Con Android 15 e Gemini Google vuole sentire tutte le vostre chiamate (per un buon motivo)

android 15 mascotte

Google DeepMind ha effettivamente iniziato a integrare Gemini su Android, portando nelle tasche di tutti i suoi utenti il suo innovativo modello linguistico multimodale che fa da companion e da intelligenza artificiale generativa. Con l’arrivo di Gemini Live su Android 15 e di tanti altri strumenti per le IA il futuro del sistema operativo di Google sembra avere la strada ben decisa avanti a sé.

Lanciata durante il corso dello scorso dicembre, la famiglia di modelli linguistici multimodali di grande dimensione sviluppata internamente da Deepmind (il reparto di Google specializzato nell’intelligenza artificiale), sta per trasformare radicalmente l’esperienza Android.

Arriva Gemini, quindi, e arriva su Android: gli utenti di tutto il mondo potranno beneficiare di tutte le funzionalità e le caratteristiche proprie di quello che sarà uno dei prodotti di punta per Google durante il corso degli ultimi anni. 

Android 15 Gemini Edition

Di base Gemini verrà introdotto all’interno di Android 15 sotto forma di Gemini LIve, che molto probabilmente sarà una delle funzioni più chiacchierate dei prossimi anni. Questo perché questo sistema sarà integrato in maniera approfondita nel sistema operativo di Big G, promettendo un generale arricchimento dell’esperienza per chi ha un dispositivo Android. 

Per capirci gli utenti avranno la possibilità di attivare, in qualsiasi momento tramite una gesture, l’intelligenza artificiale in sovrimpressione; secondo quanto dichiarato da Google nel suo ultimo I/O 2024, inoltre, Gemini su Android porterà con sé tutta una serie di azioni contestuali che renderanno diversa l’esperienza utente.

Ad esempio sarà possibile trascinare rapidamente le immagini generate dall’IA nelle app di messaggistica o dentro Gmail, ottenere riassunti di un video senza doverlo guardare o consultare documenti in PDF con grande facilità, ottenendone direttamente una versione riassunta! 

Tra le varie novità è da sottolineare anche la presenza di Gemini Nano, che avrà la possibilità di avvisare in tempo reale l’utenza dell’eventuale chiamata truffa che stanno ascoltando o tanto altro ancora.

Non mancano gli scettici sull’argomento intelligenza artificiale, che sta diventando sempre più onnipresente all’interno delle nostre giornate. Nel corso dei prossimi anni riusciremo davvero a scoprire l’impatto che strumenti come Gemini o ChatGPT avranno sull’andamento delle nostre vite.