Create – Recensione


Recensione di Paolo Arturo Tinti

 Sandbox. Una parola spesso abusata dalla critica videoludica ed erroneamente intesa come sinonimo di free-roaming.
Sandbox è quel genere che fornisce al giocatore gli strumenti necessari per “creare”, dandogli la possibilità di fare ciò che vuole, sfidando il suo estro.
Al contrario dei giochi lineari, non c’è un modo corretto e uno sbagliato di giocare, il giocatore viene lasciato in balia di se stesso, e dovrà riuscire a trarre divertimento solo dalla propria capacità di  far fruttare la fantasia.
Create, prodotto e sviluppato internamente da Electronic Arts, è un titolo puramente sandbox al quale è stata aggiunta una forte componente di gameplay a chain reaction, proponendo così un genere poco diffuso su console.

Un mondo nato dalla nostra fantasia

Nel momento in cui si avvia il gioco, dopo la routinale presentazione dei loghi, viene mostrato all’utente un rilassante cielo azzurro che ospita 12 isolotti fluttuanti: sono le aree nelle quali il giocatore potrà sbizzarrire la propria fantasia. Inizialmente ne saranno accessibili solo un paio, ma man mano che si guadagnano punti si vincerà l’accesso a nuovi livelli.
Ogni area ha un tema diverso, anche se di fatto nel momento in cui la si sceglie per la prima volta ci si presenta semplicemente come uno spazio vuoto, starà a noi riempirlo con gli elementi che meglio riteniamo possano abbellire la scena.

C’è anche un livello jolly che consiste in uno spazio vuoto nel quale può essere costruito da zero il livello in questione.

Il giocatore ha a disposizione un’infinità di strumenti e di decorazioni per guarnire l’area scelta. Potrà dipingere muri e pavimenti scegliendo tra centinaia di colorazioni, pattern e adesivi diversi. Potrà poi arredare la zona come più preferisce, aggiungendo alberi, panchine, autobus, tende, locomotive, razzi ,negozi, montagne russe, dinosauri e chi più ne ha più ne metta. C’é, inoltre, anche la possibilità di “animare” la scena aggiungendo elementi dinamici che il giocatore farà muovere secondo i suoi desideri.

In poche parole in Create non c’è niente che non possa essere modificato: è possibile cambiare addirittura il cielo, le condizioni meteorologiche e la musica di sottofondo!

Più si decora una zona e più si guadagnano punti, qui chiamati “scintille”, con l’aumentare dei quali vengono sbloccati nuovi elementi ornamentali.

Per guadagnare più rapidamente scintille ogni area offrirà una decina di “sfide”, ossia dei puzzle a chain reaction giocati nel medesimo livello che stiamo decorando. Alcune sono anche particolarmente impegnative e ci porteranno via parecchio tempo prima di capire come risolverle.

Il gameplay a chain reaction è molto diffuso nei giochi in flash: facendo un giro su Kongregate o su Newgrounds se ne possono trovare centinaia, è però molto raro su console.


Consiste nel raggiungere degli obbiettivi, che in genere sono “porta l’oggetto A nel punto B”, disponendo determinati elementi in modo che interagiscano tra di loro. Una volta che si è sicuri della riuscita del livello, si dà inizio alla chain reaction: una vera e propria reazione a catena che lascerà al motore fisico il ruolo di gestire collisioni ed eventi, mentre il giocatore farà da spettatore, osservando se gli oggetti in gioco si stanno comportando come previsto.

Sotto un punto di vista tecnico Create non manca di niente. Ha uno stile grafico adeguato al genere, molto colorato e acceso,  e un motore fisico che soddisfa debitamente le esigenze del pretenzioso gameplay a chain reaction.

Opinabile invece la scelta del soundtrack, che suona ripetitivo e fuori luogo. Si intuisce che cerca di essere una musica onirica, che si amalgami con lo stile di gioco fantasioso, ma il risultato finale è soltanto una musica insignificante, lagnosa e non coinvolgente.

Un’altra piccola critica può essere rivolta alla traduzione in italiano troppo letterale, quasi alla GoogleTranslator. Non si possono perdonare, ad una big come la EA, traduzioni tipo: “Premi tasto C per fare zoom”.

Conclusione

Tutto sommato EA ha fatto un buon lavoro.
Create è un gioco tecnicamente ben riuscito e, data la semplicità di contenuti, probabilmente molto vicino al disegno del Game Designer che ci ha lavorato.
A conti fatti non è molto diverso da altre decine di giochi in Flash che si trovano su internet, anche se ovviamente questo offre una grafica migliore e una giocabilità più comoda. Purtroppo però è un gioco che stanca molto presto proprio perché, alla fin fine, si tratta di dover fare sempre le stesse cose e diventa ripetitivo.
Probabilmente avrebbe dovuto essere un pizzico più lineare, giusto per dare al giocatore quello stimolo a proseguire e quel “senso di progressione” che invece si ha giocando, per esempio, a Little Big Planet, anche lui un sandbox, ma neanche lontanamente paragonabile a Create.

Voto: 6 su 10

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Il remake più voluto é quello di Final Fantasy VIII!

Bad Company 2 Vietnam e Vip Map Pack: data di uscita e caratteristiche