The One Ring | Il gioco di ruolo del Signore degli Anelli sfonda Kickstarter in 4 minuti

Un anello per domarli, un anello per trovarli, un anello per ghermirli e nel buio incatenarli, ma solo 4 minuti per raggiungere l’obiettivo prefissato e superarlo su Kickstarter dalla nuova edizione di The One Ring, gioco di ruolo del Signore degli Anelli.

La Terra di Mezzo di J.R.R. Tolkien, re-immaginata in chiave gioco di ruolo da Francesco Nepitello, era stata lanciata su Kickstarter proprio oggi nel progetto One Ring, una nuova edizione del gioco di ruolo del Signore degli Anelli, sotto l’etichetta di Free League Publishing in collaborazione con Sophisticated Games.

Il goal di 9 mila dollari era da raggiungere entro 21 giorni, ma sono bastati solo 4 minuti per superarlo di una cifra spropositata. In questo momento mentre scriviamo l’articolo sono stati raccolti circa 250 mila dollari, con un contatore di sostenitori e di fondi raccolti che continua a salire inesorabilmente

Rilasciato per la prima volta nel 2011, The One Ring fu premiato per il suo design e fu salutato come uno dei migliori tentativi di portare la Terra di Mezzo su un tavolo da gioco, grazie a regole tematiche e una scrupolosa attenzione ai dettagli. Dopo 10 anni dalla sua prima comparsa, è stato deciso finalmente di riforgiare questo Unico Anello, cercando il sostegno dei giocatori di ruolo su Kickstarter. Se volete, avete ancora 21 giorni per partecipare alla campagna di crowdfunding seguendo questo indirizzo.

Nella nuova edizione di The One Ring i giocatori creano una Compagnia di eroi nell’anno 2965 della Terza Era, cercando avventure nelle Lande Solitarie dell’Eriador, una regione che un tempo vide la gloria del Regno del Nord dei Dúnedain. Nonostante la desolazione di questi territori ci sono molte persone avventurose tra Nani, Elfi, Hobbit e Uomini. È in questi posti che giace l’Unico Anello, un seme del passato che un giorno potrebbe portare il mondo alla guerra aperta contro il ritorno dell’Ombra. Un male che sembra iniziare a muoversi, almeno dai segnali nefasti dati dal fumo che inizia a innalzarsi dal Monte Fato, nella terra di Mordor

Tra le novità nel manuale della nuova edizione:

  • Una serie di regole aggiornate e semplificate, sviluppate dopo anni di feedback dei giocatori, che portano il gioco agli standard qualitativi che hanno reso Free League Publishing così popolare
  • Una nuova ambientazione da sperimentare: l’Eriador durante la fine della Terza Era.
  • Una completa riprogettazione visiva, artistica e grafica, che offre una visione della Terra di Mezzo fresca e familiare allo stesso tempo.
  • Regole ritoccate per rinforzare ulteriormente la connessione tra meccaniche e narrazione, in particolare la Speranza, i Viaggi e i Consigli.
  • Nuove regole aggiunte per evocare elementi vitali per il tema del gioco, come la sottile magia della Terra di Mezzo.
  • Retro-compatibilità con i moduli della vecchia edizione di The One Ring.

Lo Starter Set contiene tutto ciò che è necessario per cominciare una nuova partita con la propria Compagnia. La prima avventura è incentrata sulla Contea degli Hobbit, un’ambientazione che permette ai neofiti di entrare per la prima volta nel mondo della Terra di Mezzo, grazie a dei personaggi già creati e pronti per l’avventura. Avendo superato il traguardo dei 9 mila dollari, nello Starter Set saranno compresi anche elementi aggiuntivi come mappe a colori della Contea e di Eriador create da Francesco Mattioli, un set di tessere quadrate usate per tenere traccia della posizione di combattimento dei personaggi, un set di dadi, 30 carte illustrate per armi, scudi e armature e un compendio che descrive nel dettaglio la Contea.

È disponibile anche una Collector’s Edition del manuale completamente rilegato in pelle e con ornamenti in lamina d’oro. Questa edizione speciale è disponibile esclusivamente per i supporter di Kickstarter.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Sta tornando Six Days in Fallujah, FPS realistico sulla guerra in iraq

Post Malone

In occasione dei suoi 25 anni, Pokémon Company ci invita a un concerto virtuale con Post Malone