Recensione Eventide Slavic Fable

Eventide Slavic Fable
Eventide Slavic Fable


Eventide Slavic Fable è un gioco sviluppato dalla Artifex Mundi, una casa che produce soprattutto avventure grafiche/hidden object di genere fantasy. Questo titolo in particolare riesce ad accostare un videogioco alla letteratura. Questa operazione è già stata fatta in Sorgina ma con risultati discutibili, vediamo se in questo caso, invece, il connubio ha avuto successo.

Benvenuti a Moorland


La storia si apre con la nostra protagonista che sta guidando alla volta di Moorland, un parco naturale gestito da sua nonna. A quanto pare, l’anziana signora ha bisogno del nostro aiuto per curare una felce che produce un fiore rosso. Alle porte del parco naturale, una mostruosa creatura ci attacca, facendoci cadere in un dirupo. Grazie alle nostre abilità di avventurieri e all’aiuto di un misterioso uomo, riusciamo a risalire il precipizio e ad entrare nel villaggio. Purtroppo l’anziana signora viene rapita dalla specie di gargoyle che ci aveva attaccato precedentemente. Il nostro compito sarà proprio quello di salvare la felce e vostra nonna.

Eventide Slavic Fable
Le porte del villaggio

Tra fiaba e mitologia

Durante il nostro viaggio attraverso il villaggio, ci imbatteremo in diverse creature misteriose tipiche delle fiabe slave. La nonna della protagonista è Baba-Jaga, famoso personaggio delle fiabe popolari dell’Est europa. Anche gli esseri che troveremo sul nostro cammino e ci aiuteranno sono tutti riprese dalla mitologia. Alcune storie di questi animali antropomorfi vengono raccontate attraverso enigmi mentre potremo raccogliere trenta carte che verranno messe a nostra disposizione in un bestiario. Ogni carta riporta un mostro e la sua descrizione, molto utili se pensavamo di scoprire di più riguardo la mitologia o le bestie delle fiabe slave.

[Acquistalo su G2A! ]

 

Eventide Slavic Fable
Creature della mitologia slava

Le schermate di gioco sono ferme (a parte qualche oggetto che si muove in modo appena percettibile) e i disegni sono davvero una favola. Sembra davvero di essere catapultati in un mondo fatato ed etereo. La musica, composta soprattutto da brani d’atmosfera suonati al pianoforte ed uniti ai suoni che si possono udire in una foresta e in riva al lago, è una delle parti migliori del gioco. Infatti aiuta molto il giocatore a lasciarsi trasportare e quasi riesce a nascondere i molti problemi del gioco.

Non è tutto oro quel che luccica

Purtroppo, Eventide Slavic Fable è un gioco a basso budget, e si sente. La trama è troppo lineare: non ci sono colpi di scena e il boss finale è noto sin da subito. Gli enigmi hanno parecchi difetti: per prima cosa sono troppo semplici. Va bene che il gioco è indirizzato verso un pubblico giovane e non hardcore, però la banalità delle soluzioni è quasi allarmante. Non aiuta nemmeno che ci sia un fiore a darvi manforte nei momenti di bisogno (rari). Per lo più il disagio si percepisce quando non si ha idea di dove andare, ma per fortuna quei momenti sono pochi e sporadici. Le animazioni sono molto strane, come se i personaggi non avessero le articolazioni al loro posto. Non ho idea se sia una scelta stilistica, comunque sono inquietantissimi quando si muovono.

Eventide Slavic Fable
La mia stanza preferita in tutto il gioco.

Un altro problema molto, ma molto grave è la presenza di bug insormontabili a causa dell’auto-salvataggio. A quanto pare sono problemi riscontrati solo nella versione PS4, per fortuna. Invito dunque i giocatori PlayStation ad evitare l’acquisto di questo prodotto, quantomeno finché questi problemi non saranno stati risolti. È davvero disarmante ricominciare cinque volte il gioco e tutte le volte uno degli oggetti con cui dovevo interagire non poteva essere usato. Altra nota di demerito è il doppiaggio, assolutamente incapace di trasmettere una minima forma di emozione. Per esempio, quando la nonna viene rapita davanti ai vostri occhi, la protagonista urlerà “nonna!” con la stessa enfasi con cui qualcuno potrebbe chiedervi di passarvi il sale.

 Eventide Slavic Fable avrebbe potuto essere un vero capolavoro delle moderne avventure grafiche, ha davvero tutto ciò che un appassionato del genere desidera: enigmi, ambientazioni fantastiche e, perché no, una storia basata sulla mitologia. Il problema sono i continui bug che rovinano l’esperienza di gioco e gli enigmi (quindi il cuore del gameplay) troppo semplici. Sono davvero delusa dalla triste esperienza lasciata a metà che questo titolo mi ha offerto.

 

PRO

  • Ambientazione da favola
  • Disegni meravigliosi
  • Mitologia slava
  • Musica d’atmosfera

 

CONTRO

  • Enigmi troppo semplici
  • Storia lineare
  • Bug che rovinano l’esperienza di gioco
  • Doppiaggio scadente
  • Le animazioni non sono il massimo

 

[rwp-review id=”0″]

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

the lion's song stagione completa recensione

The Lion’s Song – Recensione

patch 7.14 di league of legends

Patch 7.14 di League of Legends: ecco cosa cambia