Valentino Rossi The Game – Recensione


Articolo a cura di Samuele Zaboi


Mentre il campionato Moto GP entra nel vivo, ecco debuttare il titolo videoludico firmato Milestone che quest’anno, come noto, sarà incentrato in particolar modo su Valentino Rossi, figura che ha segnato la storia di questo sport negli ultimi anni entrando nel mito. Metaforicamente parlando, ci siamo infilati il casco e siamo saliti a bordo della nostra moto con l’obiettivo di conquistare il titolo più ambito: il titolo di campione del Mondo.


La corsa verso la vittoria

Valentino Rossi The Game è senza ombra di dubbio il titolo Moto GP più vasto mai creato da Milestone e in grado di offrire ore e ore di gioco. Valentino Rossi The Game è un prodotto con due cuori che pulsano in maniera distinta, separata ma allo stesso modo inscindibile. Il primo organo vitale è la modalità carriera: qui potete creare il vostro alter ego, selezionando tra alcuni volti predefiniti, ma non solo. Sarà possibile selezionare gli accessori, tra caschi, guanti e stivali, lo stile di guida, il numero personale, il soprannome e lo stile grafico per le vostre scritte. Una volta effettuate queste scelte potrete finalmente partire per la vostra carriera selezionando la difficoltà che più vi aggrada attivando, o disattivando, i più classici aiuti come la frenata assistita o la raffigurazione della traiettoria ideale. Qui si potrà partire dal settaggio base, il più semplice, fino a quello adatto agli amanti delle fide che vogliono provare le brezza di essere realmente a bordo di una moto da corsa. La vostra avventura partirà dalla VR Academy dove, insieme agli altri piloti dell’accademia di Valentino, farete i vostri primi passi nel mondo del motociclismo. Dopo una prima stagione interlocutoria potrete iniziare il primo vero campionato della vostra carriera, naturalmente a bordo di una Moto 3. In base alla difficoltà che avrete scelto e alle vostre abilità, potrete scalare rapidamente, forse troppo, le categorie e ritrovarvi, prima della fine della stagione, già in Moto GP. Un’escalation decisamente troppo frettolosa, indipendentemente dal livello di difficoltà scelto. È anche vero che così facendo si decide di non conquistare i campionati Moto 3 e Moto 2, quindi starà a voi scegliere quale contratto firmare e per quale scuderia correre. Apprezzata infine la presenza di una bacheca social, dove lo stesso Valentino (anche con messaggi audio) e gli altri piloti della VR Academy, potranno comunicare direttamente con voi, come una qualsiasi chat di Whatsapp.

Valentino’s World

Il secondo elemento vitale di Valentino Rossi The Game è il mondo dedicato esclusivamente al campione di Tavullia. Divisa dalla modalità carriera, in questa modalità, se così la possiamo definire, potrete esplorare in un lungo e in largo l’universo di Valentino, rivivendo, direttamente in pista, i momenti più eclatanti della carriera del fuoriclasse italiano. Oltre a questo potrete affrontare delle sfide proposte direttamente dal pilota: con una determinata moto dovrete battere il tempo che vi sarà proposto. In aggiunta, non mancano le gare di rally, come il celebre Rally di Monza, o le gare flat track, semplici o a eliminazione (gare che saranno presenti anche nel corso della modalità carriera, ndr). Questa parte del gioco è condita anche da intervista di Valentino Rossi che vi accompagnerà nel rivivere i duelli emozionanti con Gibernau o Max Biaggi, solo per citarne alcuni. Se da un lato questa parte è una vera chicca per tutti i fan di Vale, dall’altra gli amanti delle moto, che però non sono fan del pilota di Tavullia, difficilmente potranno addentrarsi a fondo in questa modalità. Oltre alla modalità carriera non manca la possibilità di effettuare il campionato con piloti reali o con il proprio alter ego, oppure affrontare Gran Premi scegliendo tra le categorie che hanno caratterizzato la storia di questo sport, il tutto sempre condito da un’introduzione con il commento di Guido Meda, che vi presenterà il tracciato e le condizioni atmosferiche.

Rombo di moto

Dal punto di vista tecnico, Valentino Rossi The Game si è dimostrato un titolo discretamente solido e, rispetto all’anteprima che abbiamo testato diverse settimane fa, sono stati sensibilmente ridotti i tempo di caricamento nei momenti pre e post gara. Milestone ha dedicato molta attenzione alla realizzazione delle moto (sono presenti tutte le livree e i piloti ufficiali) e a tutto quello che avviene sulla pista. Di contro, gli spalti e gli scenari dei vari tracciati ci sono apparsi meno dettagliati rispetto a ciò che avviene sull’asfalto.
Da veri appassionati di motociclismo, i ragazzi di Milestone hanno saputo creare le diverse moto con estrema accuratezza: guidare una Ducati sarà diverso dal maneggiare una Honda, così come essere a bordo di una Moto 3 sarà completamente differente dal gareggiare con una MotoGP.


Commenti finali

Valentino Rossi The Game è l’edizione più completa e più ricca di sempre della serie videoludica MotoGP firmata Milestone. La ricchezza di contenuti offre innumerevoli ore di gioco senza contare la possibilità di entrare a capofitto nel mondo di Valentino. Gli utenti che non sono fan del pilota di Tavullia non potranno apprezzare a pieno il prodotto ma potranno avere accesso a una quantità tale di contenuti da giustificare l’acquisto. Non mancano alcuni difetti, come un’ascesa troppo semplice nella modalità Carriera o come la poca cura per i dettagli extra-tracciato. Dettagli, comunque, che non vanno a intaccare profondamente la qualità complessiva di Valentino Rossi The Games.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Guida agli eroi di Overwatch: Tracer

E3 2016: la nostra copertura