Bulletstorm – Video Recensione


bulletstormFregandosene dei capisaldi del genere, gli sviluppatori di serie come Painkiller, Unreal e Gears of War, si sono messi insieme per sviluppare il First Person Shooter definitivo… o meglio, un nuovo tipo di First Person Shooter che con il classico ha ben poco a che vedere. In un esercizio di stile e pazzia nasce Bulletstorm, creatura di People Can Fly ed Epic Games che rivede totalmente lo stile classico degli FPS. Flop, scaffale o figata pazzesca? Scopritelo in questa nostra recensione video e testuale.

DO IT WITH STYLE, BABY!!


La storia di Bulletstorm è ambientata nel ventiseiesimo secolo dove, la Confederazione dei Pianeti è protetta da un gruppo di militari denominati Dead Echo. Grayson Hunt, protagonista dell’avventura, era uno degli uomini della Dead Echo finché ha scoperto di esser stato utilizzato dal suo superiore come sicario utile ad eliminare personaggi scomodi. Avvenuta la scoperta, Hunt abbandona il corpo militare – da cui comunque viene congedato con disonore – ed inizia un’aspra lotta contro il generale Serrano che lo porta in breve a divenire un pirata con tanto di taglia sulla testa. Dieci anni dopo Hunt, al termine di un viaggio in curvatura, si trova di fronte alla Ulysses, un imponente vascello militare controllato dal generale Serrano. Offuscato dai fumi dell’alcool e dalla rabbia, Hunt decide di attaccare il vascello e dopo una rapida lotta e conseguente svenimento, si ritrova con i superstiti della sua flotta sul pianeta Stygia, un tempo un florido pianeta della Confederazione ed oggi un sudicio letamaio controllato da un gruppo di informi mutanti e banditi senza anima. Uscito dai rottami della nave, Hunt scopre che anche l’Ulysses si è schiantato su Stygia e da qui, in un turbinio di eventi, diversi colpi di scena ed un piccolo calo di attrattiva a metà dell’avventura, si dipana la storia di Bulletstorm divisa in tutto in otto capitoli, prologo compreso.
Per quanto la trama non presenti nulla di nuovo, anticipando poi da subito il vero nemico del nostro protagonista, l’ottima personalità data ad ogni personaggio rende l’avventura interessante, profonda e bella da vivere e giocare. Tuttavia la vera anima di Bulletstorm non è la storia, ma il gameplay. Criticato aspramente negli States nei mesi passati, Bulletstorm è stato tacciato di essere un titolo sadico, volgare e che fa della violenza un errato mezzo di intrattenimento. E’ realmente così? Sì. Diverte un casino? No, di più!


Ti piace la mia nuova abbronzatura?

Il gameplay di Bulletstorm gira tutto sulla frase “Kill with Skill”, ossia “Uccidi con Abilità”. Nel gioco sono presenti oltre 130 diverse combinazioni di morti che possiamo creare sfruttando le sette armi a disposizione, il cappio, i calci, la scivolata e le uccisioni ambientali – utilizzando cappio e calci potremo lanciare i nemici contro pareti acuminate, grandi ventilatori, cactus assassini, fili elettrici scoperti e tanto altro ancora. Ogni uccisione verrà premiata con dei punti abilità e più spettacolari saranno le morti create a danno dei nostri nemici, maggiori saranno i punti che otterremo grazie ai quali potremo acquistare diverse cose in negozi specializzati – munizioni, upgrade armi e nuove abilità. Sino a metà avventura l’anima spassosa e tutta fantasia di Bulletstorm terrà alto l’interesse del giocatore e soprattutto la sua validità, ma come accennato in precedenza, un aumento di difficoltà ed una piccola flessione nella storia ci porteranno dopo poco a mettere da parte la fantasia privilegiando il classico combattimento FPS: più statico, meno fantasioso ma decisamente più sicuro contro avversari più abili del normale. Insieme ai punti abilità, protagonisti indiscussi dell’avventura di Bulletstom sono cappio ed armi. Il primo è un’arma elettromagnetica che Hunt otterrà dopo lo schianto su Stygia. Si tratta di un piccolo apparecchio che sfrutta la nanotecnologia per creare una frusta a cappio in grado di agganciarsi a nemici ed oggetti che possono essere tirati a se.


Hai mica un po’ di diserbante? No eh?

Le restanti sei armi ricordano molto l’arsenale di Gears of War, a partire dal primissimo fucile che, se non fosse per l’assenza della baionetta a motosega, sarebbe del tutto simile al Lancer di Marcus Fenix. Al mitragliatore che permette di sparare un colpo inceneritore, si aggiunge la classica pistola – il colpo secondario è un potente petardo – un fucile a pompa tanto potente da far fuori anche più avversari in fila indiana ed un fucile di precisione di cui potremo controllare la direzione dei proiettili come avviene in Jericho, Stronghold o Heavenly Swords. A queste armi più classiche si aggiunge un lanciagranate che lancia due colpi uniti da una catena, tipo bolas, una balestra ed un cannone che spara “palle-pazze” le quali palle sono in realtà delle granate che rimbalzano ed esplodono facendo fuori chiunque si trovi nelle vicinanze.

Nel complesso il sistema di combattimento di Bulletstorm è più che positivo, la varietà infatti è ampia grazie soprattutto ai vari livelli di upgrade che ci permetteranno di sbloccare pian piano le varie novità. Ambientazioni poi sempre diverse tra loro ci consentono di accedere ad uccisioni ambientali sempre differenti, anche se regnano un po’ ovunque i barili esplosivi.



OK, chi è che ha lasciato la ruota di scorta in giro!?

Nonostante il gioco sembri dare l’idea continuamente della disponibilità di una modalità cooperativa, tale non è presente né online né offline. Oltre alla modalità giocatore singolo è presente un piccolo comparto multiplayer di cui parleremo dopo e la modalità di gioco Echo, che ci ha sì divertito, ma non per molto. La modalità Echo non è altro che la campagna in single player divisa in venti diversi scenari a cui sono stati totalmente rimossi tutti i filmati. L’unico scopo di questa modalità è quello di completare il quadro con più punti in assoluto e dunque nel modo più “stiloso” possibile. Alla modalità Echo è connesa anche una leaderboard online ed un sistema connesso agli amici che ci consentirà di sapere quando un nostro conoscente batterà il nostro punteggio – un po’ come avviene nell’ultimo Need for Speed con il sistema Autolog.

In conclusione la campagna single player ci toglierà dalle sei alle otte ore nella prima giocata, a seconda della difficoltà di gioco scelta – se avete esperienza con titoli come Unreal e Gears of War, puntate da subito alla modalità difficile. Se la longevità è in linea con i maggiori FPS sul mercato, stessa cosa non si può dire della rigiocabilità. Ripetere la storia di Bulletstom infatti è un dovere più che un piacere, anche se rigiocare con tutte le armi e le abilità al massimo rende l’avventura estremamente semplice da completare.

UN MULTIPLAYER POVERO DI SPIRITO

Se della assenza delle modalità cooperativa abbiamo già ampiamente parlato, nessuno accenno è stato ancora fatto del comparto multiplayer. Bulletstorm offre al giocatore una singola modalità di gioco denominata Anarchy – o Anarchia. In questa modalità fino a quattro giocatori potranno scontrarsi all’interno di arene contro orde di famelici Skulls, un po’ come già visto con Gears of War 2 con le Locuste. Tornano ovviamente ad essere protagonisti gli Skills Points che consentono al giocatore e alla sua squadra di accedere a nuovi upgrade e capacità per ogni livello che si supererà portando a compimento uno specifico numero di punti, generalmente ottenibile solo con il lavoro di squadra – uno calcia, l’altro usa la frustra ed il terzo spara ai gioielli di famiglia, giusto per fare un esempio.


Oh scusa!! E’ stato un riflesso incondizionato!


Seppur divertente, questa modalità di gioco stanca dopo poco anche perché non presenta alcun obiettivo o traguardo da raggiungere al di fuori del proseguire un’orda dopo l’altra. Non è presente un deathmatch o altre modalità, nessun prestigio da portare a compimento o equipaggiamenti e similari da sbloccare per migliorare le proprie classi.

DEJA VU

Per quanto riguarda il comparto tecnico la mano di Epic Games si nota ed anche molto. Il gioco ad un primo sguardo sembra essere un Gears of War a metà tra il primo ed il secondo capitolo. Ambientazioni, personaggi, armi e tutto ciò che si può vedere a schermo ricordano pesantemente gli ultimi lavori della Epic, l’unica grande differenza è che in Bulletstorm tutto sembra un po’ più cartoon e meno reale – ma non tanto da esser preso per un cartone animato. Al solito la quantità di dettagli a schermo sono molti, dai detriti ai nostri piedi sino a scorci fantastici e panorami mozzafiato che rendono Stygia un pianeta su cui molti di noi vorrebbero andare a vivere. Anche i difetti sono i soliti delle opere realizzate con l’Unreal Engine 3, ossia un caricamento lento delle texture più lontane ed un frame rate ballerino quando a schermo l’azione si carica di molti personaggi ed effetti.


Cattivo Fuffi… ti avevo detto di restare a casa!!

Più che sufficiente il comparto audio che offre un doppiaggio completo in lingua italiana – doppiaggio che ben caratterizza i personaggi, ma che poco rispetta la sincronia tra suono e labiale. Musiche ed effetti sonori sono ottimi con brani che accompagnano il giocatore nelle diverse situazioni senza mai essere fastidiosi ed armi, esplosioni e rumori di fondo che rispettano lo stile dato dal titolo.

CONCLUSIONE


Bulletstorm non è certo esente da difetti come abbiamo già detto, ma nessuno di questi porta il titolo sotto la sufficienza e cosa ben più importante, tutti i difetti messi insieme non tolgono un briciolo del divertimento che l’opera di People Can Fly ed Epic Games è in grado di donarci. Ad una buona storia si affiancano ottimi personaggi ed un comparto sfide e multiplayer in grado di aumentare in modo esponenziale le ore di sana pazzia che il gioco ci offre.

L’acquisto non è semplicemente consigliato, ma doveroso. Bulletstorm è uno di quei pochi giochi sul mercato che fa realmente la differenza nel suo genere e gli unici che non sapranno goderselo sono i fissati della guerra simulata e del realismo ad ogni costo.

Il gioco è disponibile per Sony PlayStation 3, Microsoft Xbox 360 e Personal Computer. I requisiti consigliati per godere a pieno del titolo sono Windows Vista (SP2) o Seven, Quadcore 2.0 Ghz, 2GB RAM e scheda video compatibile DirectX 9.0c con minimo 512Mb di RAM dedicata.

VOTO: 9 su 10

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Giochi in Uscita per Ps3, Xbox 360 e Pc Marzo 2011

Bulletstorm: guida ai tiri abilità segreti!