Apple, la prossima Apple TV potrebbe supportare frequenze di aggiornamento fino a 120Hz

Apple TV

Una frequenza di aggiornamento più elevata dovrebbe essere l’ideale per i giochi, simile al supporto a 120 Hz su PlayStation 5 e Xbox Series X.

Come riportato da 9to5Mac, la prossima Apple TV potrebbe raddoppiare la frequenza di aggiornamento con una nuova opzione a 120 Hz che non è supportata sui modelli attuali, che arriva al massimo a 60 Hz a causa delle limitazioni tecniche dell’hardware.

Sebbene non ci siano ancora conferme ufficiale, alcuni riferimenti ai “120 Hz” sono stati rinvenuti nel PineBoard di tvOS nell’ultima versione beta del sistema (tvOS 14.5). Per chi non ha familiarità con la questione, PineBoard è il nome interno del sistema che controlla l’interfaccia di Apple TV, simile allo SpringBoard su iPhone e iPad. Ciò suggerirebbe fortemente che Apple stia almeno testando internamente una modalità a 120 Hz per Apple TV.

Nessuna Apple TV fino ad oggi ha offerto questa opzione. Questo non è qualcosa che Apple potrebbe abilitare sugli attuali modelli Apple TV 4K e Apple TV HD con un semplice e rapido aggiornamento software.

Il supporto di frequenze di aggiornamento più elevate richiederebbe una GPU più veloce insieme a una RAM più veloce. Inoltre, i modelli attuali hanno HDMI 2.0 che supporta una risoluzione fino a 4K a 60Hz. Raddoppiare la frequenza di aggiornamento a 120 Hz richiederebbe una nuova porta HDMI 2.1 che manca ai modelli attuali.

Apple TV

Perché dovreste essere felici per le frequenze di aggiornamento più elevate?

Apple TV a 120 Hz = gioco più fluido

Una frequenza di aggiornamento indica il numero di immagini che vengono mostrate su uno schermo ogni secondo. I televisori più vecchi, così come molti notebook e tutti i modelli di iPhone fino ad oggi, utilizzano una frequenza di aggiornamento di 60 Hz, il che significa che la frequenza con cui vengono mostrati i singoli fotogrammi è di 60 immagini/secondo.

Maggiore è la frequenza di aggiornamento dello schermo, più il tutto sarà ampiamente più fluido. Al doppio delle immagini/secondo, la navigazione nell’interfaccia utente della prossima Apple TV dovrebbe essere notevolmente più rapida. Anche i giochi potrebbero beneficiare di frequenze di aggiornamento più elevate, ma dovranno essere ottimizzati in modo specifico per sfruttare questa tecnologia.

Una Apple TV a 120 Hz consentirebbe anche una migliore fruizione dei contenuti video grazie al frame rate maggiore, Ovviamente, per apprezzare i contenuti a 120 Hz sarebbe necessario anche un televisore a 120 Hz.

Quando verrà lanciata la prossima Apple TV?

Apple avrebbe dovuto immettere sul mercato una Apple TV aggiornata l’anno scorso, ma l’attuale pandemia ha ritardato l’uscita. Ormai, considerando che l’attuale modello Apple TV 4K è stato commercializzato più di tre anni e mezzo fa, e con la prova del supporto a 120 Hz nel software tvOS 14.5, la prossima Apple TV potrebbe essere proprio dietro l’angolo. Apple sta attualmente testando tvOS 14.5 con gli sviluppatori prima del lancio pubblico nel corso della primavera, che è anche quando ci aspettiamo che arriverà la prossima Apple TV.

Anche Bloomberg si è sbilanciato a riguardo dichiarando che è in arrivo una Apple TV aggiornata con un “maggior focus sul gioco”, insieme a un telecomando riprogettato e un controller di gioco dedicato. Secondo quanto riferito, Apple equipaggerà il dispositivo con una GPU molto più robusta, più RAM e il doppio dello spazio di archiviazione per renderlo più adatto per i giochi.

Il modello attuale può eseguire giochi Apple Arcade, ma la fedeltà visiva lascia molto a desiderare. Con un importante aggiornamento della GPU, la prossima Apple TV non supererà le console PlayStation 5 e Xbox Series X, ma non è questo il punto perché Apple ha sempre posizionato il dispositivo fra le piattaforme di gioco casual.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
front mission

Square Enix rinnova il marchio di Front Mission a un decennio dall’ultimo capitolo

E3 2021 è ufficiale: Nintendo e Xbox partecipano, Sony chissà