Hanno veramente annunciato Alan Wake Remastered

alan wake remastered

È da qualche giorno che sui social si parlava sempre più insistentemente di Alan Wake Remastered e, per una volta, sembra che le voci si siano rivelate vere.

Durante il primo pomeriggio di questo 7 settembre, in piena fine estate, con qualche post sui social Remedy Entertainment (la software house dietro il titolo, dietro Control e dietro la trilogia di Max Payne) ha annunciato l’arrivo di Alan Wake Remastered, il ritorno a Bright Falls che i giocatori specie dopo l’arrivo di AWE hanno chiamato a grandissima voce.

L’annuncio è stato fatto attraverso sul sito ufficiale del gioco, sito che spruzza 2010 da tutti i pori.

Sono più che felice di dirvi che al momento di scrivere questo, Alan Wake Remastered è vicino al suo completamento. Confermato, annunciato, in arrivo in collaborazione con Epic Games Publishing. Multipiattaforma. PC su Epic Games Store, Xbox e, per la prima volta in assoluto, PlayStation, in questa generazione e in quella precedente.

Il titolo sembra essere una versione rimasterizzata dell’originale con tutti i contenuti delle varie release originali. Parliamo quindi non di un remake fatto con l’engine di Control ma di una versione aggiornata e potenziata per gli standard attuali del gioco originale con inclusi tutti i DLC del caso.

Il comunicato, inoltre, parla chiaro.
Il titolo arriverà su Playstation 4, Playstation 5, PC (su Epic Games Store), Xbox One, e Xbox Series S/X durante il corso di questo autunno.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

giochi tratti dal quadri, giochi tratti da opere d'arte,

Cinque videogiochi che omaggiano l’arte

esperienza personale con il videogioco Myst

Ho giocato a Myst per la prima volta e mi sono sentito terribilmente stupido