HOME » news

Il nuovo Call of Duty potrebbe essere già su Microsoft Store (sotto falso nome)

Call of duty, activision, the red door, nuovo Call of Duty, Call of Duty The Red Door

Per Call of Duty è un periodo d’oro: Warzone è sulla bocca di tutti per le sue caratteristiche di ottimo battle royale e il remake di Modern Warfare ha messo d’accordo pubblico e critica, ma poco sappiamo dei prossimi episodi della serie. Tuttavia, forse qualcosa si sta muovendo.

Sul Microsoft Store è apparso nelle scorse ore un nuovo shooter targato Activision che potrebbe nascondere una sorta di “slot sotto falso nome” destinato a un nuovo episodio della serie di FPS a sfondo bellico. Un progetto indicato al momento come The Red Door, comparso già lo scorso mese su PlayStation Store.

L’idea è che Activision, in balia delle difficoltà produttive del nuovo gioco (difficoltà dovute al lockdown e ciò che ne è conseguito), stia cercando di aprire dei canali di comunicazione ufficiale per un nuovo progetto attraverso delle “schede fake” che presto potrebbero rivelare la loro vera identità.

Call of duty, activision, the red door, nuovo Call of Duty, Call of Duty The Red Door

Tuttavia, a scatenare altre speculazioni e fantasie potrebbe essere la descrizione che troviamo nella scheda, davvero sfiziosa:

Non c’è una sola verità. Se stai cercando risposte, preparati a mettere tutto in discussione e a comprendere che nulla sarà più come prima. La Porta Rossa ti aspetta, avrai il coraggio di aprirla?

Un claim dai toni tanto mistery che pensarlo come un semplice fake fa quasi tristezza. Che Activision si prepari a lanciare un nuovo FPS, magari dalle atmosfere molto più dark di Call of Duty?

FONTE VG247

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

The last of us Parte II, The last of us, Naughty Dog, Ellie, The Last of Us Parte II finale originale, The Last of Us Parte II finale alternativo

The Last of Us Parte II avrebbe dovuto avere un finale più pessimista

Trackmania, la guida arcade che ci piace | Recensione PC