EventHorizon lancia New Horizons, una Game Jam per aspiranti developer

Il prossimo dicembre si terrà la New Horizons Game Jam, un’occasione per sviluppatori di videogiochi e aspiranti tali per mettersi alla prova con l’obiettivo comune di realizzare un videogioco a tema nel pochissimo tempo che l’evento mette a disposizione. L’organizzazione di questa iniziativa è opera di EventHorizon School of Digital Art, una realtà nostrana che sforna sviluppatori in tutto il Bel Paese, e MyAppFree, un’agenzia di digital marketing con sede a Imola.

Cos’è una Game Jam?

Se siete interessati al mondo dello sviluppo dei videogiochi ma non sapete cosa sia una Game Jam, questa potrebbe essere l’occasione giusta per imparare e divertirvi: così come le jam musicali vedono la partecipazione di musicisti che non si conoscono tra loro nell’improvvisazione di un brano, anche le Game Jam funzionano con lo stesso sistema, avendo però come obiettivo finale la creazione di un videogioco: programmatori, designer, grafici, illustratori, sceneggiatori, musicisti, tutti riuniti per un obiettivo comune. Durante le Game Jam di solito viene proposto un tema comune entro il quale i partecipanti devono dare sfogo alla loro creatività, consegnando in tempi prestabiliti un videogioco funzionante.

L’evento più popolare è la Global Game Jam che si tiene ogni anno in tutto il mondo, 48 ore di sviluppo folle e serrato che dà vita a creazioni assurde, alcune in grado anche di prendere vita in progetti ufficiali. Negli ultimi anni la popolarità di questi eventi è sempre più cresciuta, grazie anche a piattaforme come Itch.io. Basta consultare questo calendario per vedere quante Game Jam vengono organizzate nel corso del tempo.

New Horizons Game Jam

Proprio su Itch.io, MyAppFree e la scuola di EventHorizon hanno deciso di lanciare quella che ha le potenzialità di diventare la più grande Game Jam realizzata su suolo nazionale, la New Horizons. L’evento si svolgerà dal 13 al 26 dicembre 2021 e si rivolge in particolar modo alla scena indie italiana. Non è un caso, infatti, se circa la metà delle produzioni presenti alla Milan Games Week 2021 proviene proprio da una delle sedi di EventHorizon.

Il tema della Game Jam a questo giro è già deciso: la speranza e i buoni propositi per il nuovo anno. Si tratta di un tema di ampio respiro e per niente stringente, che lascia davvero tanto spazio alla creatività e alla fantasia degli sviluppatori. Sia MyAppFree che EventHorizon assegneranno dei premi per i migliori titoli realizzati nella Jam, consistenti in crediti pubblicitari sulla piattaforma di MyAppFree e voucher per workshop presso le sedi di EventHorizon.

È già possibile iscriversi alla jam tramite la pagina dedicata su Itch.io, dove potete trovare anche le altre informazioni necessarie a partecipare a questo evento.

Collaborando con EventHorizon School of Digital Art, vogliamo dare l’opportunità a giovani intraprendenti developer di mettersi alla prova sviluppando un gioco.

MyAppFree
Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Comunicato

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta. Oltre a prestare le sue dita a Player.it scrive news e guide all'acquisto per Tom's Hardware, ed è PR nella fan-community di Pokémon Millennium.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Ma essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

milan games week 2021

Gli indie italiani sono il faro nella nebbia della Milan Games Week

Il Richiamo di Cthulhu: 40 anni di orrore cosmico fra gioco e videogioco