 febbraio 2020 e che sarà possibile scegliere tra un’edizione standard, una Deluxe Edition e una Super Deluxe Edition, i cui contenuti possono essere visualizzati sul sito ufficiale.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Platinum Games, Tencent Holdings

Platinum Games annuncia un’alleanza economica con Tencent

Warhammer Age of Sigmar: Soulbound | Il piano uscite del 2020