Twitter ha dichiarato guerra a tutti i social | Fuggi fuggi dal social

    Twitter dichiara guerra a tutti i social

    Twitter ha dichiarato guerra a tutti gli altri social impedendo la promozione di post e cancellando altri account

    Mentre le persone di tutto il mondo guardavano l’emozionante finale della Coppa del Mondo FIFA, Twitter ha deciso di lanciare una bomba e ha vietato i link che promuovono altri social network.

    L’elenco comprende attualmente Facebook, Instagram, Mastodon, Truth Social, Tribel, Nostr e Post. Inoltre, sono vietati anche gli strumenti di link-in-bio come Linktree e Lnk.Bio, servizi comunemente utilizzati sia dai creatori che dalle aziende.

    Cosa succede

    In sostanza, non è possibile postare link ai propri profili social e nemmeno digitare il proprio nome in un tweet.

    L’azienda di proprietà di Elon Musk “non consente più la promozione gratuita di alcune piattaforme di social media” su Twitter. L’azienda ha dichiarato che sta rimuovendo tutti gli account “creati al solo scopo di promuovere altri social network”. Inoltre, ha intenzione di rimuovere i link ai contenuti delle suddette piattaforme sociali.

    Il post di Twitter

    “Sappiamo che molti dei nostri utenti possono essere attivi su altre piattaforme di social media; tuttavia, d’ora in poi, Twitter non consentirà più la promozione gratuita di specifiche piattaforme di social media su Twitter”, ha dichiarato la piattaforma social nella sua pagina informativa.

    Cosa si rischia

    Twitter chiederà di cancellare i tweet se si collegano i propri handle e le violazioni multiple di questa politica comporteranno un blocco temporaneo dell’account. L’azienda ha dichiarato che se nella propria biografia sono presenti collegamenti a una qualsiasi di queste piattaforme, sospenderà temporaneamente l’account e chiederà all’utente di modificare la propria biografia.

    L’aspetto interessante è che l’azienda guidata da Musk vi permetterà di pubblicare il vostro account se pagherete per la promozione del tweet.

    Twitter contro tutti

    Sabato sera, Twitter ha sospeso l’account della giornalista del Washington Post Taylor Lorenz. La Lorenz aveva recentemente cancellato tutti i suoi tweet e aveva solo tre post sul suo account: due che promuovevano i suoi altri account sui social media e uno che chiedeva a Musk un commento su una storia a cui stava lavorando con Drew Harwell, un collega del Post.

    Harwell, insieme a giornalisti come Ryan Mac del New York Times e Donie O’Sullivan della CNN, è stato temporaneamente sospeso dopo aver pubblicato un post su Twitter di Mastodon per aver linkato l’account di Elon Jet Mastodon. Lui e altri giornalisti sono stati reintegrati dopo che Musk ha pubblicato un sondaggio per consentire agli utenti di votare sul destino dei giornalisti.

    Quando Lorenz ha pubblicato i suoi altri account sui social media ed è stata sospesa, questa politica non esisteva ancora. Al momento della pubblicazione, il suo account sembra essere stato ripristinato.