HOME » news

Supercell festeggia il primo miliardo di dollari guadagnato con Brawl Stars

brawl stars

Ma quanti soldi fa Supercell al giorno?
La risposta è davvero davvero molti.
Nonostante il 2020 sia stato un anno non esattamente eccezionale per l’azienda, a detta dei suoi azionisti, i ricavi sono stati di oltre 1.48 miliardi di dollari. Certo, l’anno prima i ricavi avevano generato ricavi per 1.56 miliardi di dollari ma alla fine della storia cosa vogliamo che siano 120 milioncini di dollari?

Stando ai dettami della legge finlandese, la società ha comunicato in giornata i suoi risultati finanziari per il 2020. In Supercell ogni dipendente ha generato circa 4,3 milioni di dollari, un risultato che definire brillante è a dir poco.

Quante vale Brawl Stars?

Noi siamo incredibilmente fortunati a lavorare nel mondo dei videogiochi. Le sfide che abbiamo affrontato durante il corso di questa annata sono minuscole rispetto a tante altre e speriamo che i nostri giochi abbiamo fornito momenti di felicità ai giocatori, aiutandoli a rimanere al sicuro connessi con gli amici durante questo difficile periodo.

Questa è stata la dichiarazione del CEO dell’azienda Ilkka Panaanen, ricordando a tutti la mission dell’azienda: creare videogiochi che vengano giocati per anni e ricordati per sempre. Un’ obbiettivo senza dubbio davvero difficile ma che sembra sicuramente fattibile se consideriamo che, nel giro di tre anni l’azienda ha fatturato oltre un miliardo di dollari con il suo ultimo videogioco.

Una cifra che non esaltante se consideriamo che ben cinque videogiochi della compagnia hanno superato il miliardo di dollari in ricavi ma parliamoci chiaro: un miliardo di dollari è pur sempre un miliardo.

Leggi anche: Mercato dei videogiochi, trend del settore mobile per il 2021

Questo risultato è stato ottenuto nonostante il disagio portato dal COVID19 che ha costretto l’azienda a passare allo smart working, lavorando in piccoli team di gioco indipendenti invece che nei grandi uffici. Durante il corso del suo ciclo vitale, dal 2017 ad oggi, molte sono state le aggiunte fatte a Brawl Stars.

Le più importanti sono da ricercarsi nel Brawl Pass e nel Map Maker, due strumenti che hanno permesso all’azienda di monetizzare in maniera più efficace il singolo giocatore e di risolvere il problema contenutistico, consegnando degli strumenti nelle mani dei giocatori. Anche il settore esportivo ha sicuramente giovato al titolo, con oltre quindici milioni di giocatori che mensilmente hanno partecipato alla sfida mensile del campionato mondiale.

Questa nozione cosa dovrebbe ricordarci? Che il mondo dei videogiochi mobile vede molti più soldi di quanti solitamente ne vediamo all’interno di diverse ed enormi produzioni videoludiche internazionali, ne più ne meno.

Da non perdere: Torna Playstation Home con 4 mesi di giochi gratis

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Le nuove action figure di Banjo-Kazooie vi faranno impazzire

xbox series s come girano i giochi

Xbox Series S in difficoltà sui futuri videogame, secondo gli sviluppatori