HOME » news

Preserving Worlds: una docu-serie che esplora i mondi abbandonati dei videogiochi

Avete mai pensato a cosa perdereste se il vostro mondo di gioco preferito scomparisse? Per rispondere a questa semplice domanda è stato realizzato Preserving Worlds, una docu-serie che esplora mondi virtuali abbandonati e in rovina dei videogiochi, sulla via dello spegnimento dei loro server.

Se logghi in un gioco online morto da tempo, cosa troveresti? Chi incontreresti? Quando i profitti si sono esauriti da tempo e l’aura di novità è andata via, cosa fa andare avanti un mondo virtuale? Quali tipi di persone sono ancora in giro? Che tipo di cultura hanno creato, quali tradizioni, quali rapporti?

Con queste premesse, si apre l’introduzione a Preserving Worlds, serie già disponibile a partire dal 9 febbraio su Means TV, una piattaforma americana che si autodefinisce “post-capitalistica” perché completamente dedita all’autoproduzione di film, documentari, show e videogiochi, di intera proprietà dei suoi lavoratori. La docu-serie è stata creata da Derek Murphy e Mitchell Zemil proprio per la piattaforma di Means TV.

Preserving Worlds esplora mondi virtuali oscuri, defunti o sulla via dell’estinzione, in un diario di viaggio mascherato da documentario che attraversa in sei episodi alcune delle community virtuali che sono state più d’impatto negli ultimi 40 anni, tra cui WorldsChat, Second Life, Myst Online e Doom.

La docu-serie è un’introspettiva sulle community online che hanno continuato a vivere, nonostante lo stato di abbandono dei loro mondi virtuali. Ma Preserving Worlds serve anche da monito per far comprendere a chiunque quanto valore creato negli anni può essere perso per sempre con un semplice click.

Questi videogiochi e queste chat sono a estremo rischio di conservazione: potrebbero spegnersi in qualsiasi momento, e una volta che lo fanno potrebbero non essere più rianimati. Questi mondi significano molto per i loro visitatori: posti da esplorare, modi per connettersi con le persone quando non si può uscire di casa, sbocchi creativi e soprattutto modi per esplorare la propria identità senza giudizio.

Derek Murphy, co-creatore di Preserving Worlds

Durante la visione di Preserving Worlds ci si imbatte in persone che cercano di mantenere in vita i propri mondi contro l’obsolescenza, tenendo le loro community unite con iniziative e cercando di ravvivare in ogni maniera possibile questi rifugi virtuali. Lungo gli episodi è possibile ascoltare anche le interviste di reporter, utenti, sviluppatori e game designer.

Potete guardare Preserving Worlds gratis su Means TV, a questo indirizzo. Abbonandovi alla piattaforma, invece, potete guardare anche i contenuti bonus di questa serie.

Da non perdere: Torna Playstation Home con 4 mesi di giochi gratis

FONTE Means TV

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

raik84 call of duty cold war zombie

Call Of Duty: Cold War | Come ottenere il R.A.I. K-84, la Wonder Weapon di Firebase Z

barcode scanner

Avete installato su android l’app Barcode Scanner? Abbiamo una brutta notizia per voi