Valentino Rossi The Game – Anteprima


Articolo a cura di Samuele Zaboi


Sole battente. Giornata calda. Cielo limpido e pista sterrata. In lontananza il rombo delle moto in avvicinamento. Questo è, più o meno, come ci immaginiamo il primo incontro di Milestone con la VR Academy, l’accademia di Valentino Rossi dove nascono e crescono i nuovi talenti del motomondiale. Il mondo della Moto GP è cresciuto molto negli ultimi anni avendo sempre con sé una costante: il nome di Valentino Rossi.
Il campione di Tavullia è diventano il protagonista del nuovo titolo che Milestone ha realizzato per i fan delle due ruote e non solo: Valentino Rossi The Game. Grazie alla software house italiana, abbiamo avuto modo di provare in anteprima il gioco. Accendente i motori. Si parte!


Fare le cose in grande

Prima di addentrarci nel dettaglio nelle caratteristiche del titolo Milestone è doveroso effettuare un’importante premessa: Valentino Rossi The Game è il nuovo gioco di quest’anno dedicato alla Moto GP e firmato Milestone, facendo seguito così ai capitoli delle stagioni passate. Le differenze con il passato? Valentino Rossi The Game è semplicemente il gioco più grande mai creato per la Moto GP, più vasto del triplo rispetto all’anno precedente.
Con l’obiettivo di realizzare qualcosa di nuovo, Milestone ha stretto una partnership con il campione italiano. Questo non significa però che tutto il gioco sarà incentrato esclusivamente su Valentino Rossi. Nel lavoro di Milestone c’è spazio per tutti, anche per gli amanti delle quattro ruote. Valentino Rossi The Game si può scindere in due macro sequenze: la prima dedicata al Moto GP e la seconda invece incentrata sul mondo di Valentino.
In Valentino Rossi The Game non manca infatti il campionato ufficiale della Moto GP con tutte le categorie, tutti i piloti e tutti i tracciati ufficiali. Il cuore pulsante del gioco è però la modalità carriera: qui potrete creare il vostro pilota (sarà possibile scegliere tra alcuni visi già precaricati), scegliere il vostro stile di guida con le skill da migliorare nel corso della carriera, scegliere il nome, il numero, la colorazione della vostra tuta, il vostro casco e finalmente entrare nella VR Academy. Qui, nel tracciato costruito appositamente per questa accademia, farete il vostro debutto con in testa un solo obiettivo: scalare tutte le graduatorie per diventare il campione del mondo di Moto GP. L’inserimento delle skill vi consentirà di personalizzare maggiormente a fondo il vostro alter ego: potrete scegliere, per esempio, di aumentare la resistenza. Questo vi permetterà di avere una maggior efficienza per più giri e non terminare e consumare le energie dopo le prime tornate. Dal punto di vista tecnico il lavoro svolto da Milestone sembra essere impeccabile: diverse moto daranno diverse risposte, pad alla mano. Guidare una Ducati sarà più complesso, per lo meno all’inizio, rispetto al padroneggiare una Honda o una Yamaha. Le molte possibilità di personalizzazione per gli aiuti nella guida vi permetterà di sentirvi realmente a bordo di una moto e sfrecciare ad alta velocità.

Rossi c’è, Rossi c’è

Come già citato in precedenza, Valentino Rossi The Game si divide in due grandi parti: la prima, come visto, è dedicata al mondo della Moto GP e della carriera giocatore mentre la secondo è il mondo di Valentino Rossi. Qui sarà possibile effettuare il Rally di Monza ufficiale, le modalità flat track e drift, tutto con il pilota di Tavullia. Il vero fiore all’occhiello di è però la parte dedicata alla storia di Valentino Rossi: qui potete rivivere venti situazioni di gara che hanno segnato la carriera del campione italiano, una per ogni anno, come per esempio il sorpasso su Stoner a Laguna Seca. Il tutto sarà condito da una lunga intervista concessa da Valentino a Milestone: il pilota, prima di ogni evento, presenterà quella determinata gara, raccontando le emozioni, le sensazioni e i ricordi. Così facendo potrete pilotare tutte le moto che hanno segnato la carriera di Valentino Rossi.
Milestone ha mostrato molta cura e molta attenzione anche ai più piccoli dettagli nel gioco: nella modalità carriera un’interfaccia, posta sulla parte destra dello schermo, mostrerà un’interfaccia social con la quale potrete comunicare con gli altri piloti dell’Academy e, naturalmente con Valentino Rossi.
Dal punto di vista tecnico non abbiamo riscontrati gravi difetti o mancanze in Valentino Rossi The Game. Al contrario, il lavoro della software house italiana è stato eccellente anche per quanto riguarda le quattro ruote, per le gare drift o per il Rally di Monza. In attesa di poter mettere le mani sul gioco per un’analisi più approfondita, l’unica vera segnalazione da muovere nei confronti di Milestone riguarda i tempi di caricamento, che ci sono apparsi decisamente troppo lunghi in talune situazioni. Siamo convinti però che da qui al lancio questi difetti saranno smussati.

Commenti finali

Valentino Rossi The Game ha tutte le premesse per essere il miglior videogioco per gli amanti delle due ruote. Grande tre volte tanto il suo predecessore, il titolo si candida per essere un must have per tutti i fan del pilota di Tavullia ma non solo. Anche i sostenitori di altri piloti, o semplicemente tutti gli appassionati di Moto GP, potranno trovare in Valentino Rossi The Game tante modalità con cui divertirsi e la promessa di ore e ore di gioco.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Guida Clash Royale: come ottenere una carta epica gratis a settimana

Stranger of Sword City disponibile ora