PlayStation State of Play annunciato per il 6 agosto

L’atteso evento digitale State of Play dedicato al mondo PlayStation e ai titoli in arrivo sulla nuova PS5 è stato finalmente ufficializzato da Sony: si terrà giovedì 6 agosto 2020 alle ore 22 italiane.

La conferenza sarà trasmessa sul canale YouTube e sul canale Twitch di Sony, e sarà incentrato unicamente sui videogiochi delle terze parti: giochi in arrivo su PlayStation 4, e le novità che sbarcheranno sulla PlayStation 5 e che andranno ad ampliare il parco titoli della next-gen in casa Sony.

Lo streaming durerà più di 40 minuti, ma attenzione: non sono previste informazioni sui giochi in esclusiva, né aggiornamenti sul prezzo e sulle componenti hardware della PlayStation 5.

Cosa vi aspettate di trovare sulla nuova console di Sony?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

William English, co-creatore del primo mouse per computer, è morto all’età di 91 anni

Gli ingredienti di Zelda: Breath of the Wild sono finiti per sbaglio nel libro di un famoso scrittore