Articolo a cura di Pietro Gualano 

 

Convincere i giocatori PC ad abbandonare la mitica coppia mouse/tastiera, specialmente con FPS o MOBA, non è assolutamente semplice. Moltissimi hanno rinunciato all’idea di avere un pad in grado di unire comodità di utilizzo ed efficacia sul “campo”, ma forse si sono arresi troppo presto. Oggi, infatti, siamo qui per parlare del Nacon GC 400 ES, un controller finanziato dai giocatori per i giocatori caratterizzato da alcune funzionalità veramente molto interessanti. Oltre alle possibilità di personalizzazione strettamente hardware, infatti, abbiamo un’interessante sistema di gestione dei profili che consente anche agli utenti meno esperti di scegliere in pochissimo tempo l’assetto migliore per i titoli più famosi e giocati in ambito eSport. Nacon GC 400 ES, quindi, è la scelta migliore per chi vuole giocare come un professionista senza spendere un patrimonio? Scopriamolo insieme!


 

La leggerezza non è tutto

 

Nacon GC 400 ES si presenta piuttosto bene, con una confezione colorata di azzurro e nero in cui troviamo, oltre al controller, un pratico sacchetto, degli adesivi Nacon di varie forme e dimensioni da utilizzare dove vogliamo, un cavo USB con relativo aggancio a spinotto da avvitare, sei pesi (due da 10, due da 14, due da 17 grammi), una chiavetta per “aprire” e personalizzare il controller e, ovviamente, il manuale di istruzioni. 

Il cavo, come abbiamo detto, è a spinotto ma vi assicuriamo che è semplicissimo da installare: basta fare una leggera pressione e avvitare quanto basta. La lunghezza purtroppo non è il massimo (circa 150cm) quindi chi ama giocare con il proprio PC su un televisore di dimensioni notevoli potrebbe avere qualche problema. 

Nulla da dire sui pesi, semplici da montare e assolutamente necessari in certi casi: il controller, nella sua forma standard, è veramente leggerissimo e ci ha impressionati la prima volta che l’abbiamo preso tra le mani. Ora, ci sono giocatori che prediligono un pad leggero come una piuma e altri che ne preferiscono uno più stabile, ma vi assicuriamo che qualsiasi sia la vostra preferenza potrete personalizzare il vostro Nacon come volete.

Parlando del manuale di istruzioni segnaliamo che è presente la lingua italiana, vi consigliamo caldamente di consultarlo perché ci sono le istruzioni base per l’installazione (non troppo intuitiva in realtà). E’ necessario scaricare un software gratuito di piccole dimensioni direttamente dal sito di Nacon dopo aver creato un account, un programma (anche questo in italiano) che vi consente di personalizzare in modo semplice e veloce i profili, di assegnare i tasti, di regolare in modo estremamente dettagliato la sensibilità delle levette e non solo. Il software in questione è stato realizzato bene e crediamo che anche un neofita non avrà difficoltà a impostare il proprio profilo personalizzato secondo le proprie esigenze. Nella sezione download, inoltre, trovate alcuni profili già fatti dedicati a titoli di vario genere (Overwatch, CS:GO e non solo).

Un’ispirazione azzeccata

 

Passiamo ora all’analisi del pezzo forte: il controller. A un primo sguardo questo pad ricorda vagamente quello Xbox One e crediamo che questo sia un bene: dal momento che la maggior parte degli utenti che usa un pad su PC si serve dei controller Xbox, infatti, è facile sentirsi subito a casa e non ci si deve abituare a impugnature strane o a tasti posizionati in modo insolito.

Il controller è stato realizzato con più tipi di plastica ed è quasi completamente rivestito da quella antiscivolo che, dettaglio non da trascurare, è anche decisamente piacevole da toccare. Anche sotto l’aspetto materiali possiamo affermare che è stato fatto un buon lavoro, il pad non ci è mai “scappato” dalle mani neanche a peso minimo ed è piuttosto difficile farlo cadere accidentalmente.

Parlando dei tasti la disposizione frontale è quasi identica a quella del controller Xbox One, con A,X,Y,B sulla destra, le due levette in basso a destra e in alto a sinistra, la croce direzionale in basso a sinistra (leggermente diversa e più compatta rispetto al controller Xbox, perfetta per i picchiaduro) e i tasti centrali. Questi ultimi tuttavia sono tre, non due, e offrono alcune funzionalità molto interessanti di cui parleremo più avanti. I grilletti frontali sono i classici quattro, due a destra e due a sinistra, ma abbiamo anche due tasti situati alla base delle “corna” del pad. 

Anche i tasti sono stati realizzati bene e rispondono in tempi rapidissimi, la corsa dei grilletti è pulita e senza intoppi e non ci è praticamente mai capitato di dover sbloccare un pulsante incastrato. I tasti posteriori non sono comodissimi da usare (ovviamente le mani dell’utente hanno un peso in questo senso) ma con un po’ di pratica si possono sfruttare al massimo. 

Tre controller in uno

 

Nacon GC 400 ES permette all’utente di scegliere tra tre modalità molto diverse tra loro. Abbiamo infatti:

 

– D-Input: pensata essenzialmente per i vecchi giochi che utilizzano un controller

– X-Input: ideata per i giochi più recenti che usano un controller

– Pro-Gamer: probabilmente la modalità più interessante, pensata per consentire all’utente PC di avere una risposta simile, o almeno paragonabile, a quella di mouse e tastiera

 

In nessuna di queste modalità è purtroppo inclusa la vibrazione, passando da una all’altra la levetta in basso a destra viene circondata da una luce rispettivamente blu, viola e rossa. Questa scelta cromatica non è solo estetica, dal momento che quando siamo in game possiamo facilmente intuire con un solo sguardo come stiamo usando il controller e, nel caso, modificare il nostro approccio. 

La domanda più importante comunque è la seguente: questo controller, in Pro-Gamer, riesce veramente a pareggiare o addirittura superare l’efficacia di mouse e tastiera nei titoli più usati in ambito eSport? La risposta, a parer nostro, è no. Crediamo che questo sia un ottimo prodotto, ma non riesce a offrire la precisione garantita dalla classica coppia mouse/tastiera. Nacon GC 400 ES è un controller di qualità perfetto per chi non si trova proprio con le periferiche appena citate e vuole qualcosa di più “familiare”, quella fetta d’utenza che magari dopo anni di console non sopporta la gestione della tastiera o la sensibilità del mouse e vuole un prodotto più comodo da utilizzare.

Conclusione

 

Nacon GC 400 ES è un ottimo controller PC, il rapporto qualità/prezzo (99 euro) è sicuramente soddisfacente e crediamo sia una buona scelta per tutti quelli che cercano un buon pad per la loro macchina. Il software per la personalizzazione è stato realizzato bene ed è semplice e intuitivo da utilizzare, ma abbiamo apprezzato anche la qualità dei materiali e la possibilità di alternare più modalità di utilizzo. Peccato per la mancanza della vibrazione e per la lunghezza non eccezionale del cavo, ma stiamo parlando comunque di difetti marginali.

In conclusione, se state cercando un controller PC di qualità Nacon GC 400 ES è sicuramente consigliato. 

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!