Siamo per un approccio videoludico a tutto tondo, qui nella sede di Riften Scalo del NWO di Player.it, e quindi vi proponiamo una selezione di app di gamification.

Ma che cos’è la gamification? Scopriamolo insieme.
In questa rubrica vi proporremo regolarmente le migliori app di gamification provate e selezionate per voi dalla nostra redazione.

Gamification, gamificazione, ludicizzazione
Gamification: una vita in chiave GdR

La ludicizzazione, che nella perfida Albione chiamano appunto gamification, non consiste nell’immaginare la vita di tutti i giorni rielaborata con il motore grafico REDengine o col Frostbite. Si tratta, invece, di applicare meccaniche videoludiche alle attività quotidiane, con lo scopo di essere più motivati e gratificati nel portare a termine compiti che, con i videogame, non c’entrano nulla.

Le strategie di gamification possono essere applicate anche all’ambito lavorativo, nel marketing e in tanti altri contesti, ma qui ci concentreremo sul rendere meno noiosi quei compiti che, di norma, i nostri personaggi non affronterebbero.


O magari li affronterebbero usando un potente esercito di non-morti, strappati al riposo eterno utilizzando le Arti Proibite con la benedizione dell’Antico Necromante del Reame Perduto di… insomma, avete capito.

Come funzionano le app di gamification

In sintesi, inganniamo più o meno consapevolmente noi stessi: per trarre anche nelle azioni tediose e poco interessanti lo stesso piacere intellettuale che proviamo giocando, si utilizzano le dinamiche dei giochi di ruolo e dei videogame. Punti esperienza, statistiche, livelli, premi, ricompense, classifiche e quant’altro: tutti escamotage che possono aiutarci a migliorare noi stessi e a essere meno pigri.

Con queste app scateniamo un meccanismo di gratificazione e competizione, che attraverso la componente ludica ci porta ad assumere un comportamento sociale più virtuoso di quello che avremmo normalmente.

E, magari, a iniziare a fare jogging quest’anno, come ci siamo ripromessi tre anni fa.

I vantaggi della gamification

Ricapitolando, i benefici della gamification o ludicizzazione sono molteplici.
Vediamoli insieme.

Un’esperienza più coinvolgente: per qualche motivo ci sentiamo più coinvolti in un’attività se la viviamo come un gioco di ruolo, come se le nostre vite reali fossero meno importanti di un videogame; sicuramente un GdR può essere più interessante, ma è davvero più coinvolgente? Probabilmente sì.

Adattabilità: la gamification può essere applicata praticamente a qualunque contesto, dal dover andare a fare la spesa fino al marketing e all’e-learning. Achievement per aver preso tutti gli articoli segnati sulla lista della spesa, senza sbagliare? Sì, grazie. Punti esperienza bonus per aver studiato i capitoli che ci eravamo prefissati? Certo! Loot box per premiare i clienti affezionati? Ora ci stiamo sbilanciando.

Fare la spesa, app lista spesa, app cose da comprare
Alla cassa poi c’è il boss finale.


Gratificazione istantanea
: in gran parte dei casi portare a termine un compito nella vecchia e banale vita quotidiana, al massimo, ci porterà un cenno di ringraziamento o un bonifico a fine mese. Con la gamification potremo ottenere subito punti esperienza, oggetti e ricompense per aver fatto correttamente la raccolta differenziata o per aver portato il cane a fare una passeggiata.

Interesse: normalmente le nostre iperattive e sovrastimolate menti perdono interesse per qualcosa dopo le prime reiterazioni, ma con la gamification ci sentiamo meglio disposti verso il grinding ripetitivo. D’altronde “Va’ lì e ammazza dodici cinghiali” non è molto diverso da “Va’ lì e lavora otto ore“, no?

Efficacia: grazie alla ludicizzazione possiamo cambiare piuttosto rapidamente il nostro comportamento. Basti pensare a Pokemon GO o all’attesissimo Harry Potter: Wizards Unite, che dovrebbe uscire a breve: senza contare la maggioranza non-patologica dei comuni gamer, pensiamo a quanti reclusi iper-sedentari hanno preso ad aggirarsi per le strade della città. Forse in modo un po’ awkward all’inizio, per poi iniziare a prendere sempre più confidenza con le passeggiate urbane, magari fino a cominciare a uscire di casa solo per il gusto di fare un giretto a piedi.


Ce ne sarebbero altri mille, ma questi sono gli effetti più evidenti della gamification, almeno per quanto riguarda l’utente della strada.

Qualche app per la ludicizzazione

La redazione di Player.it ha testato e continuerà a provare sempre più app per la gamification, così da consigliare a voi lettori quelle migliori da usare per rendere più interessante e GdR la vostra vita.

Do It Now – RPG To Do List

Do It Now è la prima gamification app che abbiamo scovato sul Play Store.

Oltre ad avere una lista di cose da fare, programmabile in base a data e orario, l’app traccia anche le nostre abitudini e può aiutarci a stabilire nuove, salutari abitudini. Come ad esempio non andare a letto poco prima dell’alba. Può provarci, almeno.

Cose da fare, to do list, app to do list, app cose da fare
Il punto cardine di quest’app è l’automiglioramento, o il molto più cool e trendy self-improvement, signora mia. Portare a termine ripetutamente le quest di studio, ad esempio, aumentarà la nostra statistica di Intelligenza, così come andare in palestra in modo regolare andrà ad allenare Forza, Costituzione e Destrezza.

Leggere Player.it, invece, ci farà aumentare Saggezza e Carisma.

Habitica: Gamify your Tasks

Habitica ci permette di impostare i nostri obiettivi quotidiani, oltre ovviamente alla lista di cose da fare e alle nostre abitudini consolidate. C’è anche la possibilità di personalizzare le ricompense: se hai completato gli obiettivi giornalieri, puoi guardare un episodio (o quattro) della tua serie TV preferita.

Lista cose da fare, cose da fare, app per impegni, elenco cose da fare
Insomma, l’automotivazione è la chiave di volta di quest’app, che ci dà anche la possibilità di interagire con i nostri amici, di acquistare equipaggiamenti con l’oro guadagnato in-game, e di sbloccare missioni e perfino pet in base al progresso compiuto dal nostro avatar.

Fortune City – A finance app

Anche il personaggio di livello più alto dovrà fare i conti, prima o poi, con la gestione delle finanze e delle proprie risorse: ed è qui che entra in gioco Fortune City, un’app che vi aiuterà a gestire il vostro hard-earned cash attraverso un gioco di simulazione.

La cittadina, che rappresenta le nostre finanze, crescerà di pari passo con i nostri guadagni, e si svilupperà man mano che adotteremo una saggia politica economica. Potremo sbloccare sfide e achievement, e soprattutto potremo tenere d’occhio facilmente l’andamento mensile e annuale delle nostre spese e dei nostri guadagni.

App per spese, app gestire spese, app gestire guadagni, app per risparmiare
D’altronde i giochi non si comprano da soli: dobbiamo risparmiare per poter approfittare delle offerte e delle promozioni,c come l’Amazon Prime Day 2018.

Avete mai provato app di gamification?
Secondo voi funzionano, o sono solo una perdita di tempo?
Discutiamone insieme nei commenti qui sotto!

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!