A Musical Story, un rhythm game negli anni ’70 si affaccia su Steam con una demo

Gli sviluppatori francesi Glee-Cheese Studio e Digerati hanno reso disponibile una demo di A Musical Story in contemporanea con l’inizio del London Games Festival, una manifestazione dedicata ai videogiochi indie dove il titolo è stato scelto come “Eccellenza Narrativa“.

Ambientata negli anni ’70, come avrete capito dall’introduzione e dal titolo stesso del gioco, Musical Story è un sagace intreccio tra narrativa e rhythm game. La demo consiste nello giocare i primi 10 capitoli del titolo, e introduce i giocatori al gameplay del titolo.

Il giocatore esplora la memoria di Gabriel, un ragazzo che cerca di capire la sua condizione attuale ricordando eventi del passato collegati alla musica. Ogni melodia suonata correttamente dal giocatore apre un nuovo capitolo nel passato di Gabriel, avvicinandolo a ricordare la verità.

Altra particolarità del gioco è che la sua narrazione non sarà mai raccontata da parole scritte: tutto lo storytelling del gioco si muove solo attraverso musica e grafica. Potete vedere dai video quanto sia espressiva la direzione artistica, e con la demo sarete capaci sicuramente di capire le diverse situazioni nel passato di Gabriel. La colonna sonora di A Musical Story si muove attraverso 26 tracce originali, canzoni che se performate in maniera perfetta potrebbero sbloccare nuovi capitoli segreti.

A differenza dei più classici rhythm game, A Musical Story si focalizza più sull’abilità di ascolto e sul senso del ritmo del giocatore, piuttosto che su quanto il giocatore è in grado di individuare i riferimenti visuali del ritmo. Se siete incuriositi da questa descrizione, vale la pena provare la demo presente ora su Steam.

Charles Bardin, game designer di A Musical Story e co-compositore della sua colonna sonora, illustrerà i dettagli del gioco sabato 20 marzo alle ore 14.00 italiane sul canale YouTube del London Games Festival.

Vi lasciamo alla pagina Steam di A Musical Story dove potete trovare la demo, e alla pagina Steam del London Games Festival dove trovate altre demo dei videogiochi presenti all’evento.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Going Medieval si catapulta su Steam: accesso anticipato per il colony sim

Spirale Temporale Remastered: 500 nuove carte dalle vecchie espansioni più amate di Magic