Art Academy: SketchPad – Recensione


Articolo a cura di Alessandro Arndt Mucchi
Il Wii U è la console che segna il definitivo ingresso di Nintendo nel magico mondo dell’internet. Certo, non lo fa al centro percento concedendosi alle attenzioni virtuali di milioni di appassionati senza freni, ma alla sua maniera, piano piano, poco poco, sottovoce. Il Miiverse, fin dal lancio della nuova ammiraglia Nintendo, è il migliore esempio di questa riscoperta attenzione della casa di Kyoto per le interazioni via web, ed anche della famosa Nintendo Difference che in tanti vedono sempre più in difficoltà col passare degli anni. La Grande N, infatti, non si è limitata alla creazione di un social network tutto suo, ma l’ha impreziosito inserendo uno strumento che ne è poi diventato il cuore: la possibilità di disegnare a mano libera sul Wii U Gamepad. Passo successivo in questa direzione, ovviamente, è la distribuzione di un software che esalti quell’intuizione approfondendo il discorso artistico su Wii U, quel software è arrivato, si chiama Art Academy: SketchPad, e lo potete scaricare alla modica cifra di 3,99 Euro.
Piccoli artisti crescono
Prima di pensare all’acquisto di Art Academy: SketchPad è necessario farsi una domanda e darsi una risposta: “Mi piace disegnare?”. Sembra una stupidaggine, ma il software Nintendo non è un videogioco nel senso comune del termine, non è un prodotto diretto a tutti i consumatori indiscriminatamente, si tratta infatti di uno strumento pensato soprattutto  per chi non riesce a girare senza carta e matita, per chi ama riprodurre i personaggi preferiti, per chi si lancia in creazioni originali. Non fraintendiamoci però, non è che Art Academy: SketchPad sia adatto solo ai novelli Picasso, ecco, diciamo che se avete passato anche solo un paio d’ore a pasticciare su Miiverse la modica spesa richiesta sembra giustificata. Inquadrando il prodotto, poi, non si deve dimenticare che si tratta di una versione embrionale di un qualcosa che vedremo in forma definitiva prossimamente, lo si capisce anche da un rapido sguardo al menù che riporta le sezioni Lezioni e Galleria come “In arrivo”, e siamo sicuri che quando le guide saranno disponibili anche i giocatori meno esperti potrebbero scegliere la via di Nintendo per avvicinarsi al disegno.
Matite e pastelli
La scelta degli strumenti disponibili da un lato riflette la natura ancora incompleta del software, dall’altro riesce comunque a soddisfare per l’aggiunta di alcuni utensili professionali per sfumare i colori e mescolarli in tempo reale sul foglio virtuale. Si comincia decidendo se si vuole prendere ispirazione da un soggetto preimpostato o se si preferisce andare a mano libera, per poi scegliere il tipo di carta (liscia, ruvida o pastello) ed il suo colore tra palette pensate appositamente per ogni singola tipologia di materiale. In seguito è il turno di decine di matite e pastelli, disponibili in grande varietà così da andare incontro alle preferenze più o meno di tutti. Come dicevamo, poi, ci sono strumenti di precisione che faranno la gioia dei più esperti, con l’obiettivo finale, ovviamente, di pubblicare le proprie opere su Miiverse per condividerle col mondo. Attenzione, non è necessaria la pubblicazione, se siete timidi potete sempre tenerle in memoria sulla console, ma gli slot di salvataggio sono poco più di dieci. Frugando online, sul social network Nintendo, già si possono vedere delle creazioni di incredibile qualità, capaci di dimostrare l’alto valore di questo software che si conferma come capace di sfruttare ottimanete il Wii U Gamepad.
Commento finale
Art Academy: SketchPad è l’ideale evoluzione delle funzionalità che in tanti hanno già apprezzato su Miiverse, un’applicazione capace di convincere grazie ad una buona varietà di strumenti a disposizione e a diverse scelte tecniche che lo rendono appetibile anche per i disegnatori più esperti, dovendo registrare solo i lunghi caricamenti ed i pochi slot per i salvataggi tra gli aspetti completamente negativi della produzione. Il prezzo di 3,99 Euro è appropriato all’offerta di Nintendo, anche se dall’utilizzo del software ne traspare la natura di “anteprima” di un qualcosa che, più completo, arriverà sui nostri Wii U prossimamente.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Final Fantasy XIV: A Realm Reborn – Recensione (prima parte)

Killzone Mercenary – Recensione