HOME » news

Resident Evil: Infinite Darkness, la serie in CGI arriverà su Netflix nel 2021

Capcom ha annunciato che una nuova serie in CGI basata sul franchise di Resident Evil arriverà sulla nota piattaforma in streaming nel 2021.

La notizia è stata condivisa durante l’ultimo Tokyo Game Show direttamente da Hiroyuki Kobayashi, produttore esecutivo del progetto, accompagnata con tanto di primo trailer di presentazione (visionabile in calce alla notizia).

La serie CGI sarà basata sul franchise horror e seguirà le avventure di Leon S. Kennedy e Claire Redfield mentre esplorano una grande e oscura villa. Un plot, in linea con quanto vistosi nei videogiochi.

La rivelazione arriva dopo che il progetto era trapelato in anticipo sul profilo Twitter di Netflix Portugal. L’account in questione aveva pubblicato un trailer di Resident Evil: Infinite Darkness per poi prontamente cancellarlo, ma ovviamente si sa, quando qualcosa arriva su Internet, basta un attimo e viene condiviso ovunque nel mondo.

Non si conoscono molte informazioni sulla serie in questo momento, ma Resident Evil Infinite Darkness sembra essere una produzione separata dalla prossima serie live-action di Resident Evil che invece si concentrerà sui bambini con un cognome molto familiare i “Wesker kids”.

Nello specifico:

“Quando i bambini Wesker si trasferiscono a New Raccoon City, i segreti che scoprono potrebbero essere soltanto l’inizio della fine di tutto”, riportava all’epoca la descrizione di Netflix della serie. “Resident Evil, una nuova serie live-action basata sul leggendario franchise survival horror di Capcom, sta arrivando su Netflix”.

Infinite Darkness sarà composta da otto episodi, ciascuno dalla durata di circa un’ora. Andrew Dabb di Supernatural è stato confermato in qualità di showrunner mentre Bronwen Hughes viene accreditato come regista per i primi due episodi.

Per chi non lo sapesse, non è la prima volta che il celebre franchise horror viene adattato in CGI. Infatti, nel 2008 è stato pubblicato il primo film del genere, Degeneration che vedeva protagonisti (manco a farlo di proposito), proprio Leon S. Kennedy e Claire Redfield. Gli eventi, seguivano di sette anni quelli narrati che portarono al disastro di Raccoon City. Sebbene la Umbrella Corporation fosse finita in bancarotta, il virus T era ancora un pericolo per tutto il mondo tanto da portare a nuovi fenomeni di bio-terrorismo. La pellicola ebbe un buon successo tanto da ricevere anche una serie di sequel: Damnation (2011) e il più recente, Vendetta (2017) entrambi con protagonista sempre Leon S. Kennedy.

Il 2021 sarà un buon anno per i fan di Resident Evil, infatti, oltre ai due spettacoli in CGI, vedremo anche il lancio di Resident Evil 8 Village.

Capcom ha confermato all’inizio di questa settimana che sta “esaminando” la possibilità di portare Resident Evil 8 Village oltre che su PlayStation 4 e Xbox One, anche su PlayStation 5 e Xbox Series X.

The Last of Us, The Last of Us Parte II, The Last of Us Parte II multiplayer, Naughty Dog, Neill Druckmann, The Last of Us Parte II Fazioni

The Last of Us, Druckmann promette succose novità

Final Fantasy XV, Final Fantasy XVI, Square Enix, PlayStation 5, Sony

Per il director Yoshida la grafica di Final Fantasy XVI non ha ancora mostrato il suo vero volto