Apple AirTag: come funzionano, il prezzo e altro ancora

Apple ha annunciato i suoi AirTag all’evento Apple Spring Loaded. Il nome dell’accessorio è in vero stile Apple, ma potreste esservi chiesti cosa fanno esattamente questi “dischetti”.

Ecco tutto quello che c’è da sapere!

Cosa sono gli AirTag?

Se ne parlava già da diversi mesi dell’esistenza degli Apple AirTag. Il prodotto finale sembra essere abbastanza in linea con i rumor di insider o presunti tali.

Gli AirTag sono l’approccio di Apple ai tracker Bluetooth e possono essere attaccati a qualsiasi oggetto come chiavi, portafoglio o zaino.

I tracker Bluetooth possono mostrare in caso di smarrimento la posizione dei propri effetti personali tramite l’app “Dov’è”.

In un elegante e classico design minimalista Apple, gli AirTag hanno un aspetto eccellente, anche per essere un semplice accessorio. Sono inoltre personalizzabili con lettere o emoji attraverso l’incisione laser gratuita.

Cosa possono fare gli AirTag?

Come anticipato, trovare gli oggetti smarriti è la caratteristica principale degli AirTag.

Trovare elementi nelle vicinanze con gli AirTag

Per gli elementi che sono ancora nelle vicinanze, vedere la posizione degli AirTag su una mappa non sarà così utile. Quindi l’app Dov’è consente di riprodurre un suono forte dall’altoparlante integrato di AirTag.

È identica alla funzionalità che permette di far squillare il proprio iPhone con “Trova il mio iPhone”. L’utente può utilizzare gli avvisi a volume crescente per capire quando si sta avvicinano all’oggetto.

Utilizzare la ricerca di precisione aiuta ulteriormente a trovare il proprio AirTag. La ricerca di precisione utilizza il chip a banda ultra larga U1 per fornire dati precisi sulla posizione dell’oggetto smarrito. La funzione utilizza anche la fotocamera e l’accelerometro, fornendo un’esperienza di ricerca interattiva in-app.

L’app mostra un’interfaccia a schermo intero con un sistema di navigazione che guida l’utilizzatore attraverso il dispositivo. Nello specifico una freccia mobile sullo schermo e informazioni in tempo reale sulla distanza dell’AirTag. Il feedback tattile e udibile rende questa esperienza più interattiva di quanto ci si potrebbe aspettare.

La ricerca di precisione è disponibile anche con il supporto per le funzioni di accessibilità. Un esempio è l’utilizzo di VoiceOver, che può indirizzare verso l’AirTag con indicazioni completamente udibili in modo che lo schermo non sia necessario. Poiché gli AirTag funzionano anche con Siri, è possibile utilizzare esclusivamente la voce.

L’utente può anche impostare “posizioni sicure” per gli AirTag tramite l’app Dov’è. Ad esempio, se si lascia lo zaino a casa non si riceverà alcun avviso.

Individuare gli elementi lontani utilizzando gli AirTag

Per gli oggetti che sono distanti, il processo funziona in modo leggermente diverso. Gli AirTag possono essere individuati dalla rete “Trova il mio di tutti i dispositivi Apple” (circa un miliardo di unità) con “Dov’è attivato”.

Utilizzando questi dispositivi, il sistema può calcolare la posizione dell’AirTag e visualizzarlo su una mappa nell’app “Dov’è”. Come ci ha abituato da anni ormai Apple, la privacy è fondamentale. Nessun dato sulla posizione dell’AirTag o del dispositivo di qualsiasi utente verrà condiviso; viene utilizzato solo per mappare la posizione dell’AirTag.

Se non si dovesse avere fortuna con il rilevamento della posizione dell’oggetto, sarà possibile mettere il dispositivo in Modalità smarrito. In modalità smarrito, se qualcuno trova un AirTag smarrito, può toccarlo utilizzando il proprio iPhone o qualsiasi dispositivo compatibile con NFC. Questo li indirizzerà a un sito Web che visualizza il numero di telefono di contatto del proprietario, se ne ha fornito uno. Ciò consente a chiunque abbia trovato il device di contattare la persona e restituire gli effetti personali.

Gli AirTag hanno una classificazione IP67. Ciò significa che sono protetti da polvere e sabbia e sono stati testati per funzionare per almeno 30 minuti sott’acqua.

Gli AirTag hanno funzioni di sicurezza integrate per impedirne un uso nefasto. In particolare, gli identificatori del segnale Bluetooth trasmessi da un AirTag cambiano regolarmente per impedire a chiunque di monitorare e potenzialmente intercettare il segnale.

Come funzionano gli AirTag?

Gli AirTag funzionano principalmente tramite Bluetooth (in particolare Bluetooth LE compatibile con la batteria) per comunicare con l’iPhone e l’app Dov’è. Questo è il modo in cui i dati comunicano tra i due dispositivi, che viene utilizzato nel processo di associazione dei tracker.

 AirTag associazione

Apple utilizza, come detto in precedenza, anche il chip U1 a banda ultra larga all’interno degli AirTag. Questi chip possono fornire dati di posizione precisi utilizzando onde radio a banda ultra larga. Per calcolare la posizione dell’AirTag, questo chip misurerà il tempo necessario affinché l’onda radio passi tra i due dispositivi.

Con una tecnologia di rilevamento della posizione così accurata, la posizione fornita dagli AirTag sarà probabilmente più affidabile dei prodotti della concorrenza, soprattutto se combinata con la rete “Trova”.

La batteria degli AirTag è sostituibile dall’utente, come previsto. Ci vuole una batteria CR circolare come altri tracker Bluetooth. Apple afferma che la batteria di un AirTag dura fino a un anno.

AirTag portachiavi

Come usare gli AirTag

Per utilizzare AirTag, dovete prima accoppiare il dispositivo con il vostro iPhone o iPad. Per fare ciò, Apple utilizza la stessa esperienza offerta quando si associano per la prima volta gli AirPods. Avvicinate il dispositivo al vostro iPhone e la connessione apparirà a schermo.

Potete utilizzare gli AirTag tramite l’app “Dov’è” su iPhone o iPad. Attraverso questa app sarete in grado di vedere dove sono i vostri oggetti, oltre a gestire gli AirTag dopo l’associazione. La riproduzione di un suono e l’attivazione della “Modalità smarrito” sono tutti controllati tramite l’app.

Oltre a usare l’app per vedere dove sono gli AirTag e gestirli, non dovete fare nulla per usare gli AirTag. Dopo averli configurati, gli AirTag sono progettati per svolgere le loro funzioni di tracciamento senza alcuna interazione, a parte il cambio della batteria quando necessario.

Gli AirTag richiedono iOS 14.5 o versioni successive. Dovete anche avere un ID Apple ed essere connessi ad iCloud. Per utilizzare le funzioni con “Dov’è”, dovete avere “Dov’è” abilitato anche nell’app “Impostazioni” del tuo telefono.

Quanto costano gli AirTag?

Gli AirTag costano 39 euro cadauno 119 euro se si opta per la confezione da quattro.. Sono disponibili a partire da venerdì 30 aprile.

Accessori AirTag

Come al solito ci alcuni accessori per AirTag, fra questi il portachiavi. Questi consente di attaccare l’AirTag alle chiavi come qualsiasi altro portachiavi.

Inoltre, Apple e Hermès hanno lavorato insieme su un’esclusiva gamma di accessori. Queste esclusive custodie portachiavi saranno vendute con un AirTag personalizzato inciso basato sulla firma iconica del marchio.

AirTag Hermès

Tracciare o non tracciare?

La necessità o meno di un tracker Bluetooth dipenderà dalla frequenza con cui siete propensi a smarrire i vostri oggetti importanti. Se vi ritrovate regolarmente a perdere o dimenticare qualcosa come le chiavi o la borsa, probabilmente troverete gli AirTag piuttosto utili.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Battlefield all’inseguimento di CoD: l’FPS DICE sbarca su mobile

darkfire heroes come ottenere le gemme

Darkfire Heroes | Come ottenere gemme gratis