Shuhei Yoshida su Sucker Punch: “Non stanno facendo film”

infamous sucker punch


Nei giorni precedenti all’E3, voci di corridoio si rincorrevano riguardo ad un possibile ritorno di uno degli studi che da anni produce esclusive per le console di Sony, ovvero Sucker Punch.

Eppure lo studio è stato tra i grandi assenti delle presentazioni dell’E3, ma in aiuto dei fan dei lavori di Sucker Punch arriva Shuhei Yoshida, presidente di Sony Worldwide Studios, che dal palco di GameSpot dell’E3 parla degli studi che non erano presenti nelle conferenze dell’evento di Los Angeles.

Il problema è che la dichiarazione che ha rilasciato riguardo all’eventuale IP su cui Sucker Punch sta lavorando, ha poco senso.

“Ho giocato diversi giochi di questo genere, e ogni volta che ci gioco… non dovrei dire nient’altro. Sappiate che è un gioco, non stanno facendo film. Ed è tutto molto stretto.”

Va bene, manca il contesto e forse s’è pure perso qualcosa tra la traduzione dal giapponese all’inglese, ma una dichiarazione del genere lascia tanti – troppi – dubbi. Che Sucker Punch stia lavorando ad un gioco di stampo molto classico, ad esempio un nuovo inFamous per cui le dinamiche di gioco sono abbastanza note? O che stiano lavorando ad una nuova IP completamente, ma dal gameplay molto diretto, tipo un platform – tipo un seguito di Sly Cooper – o un FPS? O più semplicemente, Yoshida intendeva che Sucker Punch è molto concentrata sul lavoro che sta facendo per cui non ha voluto/potuto presentare niente per mancanza di tempo per lavorare su un trailer?

sucker punch sly cooper

Certo che, se pensiamo alla dichiarazione di qualche giorno fa sul fatto che Sony non ha voluto presentare troppa roba tutta in una volta per non dover poi ritrattare con ritardi e date d’uscita slittate, fa pensare che Sony si stia tenendo tutto stretto a sè per la Playstation Experience che avrà luogo il prossimo Dicembre, precisamente il 9 e il 10.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Eleonora Muzzi

Professionista del doppio senso, videogiocatrice da un quarto di secolo, scrittrice per hobby, geek da sempre. Alla ricerca di più posto per sistemare i fumetti e videogiochi. Gioco ad un po' di tutto, non ho un genere preferito in assoluto, ma tendo a prediligere FPS con elementi RPG e stealth, anche se di tanto in tanto potreste trovarmi in un tunnel chiamato Cities Skylines in cui mi rintano per settimane a volte, dimenticandomi che esistono altri tipi di gioco.

Perception – Recensione

Rift Rivals 2017: NA vs EU, cosa ci aspetta