Cinque videogiochi che omaggiano l’arte

giochi tratti dal quadri, giochi tratti da opere d'arte,

Il mondo dell’arte figurativa è da sempre stato un grande alleato e una fonte d’ispirazione per il videogioco, sia che si parli di scultura e pittura, che del più recente fumetto. Di fatto, secondo vari critici il videogioco non è altro che un’evoluzione di questo filone espressivo all’interno di un contesto più interattivo, in cui il giocatore può letteralmente navigare all’interno di un’opera d’arte.

Oggi però vi raccontiamo cinque opere videoludiche che non si limitano a prendere dalle arti inquadrature, sense of wonder, meccanismi espressivi, ma scavano più in basso omaggiando lo stile artistico di vari artisti di diverse epoche. Ecco a voi quindi cinque videogiochi che omaggiano l’arte.

Transistor

Uscito nel 2014, l’action rpg isometrico di Supergiant (Hades) è un atto d’amore per le storie di fantascienza distopiche e oniriche, ma anche per l’arte di Gustav Klimt.

giochi tratti dal quadri, giochi tratti da opere d'arte, transistor

Ambientato nella futuristica Cloudbank, Transistor ci mette nei panni di Red, giovane cantante della città. Quando un’oscura cospirazione si fa avanti per sovvertire il destino della metropoli, Red parte alla ricerca della verità e si ritrova a combattere orde di nemici meccanici. Fra le sue mani, una leggendaria arma, il Transistor. Il suo obiettivo, uno solo: scoprire la verità sulla spada e pacificare Cloudbank.

Attorno a lei, uno spettacolare ambiente di gioco che riprende le sue atmosfere dai quadri di Klimt e in particolare dal Ritratto di Adele Bloch Bauer e da Il bacio.

Ōkami

Uscito nel 2006, Ōkami è uno splendido omaggio alle stampe medievali giapponesi del periodo Edo, gli Ukyo, e in particolare ad artisti come Hiroshige e Masanobu.

giochi tratti dal quadri, giochi tratti da opere d'arte, okami

All’interno di questa strepitosa cornice, che unisce l’onirismo del cel-shading con la ricchezza dell’arte del periodo, siamo chiamati a giocare con la mitologia shinoista interpretando niente poco di meno che Amaterasu, dea del sole, tramutatasi in uno splendido lupo bianco, risvegliatasi dopo un sonno di un centinaio di anni.

Obiettivo della dea e del giovane Susano sarà di battere il demone Orochi che, tornato sulla terra, minaccia di portare l’oscurità.

Grazie alla sua scelta artistica, Ōkami è un vero e proprio viaggio nel folklore nipponico in tutto il suo splendore, realizzato con uno stile grafico vivo e incredibilmente visionario.

Ico

Pochi giochi giapponesi possono dirsi iconici quanto le creature di Fumito Ueda, e l’action-puzzle game Ico si contende senza dubbio la palma d’oro con il suo “fratello minore” Shadow of the Colossus anche e soprattutto grazie al suo stile artistico.

giochi tratti dal quadri, giochi tratti da opere d'arte, ico

Fra le ispirazioni di Ueda c’è inoltre un pittore in particolare: il nostro Giorgio de Chirico, maestro del surrealismo novecentesco, i cui dipinti ricchi di scenari enigmatici vengono omaggiati in vari e diversi frammenti della misteriosa fortezza esplorata dal protagonista, Ico appunto.

Ma il vero omaggio, per una volta, non è tanto nel gioco quanto nella sua copertina, con un artwork che riprende uno dei quadri più iconici di de Chirico: Nostalgia dell’Infinito.

The Bridge

È praticamente impossibile non vedere in The Bridge, pubblicato da Ty Taylor nel 2013, una sorta di versione videoludica  delle opere di M.C. Escher, sia per il suo enigmatico plot sia per la sua impostazione di gioco.

giochi tratti dal quadri, giochi tratti da opere d'arte, the bridge

Nei panni del protagonista, Nessuno, dovremo infatti muoverci in una splendida serie di livelli disegnati in scale di grigio nei quali non solo potremo guidare il nostro alter-ego, ma anche l’ambiente che ha attorno. La sfida del gioco sarà quindi quella di creare il miglior percorso possibile per Nessuno, attraverso una manipolazione del mondo di gioco davvero mozzafiato.

The  Procession to Calvary

The Procession to Calvary è un piccolo gioiello di visual novel pubblicato nel 2020 dal dissacrante Joe Richardson, una storia paradossale che fa satira di temi come religione e guerra.

giochi tratti dal quadri, giochi tratti da opere d'arte, the procession to calvary

Soprattutto però, The Procession to Calvary è un vero e proprio viaggio nell’arte rinascimentale: nei panni di un’improbabile cavaliere alla ricerca della gloria (gloria da ottenere attraverso lo sterminio di decine di nemici), dovremo farci largo attraverso un vero e proprio collage di quadri dell’epoca, tramutati in uno scenario surreale e a bizzarro che ospita sacerdoti corrotti, tronfi e sanguinari guerrieri e popolani depressi.

Una vera e propria celebrazione dell’arte, in cui citazioni incrociate e trovate degne dei Monty Python o Monkey Island.


Se siete appassionati di arte, se morite ogni volta che entrate in una mostra o se semplicemente amate perdervi in giochi dal forte impatto visivo, questa lista fa per voi.

Tuttavia, siamo sicuri che nel mare di indie e simili potrebbe esserci sfuggito qualche gioco dai riferimenti artistici chiari quanto quelli delle opere che abbiamo raccontato: come sempre, aspettiamo i vostri consigli.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

house of ashes anteprima - copertina

The Dark Pictures Anthology: House of Ashes | Anteprima

alan wake remastered

Hanno veramente annunciato Alan Wake Remastered