HOME » news

Capcom non è rimasta ferita dai leak e sta sviluppando videogiochi come suo solito

capcom

Capcom ha detto che le recenti fughe di notizie legate a un attacco informatico non hanno avuto alcun impatto significativo sui rilasci dei titoli e che il lavoro di sviluppo è ampiamente tornato alla normalità.

Ma di che stiamo parlando? Come sta Capcom?
Facciamo un passo indietro.
Il 2 novembre 2020 Capcom ha subito un attacco hacker di tipo ransomware che ha bloccato e criptato dati contenuti nei server. A condurre questo attacco sembra essere stato un gruppo chiamato Ragnar Locker che, dopo aver chiesto un riscatto in danaro in cambio della restituzione dei dati, ha plausibilmente dato vita ai leak che si sono sparsi per il web durante il corso di quel mese.

capcom ha in cantiere un titolo segreto che sorprenderà i fan

Le informazioni principali riguardanti tale leak vedevano periodi di uscita di giochi come Resident Evil Village, Dragon’s Dogma 2, Street Fighter 6 e molto molto altro.

Ecco, questo attacco non sembra aver avuto particolare effetto sulla struttura della compagnia. L’attacco hacker si è portato a casa i dati personali di 16.415 dipendenti ed sono andati persi per sempre documenti anche abbastanza importanti come rapporti di vendita, informazioni finanziarie, documenti relativi allo sviluppo dei giochi etc etc ma niente di tutto questo sembra aver avuto sulle deadline che Capcom si era posta.

Questa notizia è stata data dalla compagnia con il rapporto finanziario sul terzo trimestre del 2020 che potete trovare qui.

Stupisce nuovamente la solidità di Capcom, in un mondo videoludico che con il coronavirus sembra aver preso più bastonate che altro (e qui potremmo tirare in mezzo di tutto: dalle polemiche intorno Cyberpunk 2077 ai rinvii di qualsiasi cosa). Recentemente l’azienda ha giusto rilasciato buone notizie per il pubblico, svelando l’altezza di Lady Dimitrescu e facendo quindi contenti tutti i fanartists del mondo.

lady dimitrescu re8 village

Nel dubbio aspettiamo Resident Evil Village il quale arriverà su PlayStation 5, Xbox Series X e S, PC, Xbox One e PlayStation 4 il 7 maggio 2021.

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Genshin Impact | Guida al farming del Primo Geovishap e ottenimento di Juvenile Jade

shoah, shoah e videogiochi, videogiochi shoah, didattica shoah ragazzi, shoah cultura popolare

Può il videogioco parlare della Shoah? Un ragionamento