Quanto ha venduto la serie Fallout? I numeri sono da bomba atomica

Quanto ha venduto la serie Fallout I numeri sono da bomba atomica - copertina

Fallout non ha bisogno di presentazioni: tra le più famose serie di GDR occidentali, bazzica nel medium videoludico dal lontano 1997, quando il capostipite approdò sul mercato PC conquistando pubblico e critica con il suo inedito setting apocalittico e la straordinaria libertà d’azione offerta al giocatore. Quasi 25 anni dopo, il franchise conta 4 titoli principali e 5 spin-off, distribuiti sulle più svariate piattaforme, dalle console ai tablet, dal computer agli smartphone. Ma quanto ha venduto complessivamente la serie? E quanto ha incassato?

È ora di aprire il vault!

Diciamo subito che le vendite complessive, in termini di copie vendute, sono impressionanti: Bethesda ha convertito, aggiornato e rimasterizzato periodicamente le sue opere per diffonderle il più possibile su praticamente ogni piattaforma da gioco esistente, riuscendo negli anni a penetrare nelle library dei giocatori in modo brillante. Per calcolare quante copie l’azienda sia riuscita a piazzare sul mercato, non resta che affidarsi a report di vendita e stime aggregate. In questo senso, un’analisi abbastanza completa è stata pubblicata la scorsa primavera ad opera di Statista, società statunitense di analisi di mercato, che ha pubblicato una tabella piuttosto esplicativa:

Vendite totali (in milioni di copie) di alcuni capitoli della serie Fallout, aggiornata a marzo 2020.

Sommando le varie voci si arriva ad un risultato impressionante: 34.42 milioni di copie vendute, una cifra astronomica. Non c’è dubbio: Bethesda ha sganciato la bomba!

Leggi anche: Il game director di Fallout New Vegas e Pillars of Eternity è al lavoro su un nuovo progetto

Ovviamente dal grafico risulta evidente quello che è stato probabilmente il maggior passo falso della storia della compagnia: Fallout 76, il più recente capitolo della serie, ha totalizzato vendite assai modeste se comparate a quelle dei suoi fratelli maggiori. È il risultato di una storia produttiva travagliata, dell’adozione di un modello di business inedito per la compagnia e di conseguenti numerose scelte sbagliate, che hanno causato il rilascio di un titolo povero di contenuti (per lo meno al lancio) ed esoso in termini economici (la vendita a prezzo pieno e la sottoscrizione di un canone di abbonamento per l’accesso a server privati). Tutto ciò ha causato forte risentimento nella community di fan della saga e sonore bocciature da parte della critica, fattori che ne hanno determinato il sostanziale insuccesso commerciale rispetto al potenziale rappresentato dall’IP.

Il giudizio su Fallout 76 da parte di pubblico e critica.

Molto più difficile parlare degli incassi complessivi: Bethesda non ha mai diffuso numeri complessivi ufficiali, perciò esistono solo stime. In base alle informazioni disponibili, comunque, i numeri sono senz’altro positivi: a Fallout 3, per esempio, è bastata la prima settimana di lancio per superare la soglia dei 300 milioni di dollari di ricavi. Se pensate che sia un risultato notevole, tenetevi forte: il suo successore Fallout 4, ha incassato oltre 750 milioni di dollari nelle prime 24 ore di vendita!

In definitiva, dunque, possiamo dire con certezza che i ricavi totali del franchise raggiungono almeno il miliardo e mezzo di dollari. Mettiamola così: in caso di disastro atomico, possiamo stare sicuri che Bethesda ha messo un bel po’ di soldi nel vault!

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE statista

Articolo a cura di Alessandro Giovannini

videomaker, gamer, nerd, INTJ-A.

Cinema e videogiochi: le mie due più grandi passioni. Da bambino mi alzavo presto la mattina per giocare con il Sega Mega Drive II prima di andare a scuola; passavo i pomeriggi a guardare Terminator 2 fino a consumare il nastro della VHS; impiegavo le serate a cimentarmi nelle avventure grafiche di Lucas Arts su un glorioso PC con Windows 95 in compagnia di mio fratello.
Poi sono venuti gli studi e la laurea in cinema oltre al lavoro, in tv prima e come videomaker freelance poi, nonché le esperienze di redattore e inviato stampa presso siti di informazione cinematografica. In tutto ciò non ho mai abbandonato il gaming, che ho combinato con la mia passione per la scrittura ed il mio approccio analitico, prima sulle pagine di Spaziogames e ora qui su Player.
A tarda notte streammo sul mio sfigatissimo canale Twitch e nel resto del tempo mi struggo al pensiero di tutto il backlog che non riuscirò mai a recuperare :)

Primo videogioco: The Adventures of Captain Comic (DOS)
Videogioco preferito: Final Fantasy VII
Piattaforme di gioco possedute: Super Famicom, Game Boy Color, Mega Drive II, PSX, PS2, PS3, PS4, Xbox One S, PC.

videogiochi carnevale, carnevale, carnevale nei videogiochi, feste in maschera nei videogiochi, assassin's creed II, Ezio Auditore

Cinque videogiochi con feste in maschera

Six days in falluja, gioco di guerra six days in fallujah, guerra in Iraq

Six Days in Fallujah sta cercando di non essere un gioco politico, con scarso successo