The Sims 4 Vita in Città – recensione


Articolo a cura di Marco Mancini

Ancora una volta la EA si fa apprezzare per la cura maniacale dei dettagli. Nella città di San Myshuno come in tutte le metropoli degne di questo nome la ricerca di un appartamento si trasforma in un’impresa e lo spazio nelle abitazioni non abbonda. Con il budget iniziale a disposizione un’unità familiare tipo potrà permettersi pochi metri quadri, a volte anche da ristrutturare. Per dirla senza troppi giri di parole gli appartamenti nei quartieri meno “in” sono dei veri tuguri. La tappezzeria antiquata e la moquette logora sono gli elementi perfetti a far da cornice alle “disavventure da prima casa”. Anche in questi minuscoli spazi spartani possono però accadere piccole magie. Le abitazioni di San Myshuno hanno un’anima e una vera propria personalità, tanto da possedere dei tratti proprio come i Sims. Ad esempio il tratto gnomi, che sarà particolarmente apprezzato da chi non ha una buona manualità. Negli appartamenti che possiedono questo tratto di notte qualche gnomo industrioso ripara gli oggetti rotti, facendo risparmiare tempo e denaro.



Un altro tratto degli appartamenti è “folletti delle monetine”. Questi esserini generosi popolano le mura domestiche facendoci dono di Simoleon, regalo particolarmente gradito in una città costosa come San Myshuno. Il tratto “cucina dello chef” garantisce che il cibo cucinato nell’appartamento sia di qualità migliore. La figura forse più temibile di questa espansione è il proprietario di casa. Meglio non farlo arrabbiare pagando puntualmente l’affitto settimanale (a proposito, che prezzi esorbitanti!). Per affittare un appartamento occorrerà versare anche una cauzione, in caso i nostri Sims provochino danni. Mantenere rapporti cordiali con il padrone di casa ci aiuterà a ottenere aiuto quando avremo bisogno di una riparazione urgente.

 

Anche in the Sims le trattative con i proprietari di casa sono tutt’altro che semplici. Non ci si sentirà come a casa propria perché è vietato abbattere muri o costruire nuovi bagni. Nei condomini possiamo spostarci da un piano all’altro usando l’ascensore, andare a bussare a un vicino per fare due chiacchiere sul pianerottolo o chiedergli di trascorrere del tempo insieme.

San Myshuno cambia vista da un attico. Se il Sim non perderà troppo tempo a fare baldoria nei locali potrà fare carriera e diventare ricco, arrivando a possedere un favoloso attico da cui ammirare e dominare l’intera città dall’alto. Gli appartamenti di lusso sono “serviti”, vale a dire che il canone di affitto include il servizio di pulizie. Chi vuole scalare i grattacieli potrà puntare sulle pubbliche relazioni, entrando nelle grazie dei Sims dei piani alti, personaggi influenti che possono spalancare molte porte ai Sims più ambiziosi.

the-sims-4-vita-in-citta-recensione-1

A tutto festival e vita mondana

L’espansione strizza l’occhio ai Sims modaioli e mondani che amano vivere la città a 360 gradi. Nella città costiera di San Myshuno non c’è tempo per la noia, con la possibilità di allestire fino a 5 diversi festival contemporaneamente. La grafica è accattivante e moderna. Il tipico skyline urbano con i grattacieli è dominato dal colore azzurro, con qualche tocco di colore qua e là, dal verde dei parchi al rosa del quartiere della moda. Le strade sono sempre trafficate, con auto che sfrecciano da un quartiere all’altro a ogni ora del giorno e della notte, portando i Sims da un happy hour a una mostra d’arte.

Proprio come nelle metropoli l’attenzione dei Sims verrà rapita da insegne luminose e accattivanti che pubblicizzano lussuose SPA e pacchetti scontati. I Sims dal cuore tenero potranno conquistare il partner approfittando dell’atmosfera romantica che si respira al Festival dell’Idillio. Tra un sorso di raffinato te sakura e una pioggia di petali di fiori sarà più facile anche fare il grande passo e chiedere la mano del partner. I Sims più insicuri potranno rivolgersi al guru dell’idillio per sapere se il proprio sentimento è ricambiato.

Chi ama cantare potrà partecipare alle gare di karaoke nei bar accumulando punti e sbaragliando gli avversari, duettare con un altro avventore o divertirsi ad ascoltare le esibizioni canore degli amici. I nerd non perderanno l’appuntamento con lo SmanetShow per testare le tecnologie più innovative del momento. Nei campetti cittadini sarà possibile tirare qualche canestro nella pausa pranzo, sognare di diventare un grande campione del basket, esercitarsi a dribblare. Ma occhio agli infortuni: le slogature sono in agguato!

Occhio al cibo da strada: alcuni piatti etnici come il Nigiri pesce palla se cucinati male possono provocarvi più di una semplice indigestione. Inoltre il Sim per risparmiare figuracce con gli altri commensali dovrà imparare a mangiare con le bacchette, un’abilità che si sviluppa con il tempo.

the-sims-4-vita-in-citta-recensione-2


Tre carriere nuove di zecca

La vita lavorativa si fa più ricca e stimolante. L’espansione introduce tre nuove carriere: politico; critico d’arte o enogastronomico; social media. La più interessante e al passo coi tempi tra le tre figure è sicuramente la terza, immancabile in una città che vuole trascinare le folle, far parlare di sé e dei suoi eventi su tutti i canali social. Si parte con la gavetta stagista dei media per accumulare via via sempre più follower e diventare un influencer.

Chi vorrà diventare un politico di successo dovrà partire dal gradino più basso: l’attivista indisciplinato, raccogliendo fondi per il partito e brandendo cartelli alle manifestazioni. Un aspirante critico dovrà farsi le ossa accettando di fare il corriere di giornali. Abbiamo giocato con Salim Benali, un artista che sogna di diventare un grande scrittore e come molti artisti dannati nel frattempo si distrae con piacevoli diversivi come fumare il narghilé o giocare ai videogiochi, pagandosi da vivere facendo il blogger. Salim è talmente pigro che persino quando deve schiacciare un pisolino lo fa controvoglia! Girovagando per la metropoli, tra un tiro al canestro e un drink, Salim ha visitato un palazzo dei piani alti, scambiando due chiacchiere con un politico altolocato che ritirava la posta e una raffinata donna in carriera.

the-sims-4-vita-in-citta-recensione-3

Conclusioni

The Sims 4 Vita in Città non ha deluso le nostre aspettative. Un titolo che si è fatto attendere con impazienza destinato a trascinare gli amanti della saga in decine di ore di gioco. La città è pulsante proprio come una metropoli che non dorme mai, tutta da scoprire e da esplorare. I vari quartieri e i festival che animano il tempo libero dei Sims soddisfano ogni esigenza di svago.

La vita cittadina è stimolante e ricca di opportunità per chi vuole salire in cima alla scala sociale. Ma anche la vita di chi vive nei quartieri meno in è vivace e per niente noiosa, piena di avventure e imprevisti. Il punto di forza dell’expansion pack è sicuramente aver introdotto una ventata di freschezza e novità, sempre attingendo dalla vita reale: dagli appartamenti minuscoli della città dotati di tratti alle carriere alternative. Forse una pecca del gioco è il caricamento necessario per poter accedere agli appartamenti vicini. L’espansione costa 39,95 euro, il prezzo non è dei più accessibili, ma c’è da dire che il titolo garantirà tante ore di gioco e porta con sé oltre 200 oggetti per la casa.

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Mini-NES: riapre la Power Line per gli utenti ‘nostalgici’

Overwatch: Sombra annunciata ufficialmente