Da oggi Ammazza che Mazza (I Simpson) è un gioco online gratuito

I Simpson, Ammazza che mazza, ammazza che mazza browser game, ammazza che mazza videogioco, Lee Carvallo's Putting Challenge

Avete presente Ammazza che Mazza, demenziale gioco di golf che chiudeva l’episodio undici della settima serie de I Simpson e che veniva regalato a Bart per Natale? Ecco, da oggi è un vero e proprio “browser game d’autore” da provare per rivivere la magica età d’oro de I Simpson.

Ovviamente il gioco è al momento solo in lingua originale, nella quale ha il titolo di Lee Carvallo’s Putting Challenge, ma poco male.

A diffonderlo è stato niente poco di meno che Bill Oakley, fra i produttori dello show e suo sceneggiatore storico:

https://twitter.com/thatbilloakley/status/1271893517212610560

Volete il link per provare di persona questo classico della mitologia simpsoniana? Certo che lo volete, che domande:

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Kotaku

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Xbox Series X, Microsoft, Xbox, iD@Xbox

Microsoft prepara i team indie alla next-gen: inviati tanti devkit di Series X

cosa vorrei trovare in resident evil VIII

5 cose che vorrei in Resident Evil: Village