Annunciato il nuovo gioco free-to-play dei Pokémon

annunciato pokemon cafe mix

Pokémon Cafè Mix è stato annunciato per Nintendo Switch, iOS e Android. Verrà rilasciato il 23 giugno come titolo free-to-play con microtransazioni che permetteranno di acquistare oggetti.

In Pokémon Cafè Mix l’obiettivo del giocatore sarà costruire un bar personale, assumere lo staff e servire gli altri Pokémon. Per fare ciò sarà necessario risolvere dei puzzle composti da vari obiettivi da completare prima di finire i turni: collegare un certo numero di icone, ottenere un punteggio elevato o distruggere i cubetti di zucchero. Tutto farà aumentare il valore del pub e il gradimento degli avventori.

Fondamentale assumere uno staff e prepararlo per farsi dare una mano nell’accontentare i bisogni dei Pokémon che visiteranno il locale.

Per reclutare i Pokémon (con le loro adorabili divise) dovrete portare avanti un rapporto d’amicizia con loro interagendo nel modo giusto. Completando i puzzle, poi, sarà possibile ampliare l’offerta e il menu del bar per andare incontro a tutte le richieste. Ogni membro dello staff di Pokémon Cafè Mix ha un’abilità unica che sarà utile durante i puzzle.

Stando alle informazioni rilasciate da Nintendo.com, sarà importante anche guadagnare o acquistare ghiande d’oro, la valuta di gioco, per continuare i puzzle e ottenere oggetti utili.

Durante i divertenti e simpatici puzzle, dovrete affrontare ostacoli come zollette di zucchero, cucchiaiate di panna montata e pomodori. Abbinando l’abilità di un Pokémon al piatto o al drink che si sta preparando, si potranno ottenere dei bonus.

Insomma, sembra proprio un classico titolo da dispositivi mobile abbinato all’irresistibile stile dei giochi Pokémon. Non abbiamo molte altre informazioni circa le microtransazioni, ma per la presenza di una valuta di gioco, le ghiande d’oro, acquistabili anche con soldi reali, e la possibilità di avere dei vantaggi nei puzzle, immaginiamo che gli oggetti acquistabili non saranno solo cosmetici.

Una meccanica che può piacere o meno, ma che ormai è difficile da evitare in titoli free-to-play.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Gematsu

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

rockstar ferma i cheat razzisti in red dead online

Red Dead Online: Rockstar blocca il fenomeno dei cheat a tema Ku Klux Klan

cris tales copertina

Cris Tales, anteprima a tu per tu con i developer