Ghost of Tsushima: i fan aiutano a riparare un santuario giapponese distrutto da un tifone

Ci viene sempre detto che i videogiochi istigano alla violenza o che sono poco educativi, e come sempre queste illazioni vengono smentite dalle azioni dei videogiocatori. In particolare oggi si parla dell’iniziativa benefica dei fan di Ghost of Tsushima, grazie alla quale sono stati raccolti fondi per riparare il santuario dell’isola giapponese.

Quanti di voi sono ancora immersi nella photo mode di Ghost of Tsushima, in mezzo a tutti quegli scenari pittoreschi? La community del gioco, colpita dalla narrazione degli eventi simil-storici e dall’ambientazione, ha preso iniziativa per riparare il santuario di Watatsumi, sull’isola di Tsushima, danneggiato da un recente tifone. Il santuario non è presente in gioco in quanto fa parte di un territorio non esplorato dal titolo, tuttavia è una meta turistica abbastanza celebre in Giappone.

Santuario di Watatsumi, sull'isola di Tsushima

La raccolta fondi è stata organizzata su camp-fire, un sito di crowdfunding giapponese. Per poter riparare il santuario sarebbe stato necessario raccogliere circa 47.500$, ma in poco tempo questa cifra è stata quintuplicata fino a raggiungere 260.000$. Un sacerdote del santuario, Yuichi Hirayama, è rimasto molto colpito dall’impegno dei gamer e ha rilasciato un comunicato di ringraziamento:

Abbiamo ricevuto un grande sostegno dai giocatori del gioco Ghost of Tsushima ambientato a Tsushima, e sento che è la guida di Dio. Sono molto grato per il sostegno di così tante persone durante una vita angusta a causa del coronavirus e della difficile situazione economica.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE VGC

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Xbox Series S|X: nuovo controller rosso fiammante

Borderlands, il film: riprese in partenza in Ungheria