Recensione: con il DLC Harrowstorm parte Dark Heart of Skyrim su The Elder Scrolls Online

Un boss di Unhallowed Grave, uno dei due nuovi dungeon introdotti dal DLC dungeon pack Harrowstorm per The Elder Scrolls Online

Annunciato, forse un po’ in sordina, nel Gennaio di quest’anno, il dungeon pack Harrowstorm è il punto di partenza dell’arco narrativo Dark Heart of Skyrim, che ancora una volta porterà i giocatori di The Elder Scrolls Online nelle gelide lande del Margine del Cielo: Skyrim, appunto.

Le successive pietre miliari includeranno l’attesissimo Greymoor, che vedremo il 18 Maggio su PC/Mac e il 2 Giugno su Xbox One e PlayStation 4; successivamente si proseguirà con un altro dungeon pack, nel terzo trimestre del 2020, e una story zone finale negli ultimi tre mesi dell’anno.

In questo mio centesimo articolo su Player.it, quindi, daremo un’occhiata insieme ai nuovi dungeon introdotti dal DLC Harrowstorm: il glaciale Icereach e l’ipogeo di Unhallowed Grave.

L'ingresso del dungeon Iceareach (ESO)
L’imponente ingresso del dungeon Iceareach

Un inizio sofferto: Patching Overhaul e Update 25

Questo MMO, pubblicato da Bethesda con Zenimax Online Studios in veste di sviluppatore, in passato ha avuto qualche problema con il launcher: come forse ricorderete dalla mia recensione del DLC Elsweyr, prima della patch dell’Aprile 2019 ero stato costretto a usare una VPN per scaricare i corposi aggiornamenti.

Anche stavolta, per fortuna, la provvidenziale patch mi ha evitato questo fastidio, e così ho potuto iniziare subito a giocar- no, invece no: mi sono schiantato in pieno contro il patching overhaul, cioè un grosso cambiamento nel modo di gestire il game client.

Il download, gli aggiornamenti e perfino la struttura dei file sull’hard drive sono stati modificati da questo Update 25 nel nome dell’efficienza e del miglioramento della performance, ma questo ha significato dover riscaricare tutto il client, da zero.

Sapendo che questo avrebbe irritato non pochi giocatori, o forse –come riferiscono fonti assolutamente (in)affidabili– per evitare l’ira funesta del sottoscritto, Zenimax ha regalato a tutti il simpatico Crimson Torchbug Pet: una lucciola pucciosa, che seguirà i nostri personaggi nel corso delle loro avventure.

La si potrà ottenere gratuitamente dal Crown Store, ma soltanto per un periodo limitato: dal 24 Febbraio al 9 Marzo per chi gioca su PC/Mac, e dal 10 Marzo al 24 Marzo per chi invece gioca su console.

Dopo questo inizio leggermente fastidioso, possiamo finalmente tuffarci nell’avventura.

I nuovi dungeon introdotti dal DLC Harrowstorm

Forse per aver dato retta ai feedback del giocatori in merito al dungeon pack Scalebreaker, di cui trovate qui la mia recensione, o forse per dare a tutti l’opportunità di provare a tutti l’esperienza Harrowstorm, i nuovi dungeon sono decisamente più semplici di quelli di Scalebreaker.

Cercherò di non addentrarmi troppo nelle meccaniche, visto che non si tratta di una guida, e soprattutto eviterò gli spoiler, considerato che questi contenuti saranno disponibili per chi gioca su console soltanto dal 10 Marzo.

Le Streghe dell’Icereach Coven

Sembra che non ci sia un ordine ben preciso con cui affrontare i nuovi dungeon, almeno dal punto di vista narrativo; ho deciso di iniziare a esplorare i contenuti di Harrowstorm dal dungeon Icereach, semplicemente perché è stato il primo per cui ho trovato un party per il mio Nord Templar (Magicka). Pew-pew.

La situazione che ci troviamo davanti è questa: alcuni Thane, una sorta di cavalieri dell’High King di Skyrim, erano partiti alla volta di Iceareach per indagare sulle tempeste innaturali che flagellavano la zona, affondando le drakkar longship dei Nord e danneggiandone quindi l’economia; al loro mancato ritorno, viene inviata una missione di salvataggio (cioè noi), con l’obiettivo di scoprire l’accaduto e soprattutto di riportare a casa i superstiti.

Icereach, un nuovo dungeon per The Elder Scrolls Online

Durante la ricerca ci imbattiamo in una nostra vecchia conoscenza: Lyris Titanborn, Nord / mezzo-gigante ed NPC preferito da tutti, nonché membro dei Five Companions, i cinque compagni dell’Imperatore Varen Aquilarios. Se avete giocato le espansioni precedenti saprete già di cosa parlo, altrimenti correte a farlo!

Ben presto scopriamo che quelle tempeste sono davvero innaturali, e ci troviamo a dover venire alle mani con una congrega di Hagraven: le orride streghe di Skyrim, ve le ricordate? Però stavolta ricoprono un ruolo molto meno marginale.

Un dungeon beginner friendly

Tra i due nuovi dungeon introdotti dal DLC Harrowstorm, Icereach è sicuramente il più semplice. Per questo motivo consiglierei ai nuovi giocatori di partire proprio da questo, così da poter tastare il terreno e sentire il polso delle istanze.

C’è un rovescio della medaglia, però: l’altro dungeon è molto più movimentato e interessante, soprattutto grazie a una nuova meccanica che scopriremo insieme tra non molto.

Per il resto cosa possiamo dire? Una spedizione perduta, le tempeste innaturali, l’ambientazione antartica con un’antica fortezza, creature misteriose, follia dilagante, strane forme di controllo della mente e pochi superstiti: sembrerebbe quasi una rivisitazione in chiave medieval-fantasy di “Alle montagne della follia” di H.P. Lovecraft.

Come ci si può aspettare dal nome stesso, Icereach, i danni da fuoco e gli attacchi ad area aiutano notevolmente, credetemi.

Un boss gigante del nuovo dungeon Icereach, introdotto dal DLC ESO Harrowstorm

Le ricompense di Icereach

Oltre al pet Crimson Torchbug regalato in occasione dell’Update 25 e all’emote Wickerman Mishap, ottenibile entrando in uno dei nuovi dungeon, questo dungeon pack ci permette di ottenere un outfit style che per alcuni potrebbe valere l’intero DLC: mi riferisco alla Lyris’ Icereach Battle Axe, che otteniamo completando Iceareach in difficoltà Veteran.

L'outfit style Lyris' Icereach Battle Axe introdotto dal DLC Harrowstorm di ESO

Ovviamente a queste ricompense si aggiungono la mount Pyre Watch Jackal e il pet Hallin Jackal, per chi acquista l’Harrowstorm Collector’s Bundle; il DLC include anche un sacco di collezionabili reperibili in giro per il mondo, e soprattutto nuovi set d’equipaggiamento:

  • l’Hiti’s Heart, set Light più orientato all’healing basato sulla Magicka;
  • il Titanborn Strength, set Medium per i DPS che usano la Stamina;
  • il Bani’s Torment, set Heavy destinato ai tank;
  • il Mother Ciannait, un Monster Set dedicato ai DPS Magicka come il sottoscritto, disponibile nelle versioni leggere, medie e pesanti.
Il set Titanborn Strength di The Elder Scrolls Online Harrowstorm

Non sappiamo ancora di preciso come questo filo andrà a collegarsi con l’arazzo di Dark Heart of Skyrim, ma ricordando il legame tra le Hagraven, la stregoneria, i cuori di rovo (briarheart) e i rinnegati Forsworn di The Elder Scrolls V: Skyrim, il titolo di Cuore Oscuro di Skyrim assume un significato ben preciso.

Esploriamo l’Unhallowed Grave

Ed “esploriamo è proprio il termine più adeguato: se Unhallowed Grave fosse un’avventura di gioco di ruolo cartaceo, pesando ai pilastri di D&D e affini, le componenti sarebbero 50% Combattimento e 50% Esplorazione; Icereach, dal canto suo, si avvicina più a un 50% Combattimento e 50% Role-playing, se vogliamo.

Qui l’esplorazione è così importante perché è stata ripresa una meccanica già vista nel DLC Dragonhold, recensito in questo articolo: il grappling hook, o rampino da arrampicata.

L'ingresso del dungeon Unhallowed Grave (ESO)

Ma procediamo con ordine. L’antefatto che ci conduce in questo nuovo dungeon è piuttosto diverso dal precedente, così come lo è l’ambientazione: invece dei ghiacci di Skyrim, stavolta ci ritroviamo nel deserto sabbioso di Bangkorai, la regione che connette l’area di Hammerfell e del Deserto di Alik’r, terra dei Redguard, con quella di High Rock, patria dei Bretoni e degli Orchi.

Nella Prima Era, un’epoca perduta tra le sabbie del tempo, un misterioso male è stato sepolto dai Redguard in una cripta ancora più antica. Temendone il ritorno, i legionari hanno fondato un ordine di guardiani, i Pyre Watch, per vegliare su questa cripta.

Nel corso della Seconda Era, dopo millenni di onorato servizio, i Pyre Watch hanno dimenticato l’identità e la natura del male sepolto sotto le sabbie, e così anche il motivo della loro presenza; i loro ranghi si sono prosciugati sempre di più, e oggi rimane soltanto un membro: Shelaria, che da sola non può opporsi al gruppo di saccheggiatori di tombe, mercenari e negromanti chiamato Draugrkin.

Il dungeon Unhallowed Grave introdotto dal DLC Harrowstorm

Nel corso dell’avventura possiamo raccogliere frammenti di lore, che collegano la cripta al popolo Yokuda, antenati dei Redguard che in origine abitavano un continente inabissato in epoche remote, ma anche al celebre martirio di Saint Pelin.

Le rotelle iniziano a girare, gli ingranaggi a lavorare, e ci ricordiamo che Saint Pelin è legato al dio Stendarr e alla lotta contro i Vampiri e i non-morti. A conferma di questo troviamo il diario di un negromante che, esplorando la cripta alla ricerca di una via per diventare un Lich, rimase intrappolato e lentamente venne afferrato dai freddi tentacoli della follia.

Questo diario mi ricorda moltissimo il Beram Journal, cioè il diario di un capomastro che troviamo in The Elder Scrolls III: Morrowind, che ne documenta la discesa nel sottosuolo e soprattutto verso la pazzia.

Ondagore the Mad, il boss Lich di The Elder Scrolls Online - Harrowstorm

Folli sono anche i Draugrkin, e anche piuttosto pericolosi: non è affatto furbo sottovalutare una banda di negromanti rintanata all’interno di un’immensa tomba sotterranea, dove sono sepolti i cadaveri di ogni genere di creatura. E mi fermo qui per non spoilerare troppo.

Difficoltà media, meccaniche divertentissime

Rivelatosi un po’ più complesso di Icereach, Unhallowed Grave è un dungeon senz’altro divertente, soprattutto per la speciale meccanica del grappling hook.

Che si tratti di spostarsi nel dungeon, di rincorrere i boss in fuga o di esplorare anfratti nascosti, il nostro fido rampino sarà il nostro compagno di viaggio e, in alcuni casi, anche la nostra nemesi.

Mi sono sentito un vero e proprio esploratore, a metà tra Indiana Jones e un personaggio di un’avventura di D&D, nel saltare sopra crepacci e burroni con l’ausilio di corda e rampino.

Quando poi ci si ritrova a usare questi strumenti per correre dietro a un boss durante uno scontro, la difficoltà s’impenna notevolmente, così come il divertimento. E la frustrazione. Grrr.

La divertente meccanica del grappling hook, il rampino in The Elder Scrolls Online - Harrowstorm

Già, perché un altro dei nuovi elementi introdotti dal DLC Harrowstorm è quello delle aree segrete nei dungeon: mentre in Icereach non ne ho trovate, e a quanto pare non ce ne sono, in Unhallowed Grave c’è il Voria’s Sanctum: una sezione nascosta del dungeon, che non compare nemmeno sulla mappa.

Boss addizionali e facoltativi, raggiungibili attraverso il simpatico mini-game del rampino e altri artifizi che non vi spoilero in questa sede. Questi boss possono essere affrontati anche quando magari metà del party, dopo aver completato il dungeon, è già uscita dal gruppo. Le ricompense includono buff, achievement, collezionabili e loot vari, ma c’è un twist: alcuni di questi boss hanno una meccanica di fuga, bisogna cioè raggiungerli e interrompere il loro channelling prima che riescano a tagliare la corda, impedendoci a quel punto di proseguire nell’area segreta.

La meccanica del grappling hook nel dungeon Unhallowed Grave

Le ricompense di Unhallowed Grave

Combattiamo i tombaroli Draugrkin che vogliono depredare l’antica cripta, quindi, così poi potremo saccheggiare noi stessi la cripta in questione. Mi sembra giusto.

Similmente ad Icereach, le ricompense ottenibili dal dungeon Unhallowed Grave includono quattro nuovi set d’equipaggiamento, oltre a una pletora di collezionabili e arredi vari. Massì, arrediamo casa con le lapidi rubate, dai.

Il set Grave Guardian di The Elder Scrolls Online Harrowstorm

Vediamo quindi i gear set lootabili da Unhallowed Grave:

  • il Draugrkin’s Grip, set Light dedicato ai DPS Magicka come il mio Templar;
  • l’Aegis Caller, un set Medium dal nome invidiabile, pensato per i DPS Stamina;
  • il Grave Guardian, set Heavy da tank che pompa le resistenze, gli HP e la Stamina;
  • il Kjalnar’s Nightmare, il Monster Set del gruppo, disponibile in tutte e tre le versioni (Leggera, Media e Pesante) e pensato più che altro per i DPS Magicka.
I nuovi Bloodrune Body Markings di The Elder Scrolls Online

Completando il dungeon in modalità Veteran, inoltre, si sbloccano i Bloodrune Body Markings: dei tatuaggi geometrici e scarlatti, che nelle intenzioni di Zenimax avrebbero dovuto farci somigliare un mercenario Draugrkin, ma diciamoci la verità: vedendoli abbiamo pensato tutti a Kratos.

Atena! Gli dèi dell’Olimpo mi hanno abbandonato!

– Il Fantasma di Sparta

Tutto nuovo, tutto bellissimo, tutto fantastico. C’è un però: il sentimento comune, in questo caso, è quello di tenersi i vecchi set se si ha già un buon setup, e di risparmiare oro e materiali per il Big Chapter: Greymoor porterà sicuramente tantissime altre novità, e pare che i setup cambieranno drasticamente.

Ricompense anche per il PvP

Ok, fin qui abbiamo parlato soltanto di PvE. Questo DLC Harrowstorm, però, porta qualche novità anche per gli appassionati di PvP: in particolare gli stili per armi e armature del Knight of the Circle.

I nuovi stili introdotti possono essere arraffati acquistando Knight’s Resolve oppure Knight’s Rebuke dai War Researcher di Cyrodiil, e combinandoli con gli Arena Gladiator Proofs ricevuti dalle Conquest daily quest; in questo modo otterremo una pagina che ci permetterà di imparare lo stile Knight of Circle per un pezzo casuale d’equipaggiamento.

Per le armature servono 20 Arena Gladiator Proofs e un Knight’s Resolve, mentre per le armi sono necessarie 40 Arena Gladiator Proofs e un Knight’s Rebuke.

Queste pagine di stile, infine, non sono bound, e quindi possono essere vendute e scambiate senza problemi.

Nuovi set craftabili per il PvP

L’Update 25 e questo nuovo DLC, inoltre, aggiungono tre crafting station alla mappa di Cyrodiil, e quindi altrettanti nuovi set craftabili:

  • l’Unchained Aggressor, con bonus per la Stamina e la Stamina Recovery, oltre a Weapon Damage, Spell Damage e un buff al danno (Major Berserk) che procca quando usiamo l’anti-CC Breaking Free;
  • il Critical Riposte, con Critical Resistance, Maximum Health e un bel debuff (Minor Uncertainty e Minor Enervation) per il nemico che dovesse osare infliggerci un colpo critico;
  • il Dauntless Combatant, con bonus per Maximum Stamina, Maximum Health e Maximum Magicka, oltre a un Break Free gratuito che procca quando veniamo colpiti da un effetto disabilitante.

Come sa bene chi mi segue qui su Player, non sono un grande appassionato di PvP, tranne che in alcune rare eccezioni, quindi mi fermo qui.

Le mie considerazioni finali

Ho avuto modo di gironzolare, testare, chiacchierare con altri giocatori e battere la capoccia contro il muro in un paio di punti dei nuovi dungeon, com’è giusto che sia.

Ne ho ricavato in particolar modo due impressioni:

  • tutto questo è un prequel per la futura quest introduttiva di Greymoor, il futuro Big Chapter, che dovrebbe portarci nella parte Occidentale della regione di Skyrim;
  • c’è stata una notevole correzione di tiro dopo le lamentele sull’eccessiva difficoltà dei dungeon del DLC Scalebreaker, che hanno fatto penare ben più di un giocatore casual come il sottoscritto.
Kjalnar Tombskald, il boss finale del dungeon Unhallowed Grave (ESO)

Non ci vedo nulla di male, anche perché il risultato è parecchio divertente, soprattutto grazie all’uso massiccio delle meccaniche legate al grappling hook e agli spostamenti non tradizionali, che rendono i dungeon molto meno tediosi di quanto mi aspettassi.

Harrowstorm promosso con ottimi voti, insomma, ma c’è un piccolo pet peeve, un cruccio che mi accompagna fin da quando ho iniziato a giocare a The Elder Scrolls Online, e che si ripropone a ogni espansione e DLC, in misura variabile.

Il mio immancabile /rant

No, malfidati, non sto parlando della gestione dell’inventario. Ok, allora ho due pet peeve, ma intanto vediamo quello a cui mi riferisco: l’animation cancelling.

Mentre su altri MMO l’animation cancelling è considerato un exploit, in ESO non è soltanto tollerato, ma addirittura incoraggiato nei tutorial in-game e sulle varie guide, ufficiali o meno. Lo chiamano weaving, ed è reso sostanzialmente indispensabile dalla (maledetta) assenza di auto-attack e, per certi versi, dalla complessità delle animazioni degli attacchi manuali, sia quelli leggeri sia quelli pesanti.

Le animazioni sono piuttosto gradevoli esteticamente, ma a lungo andare distraggono dal combattimento, abbagliano e possono aumentare eccessivamente il tempo che intercorre tra un attacco e l’altro.

Si usano gli attacchi leggeri per abbreviare le animazioni delle skill più potenti? No, esattamente il contrario: in questo caso specifico sono le skill (o spell) a cancellare l’animazione degli attacchi leggeri / pesanti, a seconda delle build.

Una delle sorelle Hagraven in The Elder Scrolls Online - Harrowstorm (DLC)
*confused Hagraven noises*

Tutto questo l’avrete già letto nella mia recensione del dungeon pack Scalebreaker; quello che forse non sapete, però, è che scambiando due chiacchiere con un qualunque altro giocatore mediamente esperto, magari durante una delle lunghissime code del dungeon finder, ci si accorge che sembra piuttosto diffuso il rimpianto non tanto per l’assenza di auto-attack, in stile World of Warcraft per intenderci, ma più che altro per la mancata implementazione di un sistema di macro legali.

Una funzione macro integrata in-game, quindi autorizzata dagli sviluppatori e permessa dai ToS, potrebbe rendere meno frustrante l’esperienza di gioco per tutti quei giocatori che si avvicinano a The Elder Scrolls Online più per l’appartenenza a un franchise di successo, caratterizzato da una lore più profonda della voce di Hermaeus Mora in Skyrim, che per le tradizionali sfide di un MMORPG.

Oltretutto mi si eviterebbe l’insorgere precoce della sindrome del tunnel carpale, ma tant’è.

Va detto, ad ogni modo, che in questo nuovo dungeon pack, Harrowstorm, il problema si pone con meno insistenza rispetto a Scalebreaker: i dungeon sono sensibilmente meno esigenti e meno stressanti da portare a termine, a prescindere dal livello di difficoltà scelto.

La strada verso Dark Heart of Skyrim è ancora lunga

Dopo Season of the Dragon, il capitolo precedente durato all’incirca un anno, Harrowstorm apre la strada al nuovo arco narrativo di Dark Heart of Skyrim.

La Season of the Dragon è iniziata col dungeon pack Wrathstone, è andata avanti con l’espansione Elsweyr e con il dungeon pack Scalebreaker, per poi finire con il DLC Dragonhold.

La congrega delle streghe di Icereach (ESO)

La stessa formula è stata scelta da Zenimax per Dark Heart of Skyrim: dopo il dungeon pack Harrowstorm avremo l’espansione Greymoor, che aprirà la regione occidentale di Skyrim, poi un secondo dungeon pack, probabilmente più impegnativo di questo, e infine uno zone DLC che, immagino, dovrebbe portarci nell’unica zona di Skyrim che a quel punto sarà rimasta ancora inesplorata: quella centrale, visto che nelle precedenti espansioni abbiamo già potuto gironzolare nelle aree orientali di Eastmarch, The Rift e Bleakrock Isle.

Riconoscete il posto? Sì, è Blackreach, sotto Skyrim. Greymoor ci riporterà lì.

La mia sensazione predominante è che i segreti scoperti sotto Unhallowed Grave ricopriranno un ruolo centrale in Dark Heart of Skyrim, mentre la Congrega di Streghe di Icereach e le relative tempeste sovrannaturali saranno al più degli elementi secondari.

Mi sarò sbagliato o avrò indovinato nel mio pronostico?
Lo sapremo soltanto nei prossimi mesi, questi teniamoci in contatto.

>>Leggi anche: la nostra recensione dell’espansione ESO – Elsweyr<<

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Pierluigi Michetti

Pierluigi è un abruzzese di 33 anni, cittadino d'Europa e appassionato non soltanto di tutto ciò che sia vagamente fantasy, ma anche di mitologia, rievocazione storica e rasatura tradizionale.

Cresciuto a pane, olio d'oliva, videogame di ruolo, letteratura fantasy, lezioni di pianoforte ed heavy metal, studia Scienze Politiche, prima, Pubblicità e Marketing, poi, e a metà della storia si ritrova a fare il copywriter e il redattore.

Dopo aver adorato D&D 3.5, Sine Requie, Il Richiamo di Cthulhu e altri titoli meno celebri, si ritrova quasi per caso a sfogliare il PHB e la DMG di D&D 5E, e lì viene risucchiato in un vortice dimensionale senza via di scampo. Dopo aver giocato il Guerriero / Chierico per una dozzina d'anni, attualmente si diverte con un Barbaro in una campagna, fa il DM in una seconda, e gioca (male) un Warlock Legale-Malvagio in una terza, sempre con lo stesso gruppo.

In tenera età, armato di un Amiga Commodore 64 e un SEGA Master System II Plus, inizia a esplorare il multiverso videoludico; la vera passione, però, sboccia soltanto con l'arrivo di un Pentium 1 133 MHz.

I titoli amati, in ordine sparso: da Age of Empires a Earthsiege 2, da Earth 2140 a Carmageddon, e poi SimCity, SimCopter, i simulatori di volo, Populous, Black & White, Monkey Island, Wolfenstein, BloodRayne, Planescape: Torment, i Baldur's Gate (inclusi i Dark Alliance), Dark Forces, senza dimenticare Ultima Online, World of Warcraft, i due Knights of the Old Republic (giocati più volte di quel che il pudore mi consente di ammettere), Star Wars the Old Republic, i vari Max Payne, i Vampire the Masquerade: Redemption e Bloodlines, Kingdom Come: Deliverance e naturalmente la saga di The Witcher, quella di Dragon Age, i vari The Elder Scrolls (incluso l'Online) e soprattutto quella di Mass Effect, di cui è perdutamente innamorato.

Dopo una primissima adolescenza trascorsa in compagnia dei romanzi di Tom Clancy e Bukowski, spicca il volo con gli autori canonici, tra cui Tolkien, G. R. R. Martin, J. K. Rowling, Weis - Hickman, Terry Pratchett, Stephen King, Gemmell, Howard e -in parte- Terry Brooks; attualmente adora la prosa di H. P. Lovecraft ma non tanto la sua poesia, divora Luk'janenko, Sapkowski, Karpyshyn, Zahn e tutto l'Universo Espanso di Star Wars.

Xbox Series X

Xbox Series X: cosa c’è nella nuova console di Microsoft?

Hearthstone | Un leak prevede l’arrivo del Demon Hunter