Apre Amazon Go, lo shop del futuro

Apre Amazon Go, lo shop del futuro
Nonostante ci sia stato un anno di ritardo dalla prevista inaugurazione, Amazon Go, lo shop del futuro, apre finalmente i battenti a Seattle.

In un mondo dove l’interazione uomo-macchina è in costante aumento, il supermercato Amazon Go, di proprietà del gigante dell’e-commerce, ci pone di fronte ad un nuovo modo di vivere la spesa.

In progetto da ormai 5 anni, il supermercato del colosso del commercio elettronico apre finalmente i battenti al piano terra della nuova sede di Amazon, sulla Seventh Avenue a Seattle.

Nonostante in America sia già possibile acquistare e farsi spedire cibo, bevande e qualsiasi prodotto di casa con Amazon, l’azienda ha deciso di alzare il livello della partita e creare un vero e proprio modello di vendita ad oggi solamente visto in letteratura ed in televisione: un Supermercato completamente automatizzato, privo di cassieri e dove non è necessario fare alcuna fila.

Amazon Go Seattle - Facciata
La facciata del nuovissimo supermercato Amazon Go.

Nonostante l’inaugurazione del negozio fosse stata pianificata per l’anno scorso, l’idea di un supermercato privo di fila è stata accolta con grande piacere da molte persone, tramutandosi in data odierna da concetto astratto in una realtà consolidata.

All’ingresso, gli occhi dei clienti vengono deliziati da una vasta selezione di insalate, panini e bibite, oltre che da piatti pronti per qualsiasi pasto. Come se non bastasse, il supermercato dispone inoltre di prodotti targati Amazon, quali vino e carne, nati dall’acquisizione di Whole Foods Market da parte del gigante dell’e-commerce.

Ciò che colpisce di questo negozio non sono però i prodotti, ne la sobrietà dei suoi interni: la

Amazon Go vetrina
Uscite senza preoccuparvi della fila, nel nuovo Amazon Go di Seattle.

caratteristica più strabiliante è la possibilità di prendere i prodotti a cui si è interessati, ricevere in automatico un addebito sulla propria carta di credito ed uscire così dal negozio, sacchetto della spesa alla mano, senza dover effettuare il noioso e straziante rito della fila di fronte alla cassa.

Amazon Go nasce da una semplice domanda: “Cosa possiamo fare per migliorare sul fronte della convenienza?” questo era il dubbio che attanagliava Dilip Kumar, CTO dietro Amazon Go e, in passato, consulente tecnico personale del CEO Jeff Bezos.

“Non abbiamo mai sopportato di vedere le persone aspettare in fila.” aggiunge.

Il funzionamento del negozio è semplice: Gli utenti dovranno scaricare una applicazione specifica di Amazon sul loro dispositivo ed effettuarne la scannerizzazione ad un tornello posto all’ingresso del negozio.

Amazon Go Tornelli
Ai tornelli d’ingresso sarà necessario scannerizzare lo smartphone.

Successivamente, la clientela si comporterà come in qualsiasi altro supermercato. Potranno scegliere i prodotti, metterli nel loro carrello o nella loro busta, ma con una enorme differenza: non dovranno effettuare alcuna fila per pagare in cassa.

I clienti avranno la possibilità di uscire dal negozio una volta scelti i prodotti da acquistare e, come in un libro di fantascienza, il costo dei beni verrà addebitato sul loro account Amazon.

Come avviene però tutto questo ? Il negozio è fornito di sensori sugli scaffali e di telecamere, atte ad aiutare la tecnologia di Amazon a compiere le sue magie. I prodotti acquistati verranno collegati allo smartphone scannerizzato e ciò permetterà l’addebito dei prodotti.

Questa tecnologia non è tuttavia infallibile, infatti potrebbe essere richiesta la conferma da

Amazon Go Scaffali
All’interno del supermercato vi attendono una selezione di prodotti.

parte di una persona in carne ed ossa.

La verifica sul corretto funzionamento del servizio, tuttavia, verrà effettuata durante un normalissimo giorno di lavoro: cosa accade se due persone con simile aspetto fanno acquisti in prossimità l’uno dell’altro? cosa succede se un prodotto viene erroneamente riappoggiato su uno scaffale differente?

Queste domande troveranno risposte con la crescita costante del flusso di utenti e il conseguente miglioramento dell’algoritmo di Amazon.

Vorreste un negozio simile anche in Italia? Pensate sia arrivato il momento di abbandonare le convenzionali interazioni sociali per spostarci finalmente in una nuova era fatta di macchine? Fateci sapere la vostra nei commenti.

 

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Andrea Crapanzano

Videogiocatore fin dalla tenera età di 5 anni con un NES ed un fantastico pc con MS-DOS. Amante della Souls Saga, di Monster Hunter, dei Moba e degli action. Musicista a tempo perso.

regole per master

Le 7 Regole del Master – Come far felici tutti (senza impazzire)

loot box dragon ball fighterz

Dragon Ball FighterZ, i primi voti della stampa sono altissimi