Spongebob: Amici in Fuga | Danny Trejo e Keanu Reeves si incontrano in un bar pieno di pirati zombie…

Spongebob Amici in Fuga la recensione

No, non è una barzelletta, ma una delle follie che potrete vedere in Spongebob: Amici in fuga, il nuovo lungometraggio sulla spugna di mare creata da Stephen Hillenburg che arriva su Netflix il 5 novembre.

Qualcuno ha rapito Gary!

Sembra impossibile che qualcuno possa fare del male al piccolo Gary, la lumaca di mare/gatto che Spongebob adora, ma è la premessa che mette in moto il film. Re Nettuno (doppiato dal bravissimo Matt Berry di What We do in the Shadow) ha le rughe e ha ormai terminato la sua personale scorta di bava di lumache, oltre che aver sterminato la popolazione marina dell’animale. Fa quindi preparare un editto con un premio per chi gli porterà una nuova lumaca con cui curare la sua pelle investita dal killer più feroce di tutti, il tempo.

Dopo l’ennesimo fallimento di uno dei suoi piani per via della spugna, Plankton capisce che è sempre stato Spongebob il suo più grande nemico e non Mr Krab. Decide così di metterlo fuori gioco rapendo Gary e consegnandolo a Re Nettuno. La spugna partirà quindi alla ricerca di Gary in un viaggio che lo porterà a trovare “The Lost City of the Atlantic City”, un luogo dove ogni cosa passa dal gioco d’azzardo.

Naturalmente sul suo cammino dovrà vedersela con una caterva di stramberie in pieno stile Spongebob: pirati, zombie, affascinanti saggi e molto altre follie che vanno a costruire una sceneggiatura divertente, ma che perde un po’ di colpi sul finale. La conclusione infatti è molto buonista, forse troppo ed è come se il film si fosse ricordato improvvisamente di essere un prodotto per bambini.

La follia è alla base di tutto

Al di là della trama però, che nonostante le incertezze finali fa il suo lavoro senza strafare, il bello di Spongebob è rappresentato dall’incredibile quantità di nonsense che riesce a inserire in ogni scena. Come da tradizione dei film di Spongebob, che hanno già visto recitare con la spugna di mare Antonio Banderas o David Hasselhoff, anche in Amici in fuga ci saranno delle celebrità. Primo tra tutti, in carne e saggina, Keanu Reeves (ormai è davvero ovunque) che interpreterà un saggio che vive rotolando all’interno di una palla di fieno secco. Lui guiderà Spongebob verso la verità, il coraggio e…un saloon di pirati zombie sanguinari e ballerini pronti a fargli la festa mentre Snoop Dog intona un rap mortale.

Se tutto questo ancora non dovesse bastare a farvi immediatamente correre a mettere in lista il nuovo film di Spongebob, sappiate che ci sarà spazio anche per un letale e sanguinario Danny Trejo (che poi quando mai non è stato letale e sanguinario!).

Sul fronte del divertimento quindi, Spongebob: Amici in fuga è una sicurezza che non farà fatica a strapparvi una risata e a colpirvi con una tonnellata di nonsense proprio quando meno ve lo aspettate.

La computer grafica e i Weezer

Bikini Bottom e i suoi abitanti hanno un design unico, difficile da trasporre dal cartone animato classico. Lo stile di computer grafica utilizzato nel film riesce però nell’impresa regalando allo spettatore un fondale vivo e ricco di dettagli. Vedere Patrick e Spongebob muoversi ad Atlantic City o seguire il robot di Sandy mentre sfreccia tra le alghe è un vero spettacolo, tanto che l’animazione non sembra nemmeno artefatta, come spesso accade con la grafica digitale, ma genuina. Proprio come fosse un fluido cartone animato realizzato in stop motion.

Ad accompagnare la follia visiva c’è naturalmente anche quella sonora che oltre al già citato Snoop Doog annovera anche i Weezer, che hanno creato il theme principale del film (vi rimarrà nelle orecchie credetemi) e chi meglio dei Mötley Crüe poteva musicare la corsa in auto verso la salvezza di Gary?

Spongebob: Amici in fuga è un’accozzaglia di elementi differenti tanto divertente quanto bella da vedere. Adatto sia agli appassionati della spugna di mare che a chi cerca un film per passare due ore divertendosi senza badare troppo alla trama. Consigliato per una serata in famiglia o per farsi quattro risate con gli amici.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Simone Alvaro "Guybrush89" Segatori

Ritrovato in tenera età su una spiaggia pixelata le sue prime parole sono state "Voglio fare il pirata!"

In mancanza di un vero galeone è partito all'arrembaggio del mare della rete depredando le conoscenze di ogni isola su cui è approdato: Ha scritto per Games, VGN, Adventure's Planet, Badgames, FlopTV, Cinefilia Ritrovata, Ridble e creato qualche video per la ciurma di Game Series Network.

Nel mentre la taglia sulla sua testa è aumentata e dopo che l'Università di Viterbo lo ha ritenuto un pericoloso "Capitano della Comunicazione", l'Alma Mater Studiorum di Bologna lo ha classificato come "Minaccia Pirata esperta di Cinema, Televisione e Produzione Multimediale".

Per circa un anno è quindi rimasto nascosto nella Cineteca di Bologna, gestendo dall'ombra l'Archivio Videoludico e organizzando anche un ritrovo piratesco conosciuto come Svilupparty.

Dopo qualche tempo passato in mare tra cinema, fumetti, serie tv, libri, aspirapolvere e videogiochi, senza mai una vera casa, mette l'ancora alla fonda nella baia videoludica di Player.it, dove passa le giornate in compagnia di scimmie, balene e altri animali. Va spesso ad ubriacarsi nella taverna di Tom's Hardware, inoltre va all'arrembaggio di libri e fumetti su Frasix, di gadget e serie TV su Nospoiler e Cinematographe e svolge ricerche su antichi manufatti per conto di Ivipro.

Il richiamo dell'oceano però lo trascina continuamente tra le onde e anche se non sa dove lo porterà il vento quello che conta davvero è il viaggio.

super mario 3d all-stars cifre da record 5,21 milioni di copie

Super Mario 3D All-Star: vendute 5,21 milioni di copie

need for speed hot pursuit remastered

Need For Speed Hot Pursuit Remastered | Recensione (PC)