Animal Crossing: New Horizons vietato in Cina

Alcuni giocatori di Animal Crossing: New Horizons in Cina stanno usando il videogioco per protestare contro il governo; in risposta a quest’azione politica, il governo sta vietando il gioco, a causa della feature di AC che permette di creare modelli e decorare le proprie isole con tutto quel che si vuole, inclusi slogan di protesta.

Un videogioco come strumento politico

La possibilità di creare “materiale personale” e la diffusione su larga scala del gioco, hanno spinto il governo cinese non solo a vietarlo, ma anche a vietare alla Taobao (corrispettivo di Ebay) di rivendere copie fisiche importate.

Come dice l’analista Daniel Ahmad, i giochi vengono bannati per due motivi: perché il contenuto del gioco o creato dai giocatori sembra offensivo o violento, oppure perché diventa popolare e attira l’attenzione dei piani alti. In questo caso, Animal Crossing: New Horizons soddisfa entrambi i criteri e, come continua D. Ahmad “il gioco è diventato estremamente popolare in Cina, anche lo Shanghai Fire Dept. ha usato AC per creare messaggi in-game”.

Tra l’altro, il gioco non è stato ufficialmente approvato per la vendita in Cina, quindi la Nintendo per la console Switch può vendere copie fisiche e digitali solamente di New Super Mario Bros. U, Super Mario Odyssey e Mario Kart 8 Deluxe.

Nonostante ciò, è rilevante che il ban coinvolga anche la Taobao, la piattaforma principale che fino ad ora ha importato le versioni fisiche e non è chiaro se la Cina renderà legale prima o poi la vendita del videogioco.

Joshua Wong (attivista e politico hongkonghese, fondatore del gruppo di attivisti studenteschi Scholarism e segretario generale del partito democratico Demosistō) è un giocatore affezionato; egli stesso ha utilizzato il gioco per portare avanti proteste pro-democrazia ad Hong Kong, creando immagini satiriche. In alcune prende in giro Carrie Lam (capo esecutivo di Hong Kong dal 1º luglio 2017), mentre altri rappresentano scene funerarie per il leader Xi Jinping.

Anche Studio Incendo, un sito web di notizie e media indipendente di Hong Kong e Giappone, ha supportato Wong, realizzando tramite il gioco video contro Carrie Lam. 

Non è la prima volta che videogiochi vengono vietati in Cina: si ricordi la rimozione del gioco per pc “Devotion” accusato di nascondere messaggi che paragonavano Xi Jinping a Winnie the Pooh, oppure come a febbraio, in concomitanza con lo scoppio dell’epidemia a Wuhan, il gioco Plague Inc. è stato rimosso dagli store perché “includeva contenuti illegali in Cina”.
“La versione fisica di AC è stata importata o dal Giappone, nord America o Europa” continua Ahmad. Tra l’altro, il gioco può essere acquistato online semplicemente cambiando sull’eShop la regione in cui ci si trova ed impostando una in cui è legale.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Benedetta Cinque

Nata (19 Giugno 1997) e cresciuta in provincia di Napoli, a casatiello, acqua e Nintendo DS. La mia esperienza videoludica vera e propria inizia nel 2018, lanciata in orbita con Dark Souls II; da lì un vortice per recuperare tutto quello che mi ero persa.
Nel 2020 mi sono laureata in Lingue e culture comparate, approfondendo l'altra mia grande passione, ovvero la lingua e la cultura russa.
Se fossi ricca asseconderei il mio desiderio di viaggiare per il mondo, ma per ora mi limito a sognare.
Sono sempre pronta ad imparare da chiunque: nessuno detiene la conoscenza, tutti sappiamo qualcosa.

Tra le mie cose/persone preferite: Star Wars, Star Trek, Rick & Morty; Massimo Troisi, Jack Nicholson, Marcello Mastroianni; Dark Souls, Age of Empires, Detroit Become Human; Кино, Mac De Marco, Franco Battiato.

La nuova mod che permette di finire Half-Life: Alyx senza VR è disponibile

valorant sistema anti cheat

Il sistema anti-cheat di Valorant installa un programma esterno sui PC. Riot: “È sicuro”