Volete un assaggio della trama di Returnal? Un trailer ci svela quattro misteri dell’esclusiva PS5

returnal spiegazione trama

Il prossimo 30 Aprile sarà il day one di Returnal, la nuova esclusiva Playstation 5 realizzata da Housemarque, lo studio di sviluppo finlandese già distintosi per aver creato titoli come Resogun, Dead Nation ed Alienation. Inutile dire che tutti i riflettori sono puntati sulla sua opera di prossima uscita di cui però, allo stato attuale, si conoscono pochi dettagli. Ebbene, poche ore fa Playstation Studios ha pubblicato un nuovo trailer del titolo, in cui vengono svelati alcuni dei misteri legati alla trama di gioco.

Dal trailer, apprendiamo che la protagonista, una donna di nome Selene, è naufragata con la sua astronave sul pianeta Atropo. Neanche il tempo di mandare il messaggio di SOS che si imbatte nel cadavere di un membro dell’ASTRA, l’organizzazione spaziale a cui appartiene. Avvicinandosi al corpo esanime, fa un’orribile scoperta: quello che sta guardando è proprio il suo cadavere, ridotto in quello stato da una delle tante creature minacciose presenti sul pianeta.

L’unica cosa che Selene può fare è “seguire l’Ombra Pallida“, un misterioso segnale che, da quel momento in poi, guiderà la sua esplorazione di Atropo, e che la condurrà in luoghi tanto familiari quanto impossibili da trovare su un pianeta alieno. Inutile dire che, la nostra protagonista si renderà subito conto che il luogo in cui si trova è a metà tra la realtà e la proiezione della sua vita sulla Terra.

Di seguito, riportiamo le dichiarazioni di Greg Louden, Narrative Designer di Housemarque, rilasciate su Playstation Blog.

L’elemento narrativo è una grossa novità per Housemarque, ma abbiamo una storia coraggiosa da raccontare. Il nostro obiettivo è creare un racconto misterioso, sfaccettato e coinvolgente che, in combinazione con le esplosive componenti action e i colpi di scena roguelike, vi spinga a esplorare, rigiocare e riflettere.

L’obiettivo dello studio di sviluppo è quello di ottenere un perfetto mix tra narrativa e giocabilità, in modo che l’utente possa riuscire a scoprire i misteri di Atropo senza però rinunciare al gameplay frenetico che Returnal ha da offrire.

Restate sintonizzati per ulteriori aggiornamenti in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

FIFA 21 e Lega Serie A contro il razzismo: arriva il kit Keep Racism Out

dying light 2, dying light, dying light 2 data uscita, dying light 2 ritardo, dying light 2 ultime notizie

Dying Light 2 arriverà entro il 2021, nonostante tutto