Pumpkin Jack | Recensione (Switch)

A pochi giorni di distanza dalla notte più oscura dell’anno, arriva un videogame capace di tenerci compagnia in un Halloween (o Allauin, che dir si voglia) decisamente singolare per il genere umano. Si tratta di Pumpkin Jack, titolo sviluppato da Nicolas Meyssonier e pubblicato da Headup Games, che riprende un genere decisamente retro e un po’ “fuori moda”: quello delle avventure platform.

È opportuno premettere che il videogioco in questione è frutto di una produzione senza i budget dei tripla A che oramai siamo abituati a conoscere; tuttavia, spesso accade che nelle botti piccole ci sia il cosiddetto “vino buono“. È questo il caso di Pumpkin Jack? Cercheremo di spiegarvelo nelle righe della nostra recensione.

C’era una volta, tanto tempo fa…

la trama di pumpkin jack
Un anti-eroe al servizio del male.

Arc En Ciel, un regnoestremamente calmo e quieto, dove la gente viveva in pace e tutti, davvero tutti, si volevano bene. Un bel giorno, qualcuno decise questo stato di cose era decisamente troppo noioso, e volle portare un po’ di sano scompiglio in quelle lande così allegre e gioiose: costui era il Diavolo in persona, che sguinzagliò i suoi demoni più potenti con l’unico scopo di portare morte e distruzione.

Tuttavia, il genere umano non ne voleva proprio sapere di arrendersi. Un mago abbandonò la sua torre d’avorio ed i suoi studi per mettersi alla ricerca di un modo per respingere le orde demoniache, al fine ricacciare le forze del male negli inferi.

Ed è proprio qui che entriamo in gioco noi! Il nostro caro Satanasso, rendendosi conto di questa mossa degli uomini, decide di giocare il suo asso nella manica, evocando un creatura tetra e meschina di nome Pumpkin Jack. Questo servitore del Diavolo avrà un solo scopo: intercettare il mago ed impedire che fermi l’avanzata dei demoni (anche se sarà proprio con questi ultimi che dovremo scontrarci).

Pumpkin Jack: un anti-eroe (molto “anti” e poco “eroe”)

la grafica di pumpkin jack
Un setting che strizza l’occhio alle atmosfere dei film di Tim Burton.

Sin dai primi minuti di gioco, sono chiari i riferimenti artistici e videoludici che hanno ispirato Pumpkin Jack. Come detto anche in apertura, il titolo è un’avventura platform dalle forti tinte horror ironiche tanto care a Tim Burton, e che abbiamo imparato a conoscere alla perfezione in quel capolavoro del passato che è Medievil (se non lo avete ancora fatto, leggete la nostra recensione).

L’influenza di Sir Daniel Fortesque nella creatura di Meyssonier è decisamente percepibile, sia nel setting, sia nelle meccaniche di gioco, che nell’umorismo che permea l’intera opera.

Nel primo stage, adibito a vero e proprio tutorial, prenderemo confidenza con i comandi e gli attacchi del nostro strambo protagonista. I pulsanti da padroneggiare sono fondamentalmente quattro: quello per attaccare, quello per schivare, quello per utilizzare il corvo (vero e proprio attacco a distanza), e ovviamente quello per saltare (dedicato maggiormente alle fasi esplorative).

Da un punto di vista grafico, il gioco non sfigura affatto, nonostante la versione per Nintendo Switch da noi provata sia quella dall’aspetto tecnico meno “pompato”. Volendo analizzare questo lato del videogame, le limitazioni di budget si rendono evidenti con delle texture e degli effetti un po’ datati, che solo una direzione artistica “furba” riesce a stemperare, facendo ricorso ad un look cartoonesco. Anche il riciclo di alcuni asset va interpretato come diretta conseguenza dei limiti di produzione.

Per quanto riguarda la colonna sonora, invece, sono frequenti i rimandi a melodie provenienti dalla musica classica, ma “riadattate” al contesto horror ironico del gioco, che funzionano anche bene, senza mai però elevarsi.

Level design e combat system

i boss di pumpkin jack
Le boss fight sono tra i momenti più esaltanti del gioco.

Ogni stage che ci troveremo ad affrontare sarà caratterizzato in modo originale, mettendoci di fronte sia a combattimenti (su cui torneremo in seguito) che a fasi puzzle, con enigmi da risolvere.

In determinati momenti, infatti, il nostro Pumpkin Jack dovrà staccarsi la testa per aggirare dei determinati ostacoli e aprire dei passaggi altrimenti inaccessibili (anche qui l’influenza di Medievil è decisamente percepibile).

Nonostante quanto ora detto, il level design del gioco è piuttosto lineare, con pochissime aree nascoste destinate alla raccolta dei collezionabili (i teschi di corvo, destinati all’acquisto delle skin, ed i grammofoni), che non rappresentano una sfida particolarmente ostica. Per farla breve, in poco più di 5 ore potrete agevolmente arrivare ai titoli di coda.

Il tallone d’Achille del titolo è però rappresentato da un combat system decisamente caotico e da dei comandi poco precisi. Nel primo caso, per sconfiggere i nemici faremo spesso ricorso al più frenetico dei button mashing, ricordandoci di schivare di tanto in tanto; nel secondo caso, invece, ci troveremo a cadere nel vuoto per un salto mal calibrato, per delle collisioni che non sempre fanno il loro dovere e, soprattutto, per una telecamera decisamente rivedibile (soprattutto in determinati punti del gioco).

Le boss fight sono invece i momenti più divertenti dell’esperienza videoludica in questione, in cui saremo chiamati ad usare l’ingegno e che, una volta ottenuta la vittoria, ci ricompenseranno con una nuova arma. Anche in questo caso, si poteva osare qualcosina in più, in quanto le armi in questione si differenziano solo per un fattore estetico e per i danni inflitti, senza presentare peculiarità o caratteristiche uniche.

Commento finale

Come già ampiamente sottolineato, Pumpkin Jack è chiaramente ispirato a Medievil, senza però averne la “potenza di fuoco”. La creatura di Nicolas Meyssonier ha dovuto fare di necessità virtù e, analizzando il titolo sotto quest’ottica, non sfigura affatto, ed è possibile anche chiudere un occhio su alcune sbavature che, invece, non avremmo perdonato ad un tripla A. Il gioco riesce nel suo intento: divertire per una manciata di ore, facendoci tornare indietro nel tempo fino a tre generazioni fa. Fate entrate Pumpkin Jack nelle vostre case (o console) per questo Halloween, potrebbe strapparvi più di un sorriso.

resident evil 3 approda su switch con il cloud

Resident Evil 3 potrebbe approdare su Switch in versione Cloud

Genshin Impact: Adventurers Assemble, Mora e Primogems gratis fino al 27 novembre