Black Mirror: Bandersnatch – Considerazioni Videoludiche

black mirror recensione bandersnatch


A circa un anno di distanza dall’uscita della quarta stagione, Black Mirror torna nuovamente ad “allietare” il nostro Natale. Tuttavia, Netflix ha saputo superarsi ancora una volta: ad essere pubblicata, infatti, non è stata l’attesa nuova stagione, ma un singolo episodio intitolato Bandersnatch.

Nonostante quanto ora detto, però, non c’è da essere delusi: Bandersnatch è un episodio interattivo, capace di tenere lo spettatore letteralmente incollato allo schermo, anche grazie alle scelte che sarà chiamato ad effettuare, essendo spinto a ricominciarlo più volte per “spolparlo” a dovere, esplorando così qualsiasi bivio narrativo.

Sarà riuscito Bandersnatch a rispettare gli altissimi standard della serie targata Netflix? Nelle righe che seguono, cercheremo di dare una risposta esauriente a questo interrogativo.

Black Mirror: quando distopia ed interazione si uniscono

È inutile girarci troppo intorno: tra i tantissimi show che oramai affollano le nostre giornate, Black Mirror è uno dei pochissimi, se non addirittura l’unico, ad essersi guadagnato una sua precisa identità. La serie Netflix si è da sempre contraddistinta per aver creato un universo narrativo tanto distopico quanto assolutamente credibile, riuscendo ad incutere un “sano timore” su qualsiasi device tecnologico attraverso i suoi usi più distorti.

Come già accaduto nella puntata USS Callister, ancora una volta i videogiochi tornano ad essere protagonisti; tuttavia, se nel pilot della quarta stagione i videogame si limitavano ad essere il tema centrale, stavolta l’intero episodio può essere considerato tale, grazie alla sua interattività.

Il giocat… ehm… lo spettatore, sarà infatti chiamato ad assistere (e a determinare) le vicende di Stefan Butler, un giovane dal passato tormentato con un unico, grande sogno nel cassetto: riuscire a sviluppare il suo videogioco. Il titolo è ispirato a Bandersnatch, un librogame il cui autore, a seguito di un non meglio specificato “crollo nervoso”, si macchiò di un tremendo crimine.

La puntata è ambientata nei favolosi anni ’80, ed è piena di riferimenti alla storia videoludica che ogni nerd un po’ più attempato non farà fatica a riconoscere. Grafica in pixel, Commodore 64, registratori Betamax, librigame grossi come mattoni, televisori a tubo catodico: Bandersnatch è un vero e proprio salto nel passato.

Nel corso dell’episodio, saremo chiamati a compiere delle scelte che, in maniera sempre più ramificata, andranno a determinare l’esito della nostra impresa, ovviamente sempre in pieno stile Black Mirror.

Bandersnatch: a metà strada tra serie tv e videogame

bandersnatch rappresenta la fusione perfetta tra videogame e serie tv
Il sottile confine che divide la realtà dal peggiore degli incubi.

Come tutti i fan più appassionati sicuramente sapranno, Bandersnatch non è il primo “esperimento interattivo” compiuto da Netflix; questo titolo, infatti, spetta a Minecraft: Story Mode. Tuttavia, l’ultimo episodio di Black Mirror riesce a raggiungere un grado di coinvolgimento mai visto prima in una serie tv.

I bivi narrativi che dovremo imboccare, avendo solo pochi secondi per decidere, sono tanti, ben strutturati e via via sempre più imprevedibili, tanto che alcune strade potrebbero portarci ad un prematuro “Game Over“. In questi casi, potremo anche riavvolgere il tempo (manco fossimo in Life is Strange) e cambiare il nostro percorso, sbloccando nuove scene ed ottenere nuovi finali.

Proprio come avviene in molte avventure grafiche, Bandersnatch dispone di ben cinque diversi finali, ottenibili solo a patto di esplorare ogni singolo anfratto della puntata, percorrendo ogni bivio narrativo, anche quelli all’apparenza più insignificanti. Inutile dire quanto questa scelta riesca a garantire una longevità praticamente mai vista prima per una show televisivo.

Nonostante quanto detto finora, ci teniamo a dare una calorosa rassicurazione a tutti gli scettici…

Bandersnatch è al 100% un episodio di Black Mirror

https://www.youtube.com/watch?v=UmS4W5BS0OU

Sin dai primi momenti in cui erano iniziate a circolare le voci sull’elemento interattivo dell’episodio, non pochi fan avevano storto il naso. In molti, infatti, nutrivano dubbi sull'”autenticità” della puntata. Ebbene, possiamo dire che, dopo diverse ore di “gameplay”, mai dubbi furono più infondati.

Bandersnatch appartiene pienamente all’universo narrativo di Black Mirror. Non solo sono presenti riferimenti ad altri episodi della serie, ma anche tutti gli altri trademark dello show targato Netflix sono perfettamente riconoscibili. L’ansia, il timore tecnologico, la follia, i complotti, un inaspettato sfondamento della quarta parete: Bandersnatch è questo e tanto altro ancora.

Se a tutto questo aggiungessimo la possibilità di poter controllare in prima persona l’evolversi degli eventi, riuscendo anche a “riavvolgere il nastro” quando necessario, potremmo tranquillamente affermare che l’episodio in questione non solo ha rispettato gli altissimi standard a cui Black Mirror ci ha abituati, ma li ha addirittura superati, puntando a diventare un vero e proprio riferimento per qualunque altro “esperimento seriale” di simile natura.

Giudizio Finale

L’attesa di Bandersnatch è stata pienamente ripagata. Se Black Mirror è sempre riuscita ad inquietare e disorientare i suoi fan, stavolta la serie Netflix è riuscita nel non facile compito di stupire lo spettatore.

Quanto visto in questo “episodio natalizio” è un esperimento pienamente riuscito, capace di fondere due media oramai contigui come videogame e serie tv, collocandosi a metà strada tra essi e creando qualcosa che, siamo sicuri, è destinato a fare scuola.

Mai avremmo pensato di usare termini come “longevità“, “rigiocabilità“, “finali alternativi” e, perché no, “gameplay” per parlare di uno show televisivo, ma Bandersnatch ci obbliga ad aggiornare il nostro lessico. Molto probabilmente questo episodio di Black Mirror non sarà un caso isolato, e potremmo ritrovarci ancora una volta a parlare di serie tv su un sito di videogiochi, essendo sicuri che sarà per una “giusta causa”.

D’altra parte, agli universi distopici siamo tutti oramai abituati, ma siete sicuri di poter fare i conti con un incubo generato dalle vostre stesse scelte? Se desiderate conoscere la risposta, non dovete fare altro che imbracciare il joypad (o il mouse) e tuffarvi a capofitto in Bandersnatch, ma fate attenzione: potreste rimanerne irrimediabilmente rapiti.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Foto di Hidetaka Miyazaki, presidente di From Software e creatore di Dark Souls e Bloodborne

From Software sta lavorando ad altri due titoli oltre a Sekiro

secondo Pachter, PS5 e la prossima Xbox usciranno prima del 2021

PS5 e Xbox Two saranno disponibili prima del 2021, secondo Pachter