Neil Druckmann, autore di The Last of Us, diventa co-presidente di Naughty Dog

Neil Druckmann, uno dei creative director di The Last of Us e di Uncharted 4, è stato promosso da Naughty Dog alla posizione di co-presidente, di fianco al già presidente Evan Wells. La nomina dell’autore è stata annunciata attraverso un post sul blog degli sviluppatori in cui Wells presenta nuovi cambiamenti nello studio.

Druckmann è stato anche vice-presidente di Naughty Dog negli scorsi tre anni, ed è nello studio americano da 17 anni totali. Il modo in cui questa promozione possa avere effetto sullo sviluppo di nuovi giochi lo sapremo solo in futuro.

Assieme a quella di Druckmann ci sono state anche altre promozioni all’interno dello studio. Il director of operations Alison Mori e il co-direttore della programmazione Christian Gyrling sono stati nominati entrambi vice presidenti di Naughty Dog.

Sappiamo che in questo momento Naughty Dog sta ultimando i lavori per le Fazioni di The Last of Us Parte 2, una modalità multiplayer. Nulla esclude che sia in sviluppo anche una Parte 3 o addirittura una proprietà intellettuale completamente nuova. Nel frattempo vi ricordiamo che TLOU2 presenta diverse nomination ai The Game Awards 2020, tra cui quella di gioco dell’anno. La cerimonia di premiazione è attesa per il 12 dicembre.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Naughty Dog

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta. Oltre a prestare le sue dita a Player.it scrive news e guide all'acquisto per Tom's Hardware, ed è PR nella fan-community di Pokémon Millennium.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Ma essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

dragon age, dragon age 4, dragon age 4 the games award, dragon age 4 TGA 2020

Ritorna un titolo incredibile, sarà annunciato al The Game Awards tra 6 giorni [in aggiornamento]

Morbid copertina videogioco

Morbid: The Seven Acolytes | Recensione (PC)