eBay fa battaglia agli speculatori del Mini SNES


Non c’è pace per chi vuole accaparrarsi un Mini SNES. Un po’ come lo scorso anno quando venne rivelata l’uscita del Mini NES e si scoprì che sarebbe stato un oggetto a tiratura limitata, gente con l’occhio lungo che era riuscita ad acquistare più di un Mini NES si è subito buttata su eBay e altri siti per rivenderli a prezzi gonfiatissimi.

Stessa cosa sta accadendo quest’anno, ma questa volta eBay non ci sta.

Gli speculatori – anche se il termine più corretto per descriverli sarebbe volgari bagarini – si sono messi subito in azione, tanto che Amazon UK ha retroattivamente limitato l’acquisto dei Mini SNES ad uno per cliente, ed eBay non è da meno.

mini snes

Dopo che sono spuntate aste con prezzi che hanno toccato picchi di 300 sterline e oltre – a fronte di un costo di 80 sterline al lancio – eBay ha dichiarato che rimuoverà qualsiasi inserzione per il Mini SNES e di tutti gli oggetti in pre-ordine che vengano inseriti più di 30 giorni prima dell’effettiva data di uscita dell’oggetto stesso. In pratica, da ora in avanti qualsiasi oggetto venga messo in vendita come pre-ordine dovrà essere postato sul sito al massimo 30 giorni prima dell’uscita effettiva. Se verranno trovate inserzioni che non rispettano questa regola, esse verranno eliminate.

Certo sarà un lavoro difficile, soprattutto perchè eBay è un sito con milioni di utenti e milioni di inserzioni con centinaia di migliaia di transazioni ogni giorno, quindi tenere tutto controllato sarà molto difficile per gli addetti ai lavori, ma dopo quello che è successo lo scorso anno col Mini NES eBay intende far rispettare molto più attivamente le regole per le inserzioni.

Ora, tutto ciò vale per il Regno Unito, non sappiamo se l’azienda intende lavorare attivamente anche nel resto del mondo per evitare che chi acquista tramite i canali ufficiali per poi rivendere il secondo piccolino di casa Nintendo sulla sua piattaforma possa gonfiare così tanto il prezzo ancora prima di averlo in mano, però già il fatto che si siano attivati fa ben sperare. Sarà difficile, ma qualcosa si muove.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Eleonora Muzzi

Professionista del doppio senso, videogiocatrice da un quarto di secolo, scrittrice per hobby, geek da sempre. Alla ricerca di più posto per sistemare i fumetti e videogiochi. Gioco ad un po' di tutto, non ho un genere preferito in assoluto, ma tendo a prediligere FPS con elementi RPG e stealth, anche se di tanto in tanto potreste trovarmi in un tunnel chiamato Cities Skylines in cui mi rintano per settimane a volte, dimenticandomi che esistono altri tipi di gioco.

The Tomorrow Children: Sony lo manda in pensione dopo nemmeno un anno

Splatoon 2, leggiamo insieme il Comunicato Stampa Ufficiale