Recensione di Guybrush 89

Transformers è disponibile per Xbox 360, Playstation 3, Playstation 2, Pc e Wii. La versione testata per la recensione è quella Playstation 3

Robbottoni senzienti che se la danno di santa ragione, sono tornati i…


Nuovo film, nuovo gioco, dalla pellicola cinematografica di Transformers: La vendetta del caduto e dal team di sviluppatori Luxoflox arriva l’omonimo titolo per console che ci promette botte da orbi tra i robot senzienti più famosi di sempre. Dopo l’esperimento video ludico tratto dal primo film dei Transformers, esperimento che è riuscito solo in parte portando sulle nostre console un modesto titolo di sparatutto ma una caratterizzazione dei personaggi pessima, i Transformers sono pronti a darsi di nuovo battaglia sulle nostre console con la possibilità di scegliere tra Autobots ( i buoni ) e Decepticons ( i cattivi)…sarà un titolo da non perdere o il solito gioco mediocre trascinato dalla fama del film?

Guerre intergalattiche:

La saga dei Transformers è una delle più famose saghe nell’intrattenimento globale: lanciati come dei giocattoli trasformabili in veicoli di ogni genere diventarono ben presto una serie animato che nel 1984 spopolò creando una folta schiera di appassionati in tutto il globo. Rimasti sulla cresta del successo per molti anni, che li vedevano protagonisti di fumetti, manga, anime, serie alternative in cui si trasformavano in animali, e molto altro, vennero pian piano dimenticati creando e non si senti più parlare di loro, se non in qualche piccolo ambito, per ben 10 anni. Usciti dall’oblio circa 2 anni fa, grazie a quell’eterno bambinone di Spielberg, sono tornati sul grande schermo e sulle nostre console con un restyling decisamente accattivante e con la stessa grinta del passato con cui sono pronti ad appassionare anche la nuova generazione.

La storia portante della serie animata, dei film e di questo nuovo gioco è la solita guerra millenaria tra robot: gli Autobots, capitanati da Optimus Prime, lasciano il loro pianeta madre, Cybertrons, devastato da una guerra che dura ormai da milioni di anni contro i malvagi Decepticons comandati da Megatron, per trovare una risorsa di energia alternativa e rivitalizzare così il loro pianeta. Attaccati nel bel mezzo della ricerca dai Decepticons, gli Autobots precipitano sulla Terra, spostando così il conflitto millenario con i rivali sul nostro pianeta, i Decepticons hanno infatti deciso di impadronirsi dell’energia primaria del pianeta terra: il Sole. Essendo gli unici in grado di fermare Megatron e i suoi seguaci, gli Atobots vengono coperti dal governo e agiscono nell’ombra trasformandosi in veicoli per fermare le numerose incursioni dei Decepticons contro la Terra.
La trama del gioco imporrà al giocatore di scegliere se stare dalla parte degli Autobots, che oltre a fermare i nemici dovranno vedersela con il ritorno in scena del misterioso caduto, oppure schierarsi da parte dei Decepticons, che dovranno risvegliare il caduto e distruggere una volta per tutte gli eterni rivali. Stando dalla parte degli Autobots potremo giocare nei panni di Ironhide, Ratchet, Bumblebee, Probotectobot, Aerialbot, Breakaway e il comandante Optimus Prime, se invece sceglieremo la fazione rivale, i Decepticons, ci troveremo al comando di Long Haul, Seeker, Sideways, Grindor, Starscream e il malvagio Megatron. Tutti questi personaggi si alterneranno nei livelli ispirati alle ambientazioni del film, la storia sarà quindi solo un pretesto che servirà a farci spedire il Transformers prescelto, in diversi angoli di mondo, per completare le varie missioni proposte dal gioco.
Il doppiaggio del gioco e totalmente in italiano con le voci dei personaggi della serie animata!

Forse era meglio se il caduto rimaneva a terra:

A seconda della fazione che si verrà scelta all’inizio dell’avventura le missioni varieranno…ma ben presto capirete che a variare sarà solo il numero di nemici da sconfiggere, perché oltre a questo c’e’ veramente pochissimo altro da fare. Insite nelle missioni principali vi saranno delle sotto-missioni in cui dovremo, ad esempio, riparare un macchinario, scortare in salvo qualcuno senza far scendere il livello energetico sotto una data percentuale, usare un tot di volte una determinata abilità e anche raccogliere dei bersagli che, disseminati nell’aria, conferiranno al giocatore tempo e punti extra riuscendo a raccoglierli tutti prima della fine della missione. Se vi schiererete con gli Autobots vi saranno missioni in cui dovrete riparare attrezzature danneggiate, mentre se aiuterete i Decepticons dovrete preoccuparvi di distruggerle. La prima volta che giocherete un livello potrete affrontarlo solo tra determinati Transformers ( il più delle volte solo un personaggio ), ma una volta portati a termine dei requisiti alternativi della missione in questione, avrete accesso alla rosa completa dei personaggi.
Non avendo un livello di difficoltà intercambiabile, il gioco presenta continuamente una sfida a tempo: ogni missione sarà caratterizzata da un timer che scandirà il tempo che impiegherete per portarla a termine. A seconda del tempo prestabilito riceverete una medaglia che varierà tra bronzo argento oro e platino. Oltre all’eventuale medaglia, ogni fine missione, verrete ricompensati con dei punti Energon che potrete utilizzare per incrementare le prestazioni dei Transformers come l’energia, il tempo di raffreddamento dell’arma, la potenza dei colpi nei corpo a corpo, la durata del turbo una volta trasformati in veicoli ecc…Ogni abilità incrementata, non potenzierà solo le abilità di uno, ma di tutta la fazione scelta limitando la personalizzazione dei robot.
Ogni fazione combatterà in 23 livelli, per un totale di 46 livelli  che, purtroppo, presentano un ambientazione poco varia e decisamente scarsa sia per quanto riguarda la ripetizione di molti elementi dello scenario sia per quel che riguarda il comparto grafico. Quest’ultimo viene implementato e potenziato nella realizzazione dei modelli poligonali dei Robot che risultano ben realizzati e definiti nel dettaglio anche per quanto riguarda le animazioni delle trasformazioni in veicoli che vengono effettuate velocemente e senza alcuno smacco nei vari pezzi a incastro della carrozzeria di ogni singolo Transformers.
Ogni scontro viene reso più dinamico da questa possibilità di passare dal robbottone al veicolo in pochi secondi, dando un sapore molto più gustoso a questo titolo che, senza le trasformazioni, sarebbe ricordato come l’ennesimo mediocre shooter in terza persona. Le armi e le abilità sono uniche di ogni personaggio: Optimus Prime sarà capace di crearsi uno scudo con cui assorbire i colpi nemici, Bumblebee in grado di stordirli e così via con tecniche e peculiarità che sapranno dare un ottima caratterizzazione a questi ammassi di ferraglia trasformabili. La maggior parte dei combattimenti li svolgerete con la forma robotica con cui potrete anche arrampicarvi e saltare, ma una volta veicolo avrete la possibilità di sfrecciare incontro o scappare lontano da qualsiasi pericolo, grazie anche all’apposito tasto che vi fornirà del turbo in stile Burnout.

Caduto, lascia perdere l’offline e buttati nella rete:

Purtroppo i problemi di ripetitività delle missioni e delle ambientazioni sono già dalle prime ore di gioco evidenti e non riescono ad incrementare l’interesse del giocatore verso il titolo…e allora? Buttatevi nella rete! Anche se l’offline risulta infatti ripetitivo ed estremamente semplice, l’online offre una modalità multi giocatore classica ma riuscita perfettamente. I giocatori che si sfideranno online potranno essere un massimo di 8 per mappa e combatteranno in Deathmatch sia individuali che a squadre, il solito ruba bandiera o conquista il territorio, e una modalità in cui bisognerà far fuori il leader avversario mantenendo in vita il proprio.
Anche se queste modalità non sono il massimo dell’originalità, vanno unite alle diverse caratteristiche che i Transformers possono offrire: la possibilità di trasformarsi in veicoli diversi e di avere determinate abilità che caratterizzano ogni personaggio, vi porteranno ad agire strategicamente per creare una squadra di diversi robot che, con determinate caratteristiche, sapranno mettere in ginocchio l’avversario in poche mosse, anche se non sembra l’online è veramente divertente, soprattutto insieme agli amici. Immancabili come sempre ormai, vi saranno 42 trofei che accompagneranno il giocatore per tutta l’avventura, sia online che non.

La caduta del caduto:

Sonoro: 62– Caratterizzazione italiana..3 motivetti ripetuti estenuantemente.
Grafica: 68 –Un comparto grafico da dimenticare unito a delle ambientazione rigiocate fino alla nausea…meno male che i robbottoni sono ben realizzati.
Giocabilità: 64 Gameplay off-line troppo lineare e ripetitivo, ottima la caratterizzazione delle abilità di ogni protagonista…peccato non esista possibilità di personalizzazione o espansione delle mosse
Longevità: 60 –Impiegherete massimo 3 giorni a finirlo, troppo semplice, minor numero di trofei del solito, caratteristiche che portano ad una rigiocabilità davvero limitata.
Online: 75 / – L’Online salva il gioco

Voto
Finale: 67/100 –La vendetta del caduto è uno di quei giochi destinato a essere trascinato da successo del film, dai fan dei Transormers e da chi ama i videogiochi che richiedono veramente poca fantasia e impegno, se dovremo vederlo come prodotto a se finirebbe sicuramente nel dimenticatoio come una dei tanti giochi che si perdono nella massa. Chiunque vorrà prenderlo per l’offline dovrà chiudere un occhio ( a volte anche entrambi ) su un gameplay ripetitivo e una grafica lontana dalla nuova generazione, chi invece sceglierà il titolo per fare distruzione online non rimarrà certamente deluso sperimentando un esperienza combattiva nuova su modalità multi giocatore ormai classiche.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!