Horizon Forbidden West: ecco il primo filmato di gameplay allo State Of Play

horizon forbidden west

Alla fine lo State of Play è arrivato. Guerrilla Games e Sony hanno presentato in serata Horizon Forbidden West, sequel di uno dei nuovi brand lanciato da Sony durante la generazione Playstation 4.

Il titolo è stato mostrato in un filmato di 20 minuti (di cui 14 di puro gameplay) all’interno dell’appuntamento State Of Play, questa volta completamente dedicato alle nuove avventure di Aloy.

Fin da subito si nota l’incredibile impatto grafico di cui è capace il Decima Engine (lo stesso di Death Stranding) con l’hardware Playstation 5. Ad un occhio attento, comunque, non sfuggono le numerose novità di gameplay come la presenza di rampino, nemici umani più intelligenti rispetto al passato, nuove macchine, una rinnovata dimensione di gioco grazie alla possibilità di nuotare sott’acqua.

Dal trailer risultano terribilmente d’impatto le ambientazioni tropicali sulla costa di San Francisco, con i grattacieli che si stagliano fortissimi nel cielo.
Confermati da Guerilla Games anche zone desertiche o innevate.

Ancora nessuna data d’uscita per il titolo.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

House of Ashes: primo sguardo al terzo episodio dell’antologia horror Dark Pictures

beautiful desolation

Beautiful Desolation | Recensione (PS4)